News 6

Alcuni dati della ricerca “Lo stile di vita dei bambini e dei ragazzi”

Tre ragazzi su cinque trascorrono il tempo libero chiusi in casa...


Alcuni dati della ricerca “Lo stile di vita dei bambini e dei ragazzi”

del 24 giugno 2016

 

Tre ragazzi su cinque trascorrono il proprio tempo libero al chiuso, in casa, propria o di amici.

Oltre un quinto dei bambini (23%) in Italia non svolge regolarmente attività motorie nel tempo libero e circa un minore su dieci non le pratica neppure in ambito scolastico (11%), per mancanza di spazi attrezzati o perché non previste nel programma scolastico. Un ragazzo su cinque passa da una a due ore al giorno giocando con i videogame.

 

Sono alcuni dei dati emersi dalla ricerca, presentata ieri a Roma, “Lo stile di vita dei bambini e dei ragazzi” realizzata da Ipsos per Save the Children e il Gruppo Mondelƒìz in Italia. Uno studio proposto in occasione dei cinque anni di “ProntiPartenzaVia!”, progetto promosso nelle aree periferiche di 14 città a favore della pratica motoria e sportiva e dell’educazione alimentare dei bambini, realizzato in collaborazione con diverse associazioni, che ha coinvolto oltre 105 mila beneficiari tra bambini e genitori e più di 1.500 figure specializzate.

 

Secondo la ricerca, tra i genitori dei ragazzi che stanno a casauno su tre lo attribuisce alla mancanza di spazi all’aperto vicino a casa dove incontrare gli amiciL’83% dei genitori dichiara di conoscere le regole per una corretta alimentazione, ma il 38% dei ragazzi mangia quotidianamente davanti alla tv.

 

Circa un minore su 10 non fa colazione a casa tutti i giorniPoco è il tempo libero che i figli trascorrono con i propri genitori al di là dei pasti e senza guardare la tv: per il 36% dei ragazzi è meno di un’ora al giorno durante i giorni feriali (il dato in Puglia balza al 48%).

 

Se il 12% dei bambini e ragazzi in Italia pranza abitualmente a casa solo (il 27% dei ragazzi pugliesi, seguiti dal 19% di quelli di Ancona), la cena rimane un forte momento di aggregazionel’84% dei ragazzi intervistati dichiara di consumare il pasto serale in famiglia.

 

Ma nel 38% dei casi la tv è ospite d’onore a tavola e, secondo quanto dichiarato dai ragazzi, nel 52% dei casi ai genitori va bene così, nel 41% dei casi borbottano ma si rassegnano, mentre un residuo 7% guarda la tv a pranzo o a cena quando i genitori non sono presenti.

 

 

Davide De Amicis

http://www.laporzione.it

 

  • testo
  • giovani
  • adulti
  • animatori
  • educatori
  • articolo
  • davide de amicis
  • redazione laporzione
  • catechisti
  • stile di vita
  • tempo libero
  • ragazzi
  • società

Mucha Suerte Versione app: 513c99e