Formazione ed Educazione

Un ragazzo su tre si accontenta della licenza media

I dati sul grado di istruzione degli italiani rilevati dal censimento 2001 (www.istat.it) ed elaborati da Tuttoscuola riservano molte sorprese, come capita, ad esempio, tra i 7,7 milioni di giovani di età compresa tra i 20 e i 29 anni. TuttoscuolaNews elabora i dati Istat: il 31,7% dei giovani si ferma alla scuola dell' obbligo.


 

da Attualità

del 01 gennaio 2002

 Un ragazzo su tre si accontenta della licenza media. Il 31,7% dei giovani si ferma alla scuola dell' obbligo, rinunciando a proseguire gli studi. Con il meridione che si aggiudica il primato della scolarizzazione ai minimi livelli. Mentre il record di laureati non si trova più al Centro-Sud ma al Nord. Lo afferma un'anticipazione di TuttoscuolaNews, che ha elaborato dati dell'Istat sul censimento 2001.

 

Quasi un terzo di loro (31,71%) si è accontentato della licenza media e non ha proseguito gli studi (e, se lo ha fatto, si è fermato poco dopo).

 

 Secondo l'indagine, il Sud ha perso anche il record per numero di laureati. Considerando i giovani con età compresa fra i 20 e 29 anni (7,7 milioni), ben un terzo si è fermato alla scuola dell' obbligo. Si tratta del 38,9% degli under 30 in Sardegna, del 36,3% in Puglia, del 35,1% in Sicilia, del 34,6% in Campania.

 

 

Ancora una volta sono le regioni meridionali a detenere questo non invidiabile primato di scolarizzazione ai minimi livelli: i giovani under 30 della Sardegna sono al 38,73%, quelli della Puglia al 36,35%, quelli della Sicilia al 35,91% e quelli della Campania al 34,66% ( ).

 

 

Stupisce però che sotto la media nazionale si trovino anche i giovani valdostani, gli altoatesini e i lombardi.

 

 

Gli umbri, i laziali e gli abruzzesi sono in una condizione migliore, compresa tra il 22,8% e il 25,9% di giovani under 30 con la sola licenza media.

 

 

La provincia dove ci si ferma prima a scuola? Oristano, dove il 41% dei ragazzi tra i 20 e i 29 anni non è andato oltre la terza media. Poco meglio si è fatto a Nuoro (40,86%) e a Bolzano (39,65% si sono fermati alla terza media in quella fascia di età). Le aree di eccellenza da questo punto di vista le troviamo invece nella provincia di l’Aquila, seguita da Terni, Perugia e Roma, dove non superano il 22-24% i giovani che dispongono della solo terza media. Una percentuale comunque non altezza della 'società della conoscenza' verso la quale si vorrebbe tendere.

 

 

 

 

 

 

Sotto la media nazionale però ci sono anche i giovani valdostani, gli altoatesini e i lombardi.

 

 

 Gli umbri, i laziali e gli abruzzesi sono in una condizione migliore, compresa fra il 22,8% e il 25,9%. La provincia dove ci si ferma prima a scuola è Oristano (41%); segue Nuoro (40,8%) e Bolzano (39,6%). Le aree di eccellenza invece si trovano a L'Aquila, segue Terni, Perugia, Roma, dove questa categoria di studenti si limita al 22-24%.

 

 

 Per quanto riguarda i laureati il primato non si trova più al Centro-Sud ma al Nord. Considerando la fascia di età con oltre 30 anni, quasi 8 italiani su 100 (7,9%) possiedono una laurea. La maggiore incidenza è nelle regioni centrali e meridionali: l'11,5% nel Lazio (Roma il 13,4%), l'8,5% in Calabria, l'8,4% in Campania, il 7,9% in Sicilia. L'unica regione a rompere il primato è la Liguria con l'8,4% di laureati.

 

 

 Rispetto a questi dati, se si considerano invece i laureati con meno di 30 anni, la tendenza è del tutto capovolta: in testa con la più alta percentuale di laureati ci sono ora i liguri, gli emiliani, i lombardi; mentre i calabresi, i campani e i siciliani sono precipitati agli ultimi posti. Anche i laziali hanno perso la leadership, retrocedendo al quarto posto. 

