News 5

Le professioni delle Figlie di Maria Ausiliatrice.

Oggi 5 agosto molte Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA) rinnovano la professione religiosa. Alcune fanno oggi la loro prima professione altre domani, tra queste Barbara Callovi, Jessica Soardo, Serena Centenaro del Triveneto a Castelgandolfo (Roma).


Le professioni delle Figlie di Maria Ausiliatrice.

del 05 agosto 2014

 

 

Oggi 5 agosto molte Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA) rinnovano la professione religiosa. Alcune fanno oggi la loro prima professione altre domani, tra queste Barbara Callovi, Jessica Soardo, Serena Centenaro del Triveneto a Castelgandolfo (Roma).

 

A Mornese è lo stesso Don Ángel Fernández Artime, Rettor Maggiore dei Salesiani, a presiedere la celebrazione emulando Don Bosco, il quale partecipò, il 5 Agosto del 1872, data istitutiva del nuovo Istituto, alla prima professione religiosa di Maria Domenica Mazzarello e delle sue 10 compagne. Ma se oggi il 5 Agosto è una data assolutamente tradizionale, a quell’epoca la scelta avvenne in modo piuttosto originale…

Don Bosco si recò a Mornese 11 volte tra il 1864 e il 1878, e nel 1872 avvenne la sua sesta visita.La costruzione del Collegio stava per finire, ma mancava ancora la casa del Parroco; per questo don Pestarino dovette adibire la casa dell’Immacolata, di sua proprietà, quale canonica provvisoria per don Valle. Le Figlie dell’Immacolata, che fino ad allora avevano risieduto presso la casa dell’Immacolata – gestendo un piccolo internato, per orfanelle, e un laboratorio di sartoria per le ragazze del paese – dopo una sistemazione provvisoria, si trasferirono definitivamente al Collegio e vi arrivarono, con i bachi da seta, la sera del 23 Maggio 1872.

La diocesi di Acqui era stata senza vescovo dalla morte di mons. Contratto, nel 1867, e nell’Epifania del 1872 era giunto come vescovo mons. Sciandra, privo però delle lettere dimissorie (il placet) del governo. Poiché nel Giugno 1872 mons. Sciandra si ammalò di polmonite e, privo delle lettere dimissorie, non poteva usare i beni della diocesi, il presule pensò di trascorre l’estate a Mornese, dove il Collegio era ormai ultimato e il clima era salubre.

Nel frattempo Don Bosco e don Pestarino avevano stabilito che era ora di realizzare il progetto della fondazione del nuovo Istituto di suore: “Le Figlie di Maria Ausiliatrice”. Le Figlie dell’Immacolata, che venivano seguite in modo particolare, furono avvisate che il 3 Agosto avrebbero iniziato gli Esercizi Spirituali e che chi l’avesse desiderato, tra quelle che avevano fatto un cammino formativo, l’8 Agosto avrebbe potuto fare la prima professione religiosa, nel nuovo Istituto.

Don Bosco fece però sapere a mons. Sciandra che l’8 Agosto non avrebbe potuto partecipare, e che le professioni sarebbero dovute avvenire nelle mani del vescovo. Sollecitato dal vescovo stesso, però, giunse a Mornese il 4 sera, e visto che non poteva trattenersi a lungo, le professioni vennero stabilite per il 5, di mattino. Così fu, e alla sera Don Bosco già tornava a Torino per altri impegni.

 

 

Redazione

 

 

  • testo
  • adolescenti
  • giovani
  • adulti
  • insegnanti
  • studenti
  • animatori
  • educatori
  • genitori
  • catechisti
  • redazione
  • articolo
  • professione perpetua
  • fma

Mucha Suerte Versione app: 513c99e