News 5

“Il Dio della speranza, che ci riempie di ogni gioia...!”

"Quella vita che possediamo e che tanto ci affascina per la sua bellezza non finirà con la morte, ma continuerà in Dio, il Vivente, per sempre!". L'omelia di questa Domenica scritta da don Gianni Ghiglione.


“Il Dio della speranza, che ci riempie di ogni gioia...!”

 

Domenica scorsa mi sono concentrato esclusivamente sull’incontro di Gesù con Zaccheo e ho trascurato le altre letture che la Liturgia proponeva. Mi collego quindi alla prima lettura di domenica scorsa, tratta dal libro della Sapienza, perché mi sembra un’introduzione eccellente al tema odierno che ho voluto sintetizzare con il saluto rivolto dal Celebrante all’Assemblea all’inizio dell’Eucarestia: “Il Dio della speranza...”: sì, perché la Parola di Dio che ascolterai domenica trasuda di speranza, di fede nella vita, nel Dio dei vivi!

 

Dunque la prima lettura diceva: “Tu ami tutte le cose esistenti e nulla disprezzi di quanto hai creato... Tu risparmi tutte le cose, perché tutte sono tue, Signore, amante della vita!”

 

E il salmo responsoriale ci faceva ripetere un’espressione di s. Ireneo: “La gloria di Dio è l’uomo vivente!” Ma ti rendi conto? Solo l’uomo ‘vivente’ è in grado di dare gloria a Dio.

 

Il messaggio di questa domenica è un ricamo di questa verità (i morti risorgono!) che fa capolino già nell’Antico Testamento.

 

Pochi giorni fa abbiamo alzato lo sguardo a contemplare “tutti  i Santi”, cioè tutti coloro che vivono con Dio, che sono “pari agli angeli e sono figli di Dio, dal momento che sono figli della risurrezione” (Luca 20, 36).

 

Nel giorno della commemorazione dei defunti, il pensiero della morte ci ha posto tanti interrogativi che cerco di far emergere, perché sono gli stessi dei sadducei del Vangelo.

 

Che ne sarà dell’uomo dopo la morte? È il problema fondamentale dell’esistenza.  Se la vita presente è tutto, se non c’è speranza oltre la morte, è chiaro che è perso tutto e definitivamente.

 

Non c’è progetto che possa imporsi, se tutti hanno un termine che li livella. Lo stesso progresso sembra avere uno smacco fatale e definitivo se si conclude nel nulla della morte.

 

L’impegno, il lavoro, la gioia hanno un valore se con essi avviene una nostra realizzazione; ma se con la morte tutto finisce e noi non possiamo goderne, se non possiamo sederci alla mensa per cui ci siamo sacrificati per tutta la vita, tutto sembra avere un’inconsistenza radicale.

 

Se il dialogo d’amore con le persone finisce per sempre, l’amore non è più il fulcro della vita dell’uomo, ma semplicemente una cosa tra le tante. È questo il problema posto dai sadducei a Gesù.

 

 

1. Leggi per tuo conto il brano del Vangelo, di cui ora cerco di fornirti una rilettura facilitata e commentata.

 

Siamo al cap. 20 del vangelo di Luca, il capitolo dello scontro di Gesù con i capi giudei, che gli rivolgono tre interrogativi, che hanno il sapore più di accusa o di tranello che di ricerca della verità. Eccoli:

 

 

  1. Con quale autorità Gesù agisce
  2. Se sia lecito pagare il tributo a Cesare
  3. Se i morti risorgono

 

 

Quest'ultimo viene dai sadducei. Chi sono costoro? Si tratta di un gruppo aristocratico di sacerdoti e di laici facoltosi, che prende il nome dal sacerdote Sadoc del tempo di Davide. Erano aperti alla cultura ellenista e favorevoli al potere romano; in ambito religioso sono conservatori e si attengono unicamente alla Torà di Mosé (primi 5 libri della Bibbia), per cui rifiutano la Tradizione e le dottrine più recenti, come appunto quella riguardante la risurrezione dai morti, attestata per la prima volta nel libro di Daniele (12, 2-3).

 

La questione viene posta per mezzo di un caso concreto in cui viene applicata la legge del ‘levirato’ (levir significa ‘cognato’): la storia della donna e dei sette fratelli, che uno dopo l’altro l’hanno in moglie e muoiono senza lasciare discendenza. Il tutto non senza una punta di ironia! L’interrogativo posto a conclusione vuole mettere in imbarazzo Gesù, la cui posizione circa la vita futura e la risurrezione è nota. Chiedendo “di chi sarà moglie?”, i sadducei pensano di mostrare l’assurdità della dottrina che essi respingono.

