News 5

Con i piedi per terra, ma non troppo

I giovani del terzo millennio sono, spesso, rinunciatari, disillusi, realisti fino alla rassegnazione.


Con i piedi per terra, ma non troppo

del 07 luglio 2014

 

 

"Tieni i piedi per terra. Non perdere di vista la realtà. Non fare progetti al di fuori della tua portata. Non sognare troppo in grande, se non vuoi rischiare di rimanere deluso!".

La paura di scottarsi e di andare incontro ad una delusione cocente, il timore di illudersi e di dover poi fare i conti con una realtà che è sempre più avara di opportunità e di spazi di realizzazione spingono molti giovani a fare di un esasperato realismo il loro imperativo di vita, foriero di fatalismo e di disincanto. I giovani del terzo millennio sono, spesso, rinunciatari, disillusi, realisti fino alla rassegnazione. Partono già sconfitti prima ancora di cominciare a fare progetti e a fantasticare sul loro futuro. Scelgono a quale facoltà iscriversi o quale percorso di formazione intraprendere in funzione della richiesta e della "spendibilità" sul mercato di determinati profili professionali, anche a costo di sacrificare sull'altare di un disincantato pragmatismo i loro interessi e le loro aspirazioni più profonde. Rinunciano a priori ad inseguire un sogno che gli sembra troppo grande e con scarsi margini di realizzazione, per convogliare le loro energie e i loro investimenti esistenziali in progetti che mostrano un più alto grado di fattibilità. Si auto-convincono sin da adolescenti - o, forse, si lasciano convincere - che sognare troppo fa male, perché distoglie dal raggiungimento di obiettivi concreti e di immediata utilità.

Sono così bravi a calcolare costi e benefici di ogni loro scelta, a confrontare opzioni diverse per scegliere quella più "vantaggiosa", a schivare possibili rischi e delusioni sulla strada della loro realizzazione professionale, affettiva ed esistenziale che, a volte, perdono di vista i loro interessi, i loro sogni, le loro passioni più autentiche, accontentandosi di traguardi magari meno gratificanti, ma più sicuri e a più breve scadenza. Volano basso per non rischiare di cadere e, intanto, vivono a metà, con il freno a mano tirato, rinunciando a fare di più, a investire maggiori energie nella costruzione del loro futuro, ma soprattutto mortificando la loro innata vocazione ad osare e a mettersi in gioco per realizzare qualcosa di grande.

È l'eterno dilemma tra il certo e l'incerto, tra la logica utilitarista e calcolatrice del massimo risultato con il minimo sforzo e quella, ben più rischiosa, della scommessa, tra un realismo spinto fino al disincanto e allo scetticismo più radicali e il desiderio mai sopito di volare più in alto e realizzare i propri sogni. Forse, come spesso accade, anche in questo caso in medio stat virtus. Pur facendo tesoro della prudenza e del pragmatismo cui li sollecita la presente fase storica, i giovani hanno bisogno di riappropriarsi della capacità di sognare, di rischiare, di scommettere sul proprio futuro, che ormai appare come atrofizzata e prigioniera di un troppo lucido cinismo. Pur mantenendo i piedi ben piantati per terra, hanno bisogno di tornare ad alzare lo sguardo, per accorgersi delle piccole e grandi occasioni che la vita offre loro, per lasciarsi di nuovo affascinare dalla bellezza del mondo, per ricominciare a scrutare speranzosi l'orizzonte di un futuro che non riserva loro solo difficoltà e potenziali fallimenti, ma anche stimoli costruttivi e opportunità di crescita. E forse così ritroveranno anche quel coraggio e quell'audacia che soli possono aiutarli a spiegare le ali e a spiccare il volo e si rammenteranno che vale la pena correre il rischio di essere felici.

 

Qualcosa sta cambiando, tu sai che è inevitabile,

ma è fresco questo vento che si sta alzando...

È questo il giorno delle verità

o sei solo tu che vivi a metà?

Vuoi prenderti tutto, non nasconderlo,

non puoi dire no, non ti crederò.

Io so che tu vuoi correre, ridere, urla, non ti sento.

Sei giovane, sei lucido, nel giorno delle verità...

Non credere alle favole, ma neanche alla realtà,

a tutti quegli scrupoli che non ti fanno vivere.

Non perderti mai niente che tenga in vita questo fuoco.

Illuditi, convinciti che no, tu non ti brucerai,

se sei tu che vivi come me,

se sei tu, mi devi credere, se sei tu che vivi...

 

(Negrita, Il giorno delle verità, 2011)

 

 

Alessandra Mastrodonato

http://www.biesseonline.sdb.org

 

 

  • testo
  • adolescenti
  • giovani
  • adolescenti
  • insegnanti
  • studenti
  • animatori
  • educatori
  • genitori
  • catechisti
  • alessandra mastrodonato
  • articolo
  • realtà
  • progetto
  • futuro
  • rischio
  • desiderio
  • realismo
  • cinismo

Mucha Suerte Versione app: 83ab057