News 5

Chicche dal Congresso Mondiale dei Salesiani Cooperatori

In questi giorni, da giovedì 8 a Domenica 11 novembre, si sta tenendo a Roma il Congresso Mondiale dell'Associazione Salesiani Cooperatori. "Oggi il Rettor Maggiore ci ha chiesto di sporcarci le mani nel mondo, di diventare un lievito per l'umanità, di scendere in campo con decisione. Militanza l'ha chiamata. Un lavoro da iniziare oggi".


Chicche dal Congresso Mondiale dei Salesiani Cooperatori

da MGS News

del 09 novembre 2012 

 

In questi giorni, da giovedì 8 a Domenica 11 novembre, si sta tenendo a Roma il Congresso Mondiale dell'Associazione Salesiani Cooperatori.

I rappresentanti della nostra Provincia sono Daniele Castagna, Chiara Bertato e il coordinatore Alessandro Cristofoli. Inoltre, dalla nostra provincia saranno presenti anche Ivo Borri (come consigliere mondiale referente per la regione Italia-Medio Oriente-Malta), Roberto Lorenzini e Luigi Sarcheletti (quali coordinatori mondiali emeriti).            Affidiamo tutti i partecipanti ed il loro lavoro alla preghiera di tutte le cooperatrici e di tutti i cooperatori affinché i lavori portino alla stesura di un Progetto di Vita Apostolico (Statuto e Regolamento) equilibrato, in linea con i tempi e ricco del nostro carisma salesiano.

CHICCHE che hanno illuminato la giornata:

"Senza il dono della Fede la vita è un problema ed un enigma, non un mistero".   "Vedo i laici della Famiglia Salesiana troppo quieti, non ancora in piedi. E' il tempo di un laicato con maggior identità, impegno e responsabilità" (don Pascual Chavez).

Abbiamo trascorso una intensa giornata tra volti scuri, ambrati e biancolatte. C'è veramente il mondo raccolto in questo tempo di lavoro: sì, perchè di lavoro si tratta. Oggi il Rettor Maggiore ci ha chiesto di sporcarci le mani nel mondo, di diventare un lievito per l'umanità, di scendere in campo con decisione. Militanza l'ha chiamata. Un lavoro da iniziare oggi.

Parte anche la revisione del Progetto di Vita Apostolica: approvazione del regolamento del Congresso, lettura e votazione dei primi otto articoli dello Statuto. Un lavoro iniziato oggi, da continuare con grinta nei prossimi giorni anche affrontando il Regolamento. Il 4° Congresso Mondiale dei Salesiani Cooperatori: di cosa si tratta?

ll tema del congresso – Il Progetto di Vita Apostolica: via di fedeltà al carisma di Don Bosco – si concretizzerà nel conseguimento dei tre obiettivi principali: approvazione definitiva del Progetto di Vita Apostolica (PVA); nomina del nuovo Coordinatore Mondiale; definizione delle linee programmatiche per i prossimi sei anni.

I lavori sono stati aperti giovedì 8 novembre dai saluti del Coordinatore mondiale, dott. Rosario Maiorano, del Rettor Maggiore, e di Madre Yvonne Reungoat, Superiora delle Figlie di Maria Ausiliatrice.

Il dott. Maiorano, ricordando la missione del salesiano cooperatore – “essere la proiezione viva della perfetta ‘humanitas’ del Cristo incarnato in mezzo ai giovani ed ai poveri, sull’esempio e l’insegnamento di Don Bosco” – ha descritto il percorso di verifica e approvazione del PVA varato ad experimentum nel 2006.

Con definizione del PVA in questo congresso si conferma definitivamente anche il cambio di identificativo: Salesiani Cooperatori. Una scelta che ribadisce la realtà carismatica, un ritorno alle origini e al cuore di Don Bosco, e “vincolare più saldamente alla comune missione salesiana il nostro impegno nella Famiglia di Don Bosco”. Don Bosco, infatti, inizialmente pensava che un ramo della sua nascente congregazione dovesse essere composta da salesiani esterni: “Qualunque persona anche vivendo nella propria casa in seno alla propria famiglia può appartenere alla nostra Società” (MB VII 885).

“Sono qui per testimoniare la nostra presenza di gruppo storico della Famiglia salesiana che, con i Salesiani, i Salesiani Cooperatori e l’Associazione di Maria Ausiliatrice, condivide il privilegio e la responsabilità di essere stato fondato direttamente da Don Bosco”, ha detto la Superiora delle fma ricordando come gli eventi che la Chiesa sta vivendo – l’Anno della Fede, l’anniversario di apertura del Concilio Vaticano II, il recente sinodo sulla Nuova Evangelizzazione – sono una “preziosa consegna che ci impegna a testimoniare la vita cristiana nei vari continenti”.

Il PVA deve essere affiancato dalla “Carta di Identità della Famiglia Salesiana” che “sottolinea l’importanza delle comuni radici della spiritualità salesiana dei diversi gruppi, partecipi dell’unico carisma che crea unità e senso di appartenenza, dona significatività a tutta la Famiglia salesiana, pur nella diversità delle vocazioni al suo interno”, ha detto la Superiora delle fma. La Famiglia salesiana costituisce “una rete indispensabile, un ancoraggio fondamentale per vivere in modo fecondo il nostro tempo, caratterizzato da grandi mutamenti” e ha un orizzonte apostolico ben chiaro: “Vorremmo che i nostri giovani, tutti i giovani tornassero a sognare e a sperare”.

L’Associazione dei Salesiani Cooperatori, fondata da Don Bosco nel 1876, è composta da laici, religiosi e sacerdoti che s’impegnano a vivere e operare secondo il carisma salesiano come servizio specifico alla Chiesa nell’educazione e evangelizzazione.

Sono circa 30.000 i Salesiani Cooperatori nel mondo e s’impegnano, con questo Congresso, per una maggiore visibilità a livello ecclesiale, sociale e politico, al servizio dell’educazione e dell’evangelizzazione dei giovani.

Il 4° congresso dei SSCC si concluderà domenica 11 novembre con la partecipazione, in piazza San Pietro, all’Angelus del Papa.

Chiara Bertato

  • articolo
  • testo
  • chiara bertato
  • giovani
  • educatori
  • cooperatori
  • salesiani
  • adulti
  • rettor maggiore

 

Mucha Suerte Versione app: 4e799cb