 

Gesù risponde illuminando il concetto di risurrezione: il matrimonio è una realtà del mondo presente. Quanti appartengono al mondo futuro “non prendono né moglie né marito”. Il matrimonio infatti, essendo ordinato alla trasmissione della vita, è legato alla condizione mortale dell’uomo. Per questo Gesù continua: “... infatti non possono più morire”. La risurrezione implica l’immortalità, come dono di Dio.

 

Diventati “figli della risurrezione”, ossia partecipi di essa, sono “pari agli angeli”, in quanto non soggetti alla morte, e “figli di Dio”, elevati cioè a una condizione divina, come gli angeli stessi (e come Cristo attraverso la sua risurrezione).

 

Precisato il concetto di risurrezione, contro una visione grossolana della verità, Gesù ritorna al fondamento biblico della dottrina. Anche Lui cita la Torà, e rimanda i suoi avversari a una testimonianza di Mosè: “Dio di Abramo, Dio di Isacco, Dio di Giacobbe...”  Con questo appellativo Mosè esprime la convinzione che i patriarchi sono vivi. Sarebbe blasfemo affermare che JHAWE’ è il Dio dei morti: “non è un Dio dei morti, ma dei vivi, perché tutti vivono per Lui!”, ossia in forza della vita che egli loro conferisce.

 

Al termine della disputa Gesù riceve i complimenti (“Maestro, hai parlato bene!”) da parte di alcuni dell’uditorio, che sono d’accordo con Lui.

 

 

2. Quella vita che possediamo e che tanto ci affascina per la sua bellezza non finirà con la morte, ma continuerà in Dio, il Vivente, per sempre!  “La vita non è tolta, ma trasformata!” sentiamo ripetere ad ogni Messa di funerale.

 

Da subito risuona nella Chiesa dei primi anni l’annuncio della risurrezione di Gesù, come primizia e caparra della nostra. Noi siamo destinati a essere “gloria” di Dio in questa vita e per l’eternità!  Dio non disprezza, non annienta nulla di quanto ha creato.

 

Questa è la fede che fonda la nostra speranza!

 

Don Gianni

 

 

  

 

Ti allego un documento bellissimo che commenta il Dio della vita

 

 

La storia di due gemelli che si parlavano nell’utero materno.

 

 

La sorella diceva al fratello: “Io credo che vi sia una vita dopo la nascita”. Il fratello protestava violentemente: “No, no, è tutto qui, questo è un luogo oscuro e intimo e non abbiamo altro da fare che restare attaccati al cordone che ci nutre.” La sorellina insisteva: “Dev’esserci qualcosa di più che questo luogo oscuro. Dev’esserci qualcos’altro, un luogo di luce, dove c’è libertà di muoversi”. Ma non riusciva a convincere il fratello.

 

 

Dopo un momento di silenzio la sorella disse esitante: “Ho qualcos’altro da dire e ho paura che non crederai nemmeno a questo, ma penso che ci sia una madre”. Il fratello s’infuriò: “Una madre?” gridò. “Ma di che cosa parli? Non ho mai visto una madre e nemmeno tu. Chi ti ha messo in testa questa idea? Come ti ho detto, questo posto è tutto quello che abbiamo. Perché vuoi sempre qualcosa di più? Non è un posto tanto male, dopotutto. Abbiamo tutto quello di cui abbiamo bisogno, accontentiamoci dunque!”

 

 

La sorella fu ridotta al silenzio dalla risposta del fratello e per un po’ di tempo non osò dire più nulla. Ma non riusciva a liberarsi dai suoi pensieri e dato che aveva soltanto il fratello gemello con cui parlare, alla fine disse: “Non senti ogni tanto degli spasimi? Non sono piacevoli e qualche volta fanno male”. “Sì, rispose lui; che cosa c’è di particolare in questo?”. “Bene, disse la sorella, io penso che questi movimenti ci siano per preparaci a un altro luogo, molto più bello di questo, dove vedremo nostra madre faccia a faccia. Non ti sembra meraviglioso?”  Il fratello non rispose. Era stanco di tutto quello sciocco parlare della sorella e sentiva che la cosa migliore da fare era semplicemente ignorarla e sperare che l’avrebbe lasciato in pace.

 

 

don Gianni Ghiglione

Versione app: 3.13.5.5 (0d94227)