News 5

Giornata contro la tratta

Suor Bonetti: il Papa ci dice che non possiamo restare indifferenti.“Grida con forza e senza paura: no alla schiavitù”: è il vibrante appello contro la tratta degli esseri umani che l'allora cardinale Jorge Mario Bergoglio, levò a Buenos Aires...


Giornata contro la tratta

del 23 agosto 2013

 

 

“Grida con forza e senza paura: no alla schiavitù”: è il vibrante appello contro la tratta degli esseri umani che l’allora cardinale Jorge Mario Bergoglio, levò a Buenos Aires nel settembre dell’anno scorso. La lotta a questa nuova forma di schiavitù è stata tra gli impegni più forti portati avanti da Papa Francesco quando era arcivescovo della capitale argentina. Ogni anno, il 23 agosto – Giornata internazionale per l’abolizione della tratta di persone – il cardinale Bergoglio celebrava una Messa per le vittime della tratta e lo faceva in una piazza della metropoli porteña. Un impegno che dunque Papa Francesco prosegue in Vaticano con l’annuncio, ieri, del Convegno sulla tratta che si terrà il prossimo novembre alla Casino Pio IV. Proprio su questa iniziativa, Alessandro Gisotti ha raccolto il commento entusiasta di suor Eugenia Bonetti, missionaria della Consolata, da sempre impegnata contro la tratta delle donne:

 

  ---

 

R - Questo ci ha riempito il cuore di tanta gioia: poter vedere anche un impegno maggiore a livello di Chiesa e di Vaticano, anche, in modo particolare, che si sta realizzando. Veramente, abbiamo la possibilità di fare emergere questo problema non solo da un punto di vista di legislazione, ma soprattutto da un punto di vista di sensibilizzazione e di formazione, perché la tratta di esseri umani dev’essere vista sotto diversi aspetti. Abbiamo tutti una grande responsabilità e tutti la possibilità di spezzare gli anelli di questa terribile catena. Secondo le ultime statistiche dell’Unicri, si parla di 21 milioni di persone rese schiave ancora oggi 

 

D - Quando era a Buenos Aires, il cardinale Bergoglio ogni anno celebrava proprio il 23 agosto, Giornata internazionale contro la tratta, una Messa in una piazza: si sente che non è qualcosa che lo tocca solo superficialmente, è qualcosa che lo tocca nel profondo …

 

Noi l’abbiamo notato immediatamente, anche durante il primo messaggio di Pasqua quando lui ha parlato della tratta di esseri umani come “nuove forme di schiavitù di questo secolo”, e l’ha ripetuto due volte. Quindi, per noi questo era stato già il primo segnale che il Papa era cosciente di questa terribile piaga che veramente distrugge la vita di tante persone innocenti, di tante persone che hanno bisogno di aiuto, che si trovano nelle maglie di questi trafficanti. Poi, nell’occasione dell’incontro del Pontificio Consiglio per la pastorale dei migranti, un altro fortissimo richiamo che il Papa ha fatto, dicendo: “Ribadisco che la tratta delle persone è un’attività ignobile nella quale sfruttatori e clienti, a tutti i livelli, dovrebbero fare un serio esame di coscienza, davanti a se stessi e davanti a Dio”. Quindi, ancora una volta lui ha messo anche insieme non solo i trafficanti di persone, ma anche chi ci guadagna!

 

Come anche ha detto a Lampedusa: ha messo l’accento sul contrastare la globalizzazione dell’indifferenza. Ecco, anche in questo caso, il richiamo non solo a chi sfrutta ma anche ai cosiddetti “clienti” …

 

Ma certamente! Io dico sempre: la nostra indifferenza è già colpevolezza, perché noi veramente, in modo particolare come cristiani, non possiamo accettare con indifferenza la situazione di migliaia e migliaia di persone che anche nella nostra Italia – purtroppo! – sono vittime di sfruttamento, e in modo particolare non solo per lavoro o per accattonaggio, ma soprattutto per la tratta di esseri umani per sfruttamento sessuale. E qui, nell’80 per cento, sono donne e minori: sono moltissimi, oggi, i minori vittime di questa tratta di esseri umani. E allora, questa iniziativa del Vaticano l’accogliamo con gioia e con speranza, perché davvero ci auguriamo di poter essere anche coinvolti come realtà, come Associazione che da anni sta lavorando e lottando per restituire ad ogni persona la propria identità e dignità, così come è stata voluta da Dio. Ecco: vorremmo poter essere parte di questa organizzazione, di questo incontro per poter offrire il nostro contributo.

 

 

Alessandro Gisotti

 

 

  • testo
  • adolescenti
  • giovani
  • adulti
  • insegnanti
  • studenti
  • animatori
  • educatori
  • genitori
  • catechisti
  • alessandro gisotti
  • articolo
  • intervista
  • schiavitù
  • papa francesco
  • suor eugenia bonetti
  • tratta
  • chiesa

Mucha Suerte Versione app: 3.8.3.0 (931897f)