Santi Anna e Gioacchino: e se diventasse una festa di famiglia?

 

di Christine Ponsard, tratto da aleteia.org

 

Il 26 luglio, la Chiesa celebra i genitori della Vergine Maria e nonni di Gesù. Perché non approfittare di questa festa liturgica per festeggiare i vostri nonni? Non l’avete mai fatto prima? Un motivo in più per iniziare!

 

Non sapete come dimostrare il vostro affetto ai nonni? Dopo aver già regalato dei fiori, dei cioccolatini, dei soprammobili e dei gioielli, non avete più altre ispirazioni? Ecco alcune idee originali.

 

1 RIUNITE TUTTA LA FAMIGLIA

Riunite tutti i figli e i nipoti (senza dimenticare eventuali pronipoti e bis-bisnipoti). Spesso l’organizzazione è difficile, ma vale la pena provare. In effetti, ci sono delle difficoltà pratiche, tutt’altro che trascurabili ma che trovano quasi sempre una soluzione: fissare una data con molto anticipo (non necessariamente il 26 luglio!), affittare per un fine settimana una grande casa o delle camere in un agriturismo che possano ospitare tutta la tribù, ecc. Ci sono anche degli ostacoli più gravi, come gli ostacoli “spirituali”: dei perdoni rifiutati, dei litigi interminabili… Ma forse è proprio questo dono che i nonni sognano? Vedere i loro figli finalmente riconciliati tra loro.

 

2 ORGANIZZATE UNA FESTA A SORPRESA

Le feste a sorpresa sono riservate ai nonni che amano gli imprevisti! Non c’è niente di più entusiasmante di tendere un “agguato” simile… ed è esaltante prima, durante e dopo. I nonni che vengono “intrappolati” così, gustano la gioia della festa, spensierati, senza aver dovuto pensare a tutti i preparativi!

Inoltre, saranno commossi di vedere così tanto affetto nei loro confronti e la creatività utilizzata per sorprenderli. Per cominciare, potreste presentarvi tutti a casa loro per un pranzo, invitando magari anche qualche loro amico di vecchia data.

 

3 IMPROVVISATE UNO SPETTACOLO

Tutti i generi sono ammessi, ma lo stile dello spettacolo è spesso dettato dall’età degli attori e dalle loro competenze. Ci sono famiglie di musicisti, che improvvisano piccole orchestre e cori (con ripetizioni a distanza), delle famiglie di attori, che mettono in scena delle belle opere teatrali, ed altre che realizzano spettacoli a partire da canzoni e poesie imparate a scuola.

 

4 FATE UN ALBUM DI FAMIGLIA

Quest’opera collettiva può includere foto, poesie, racconti, disegni, ecc. Tutti possono contribuire, in modo che rifletta i talenti e le personalità di ciascuno dei membri della famiglia. Dello stesso genere, si può realizzare una proiezione di foto di famiglia, e i figli e nipoti possono addirittura registrare dei video messaggi. Sono tutti regali e ricordi che i nonni saranno felici di guardare di nuovo quando saranno da soli. Questa è una buona idea quando alcune persone vivono troppo lontano per partecipare ai ritrovi famigliari.

 

5 INVIATE UNA BELLA LETTERA

Le lettere sono insostituibili perché lasciano un ricordo scritto e perché alcune cose non si possono dire diversamente. Inviare una bella lettera, scritta a mano, è un bel regalo, a cui non sempre si pensa.

 

6 PREGATE

Quando è possibile, le feste di famiglia possono dare un vero posto alla preghiera: Santa Messa, momenti di preghiera, pellegrinaggio familiare, ecc. E quando la preghiera comunitaria non è possibile, nulla impedisce a chi lo desidera di pregare per i propri genitori e nonni: nessuno infatti meglio del Signore può riempirli di gioia e di pace e restituire loro il centuplo di tutto ciò che ci hanno dato.

 

Un giorno, e prima di noi senza dubbio, i nostri genitori e i nostri nonni partiranno per la grande festa del Cielo. In quel giorno, forse rimpiangeremo di non aver mostrato loro abbastanza l’amore e l’affetto che avevamo per loro. Quindi, in attesa di ritrovarci tutti nella Gioia eterna, prendiamoci il tempo di celebrarli qui sulla terra!