News 5

Una lettera giunta alla redazione del GXG...

Puntate in alto ragazzi chiedete e vi raccomando urlate... io sono stata fortunata ho rischiato di perdermi dopo sposata in quelle cose da grandi... Urlate perché è un dono che fate a chi vi ascolta anche se magari a primo momento potete dare fastidio urlate e puntate in alto, Lui vi ascoltae vi accompagna nella strada che ha pensato per voi.


Una lettera giunta alla redazione del GXG...

del 08 febbraio 2013

 

 

Cari giovani,

mi avete sconvolto il cuore, ma forse è più vero dire che don Bosco mi ha sconvolto il cuore.

Con regolarità arriva a casa nostra il GXG. Ogni volta che vediamo le vostre foto, i vostri volti il nostro cuore si riempie di gioia, di gratitudine verso Dio e verso don Bosco che ha tanto amato Dio e i giovani da permettere tutt'oggi ancora questi volti sconvolti dal Suo amore.

Avete un dono cari giovani, innamoratevi di Dio, andate per le strade, fate chiasso-confusione, smuovete il silenzio che a una certa età anche non tanto avanzata rischia di entrare insinuarsi dentro la routine delle cose “da grandi” (casa-lavoro-far quadrare i conti-figli- preoccupazioni), gridate forte da svegliarci e darci la possibilità di guardare i vostri sguardi.

Se penso a quando ero giovane come voi, se ripenso hai luoghi di don Bosco visitati tante volte, la  capellina  del rosario, la casa di Domenico Savio, il mio cuore sobbalza.  Mi ricordo un ritiro fatto proprio in quei luoghi, il dono grande delle presone incontrate, che hanno lasciato un segno indelebile nella mia vita, mi ricordo un incontro dove si parlava dei propri desideri, sogni e io dissi che sognavo di essere una buona mamma come mamma Margherita, che ha accolto i figli propri ma che è diventata mamma di tutti quei giovani che don Bosco accoglieva.

Puntate in alto ragazzi, chiedete per voi, per la vostra vita al Signore cose grandi, fidatevi di Lui, io ho chiesto e solo ora dopo anni mi rendo conto che il Signore ci prede sul serio.

Sono sposa, mamma di tre stupendi figli biologici e mamma di Benedetta una piccola che è stata abbandonata dalla nascita per una grave malformazione, siamo stati famiglia  per 4 piccolini che per un tempo ben preciso avevano bisogno di un luogo accogliente e sereno in tanto che i loro genitori risolvevano un po di problemi, non potrò mai diventare come mamma Margherita ma lei mi giuda, lo sento.

Puntate in alto ragazzi   chiedete  e vi raccomando URLATE... io sono stata fortunata ho rischiato di perdermi dopo sposata in quelle cose da grandi che vi dicevo prima (non per cattiveria ma perchè è veramente, veramente  facile) ma l'abitudine alla preghiera, all'adorazione, al mettere tutto davanti a Lui mi ha aiutata ci ha aiutato come famiglia....non tutti però hanno questa fortuna URLATE perché è un dono che fate a chi vi ascolta anche se magari a primo momento potete dare fastidio URLATE e PUNTATE in ALTO, LUI vi  ASCOLTA e vi accompagna nella strada che ha pensato per voi.

Buon Cammino sperando di vedere i vostri volti alla festa dei Giovani se Benedetta starà un pochino bene.

Il Signore tutto sa e se è Sua volontà sicuramente ci vederemo!

 

Ciao,

 

 

Elena Lacovig

 

 

  • testo
  • adolescenti
  • giovani
  • adulti
  • animatori
  • educatori
  • genitori
  • catechisti
  • articolo
  • elena lacovig
  • gioventù
  • cuore
  • amore
  • dio
  • gioia
  • lettera

Mucha Suerte Versione app: f1cd754