La provincia con la più alta percentuale di laureati con meno di 30 anni? Bologna, dove un giovane su 10 è laureato. Roma, invece, passa dal primo al settimo posto, dopo Bologna, Genova, Milano, Parma, Trieste e Piacenza. All'ultimo posto quattro province siciliane (Palermo, Ragusa, Caltanissetta, Agrigento) e tre sarde (Cagliari, Nuoro, Oristano) dove è laureato solo il 3-4% degli under 30.

 

 

 

 

Licenza media tra 20 e 29 anni

 

 

 

 

 

 

Umbria

 

 

22,81%

 

 

Lazio

 

 

25,87%

 

 

Abruzzo

 

 

25,88%

 

 

Friuli Venezia Giulia

 

 

26,14%

 

 

Marche

 

 

27,05%

 

 

Liguria

 

 

27,27%

 

 

Basilicata

 

 

28,15%

 

 

Emilia Romagna

 

 

28,80%

 

 

Molise

 

 

28,83%

 

 

Calabria

 

 

29,62%

 

 

Veneto

 

 

30,65%

 

 

Toscana

 

 

31,30%

 

 

Lombardia

 

 

31,82%

 

 

Trentino Alto Adige

 

 

32,35%

 

 

Piemonte

 

 

34,02%

 

 

Valle d'Aosta

 

 

34,49%

 

 

Campania

 

 

34,66%

 

 

Sicilia

 

 

35,91%

 

 

Puglia

 

 

36,35%

 

 

Sardegna

 

 

38,73%

 

 

 

 

 

 

 

 

ITALIA

 

 

31,71%

 

 

Elaborazione Tuttoscuola su dati Istat-Censimento 2001

 

 

 

 

 

 

 

 

Incidenza dei licenziati di scuola media

 

 

sotto i 30 anni  nelle province (stralcio) 

 

 

 

 

 

 

n.

 

 

Provincia

 

 

%

 

 

1

 

 

L'Aquila

 

 

22,13%

 

 

2

 

 

Terni

 

 

22,67%

 

 

3

 

 

Perugia

 

 

22,86%

 

 

4

 

 

Roma

 

 

24,05%

 

 

5

 

 

Trento

 

 

24,81%

 

 

6

 

 

Ancona

 

 

24,95%

 

 

7

 

 

Genova

 

 

25,10%

 

 

8

 

 

Udine

 

 

25,13%

 

 

9

 

 

Chieti

 

 

25,39%

 

 

10

 

 

Pescara

 

 

25,42%

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

94

 

 

Cagliari

 

 

38,10%

 

 

95

 

 

Prato

 

 

38,14%

 

 

96

 

 

Brindisi

 

 

38,80%

 

 

97

 

 

Biella

 

 

38,80%

 

 

98

 

 

Brescia

 

 

38,82%

 

 

99

 

 

Ragusa

 

 

39,08%

 

 

100

 

 

Caltanissetta

 

 

39,16%

 

 

101

 

 

Bolzano

 

 

39,65%

 

 

102

 

 

Nuoro

 

 

40,86%

 

 

103

 

 

Oristano

 

 

41,02%

 

 

Elaborazione Tuttoscuola su dati Istat-Censimento 2001

 

 

 

 

 

Confronto regionale dell’incidenza dei laureati nella popolazione

 

 

                            sotto i 30 anni età e sopra

 

 

 

 

 

 

Regioni

 

 

% laureati sotto i 30 anni di età

 

 

% laureati da 30 anni in su

 

 

differenza

 

 

Liguria

 

 

7,93%

 

 

8,45%

 

 

- 0,52

 

 

Emilia Romagna

 

 

7,60%

 

 

7,80%

 

 

- 0,19

 

 

Lombardia

 

 

7,05%

 

 

7,79%

 

 

- 0,74

 

 

Lazio

 

 

6,92%

 

 

11,57%

 

 

- 4,65

 

 

Umbria

 

 

6,63%

 

 

8,05%

 

 

- 1,43

 

 

Abruzzo

 

 

6,61%

 

 

7,94%

 

 

- 1,33

 

 

Friuli Venezia Giulia

 

 

6,52%

 

 

6,98%

 

 

- 0,46

 

 

Marche

 

 

6,36%

 

 

7,62%

 

 

- 1,25

 

 

Piemonte

 

 

6,22%

 

 

6,63%

 

 

- 0,40

 

 

Molise

 

 

6,02%

 

 

7,39%

 

 

- 1,37

 

 

Veneto

 

 

5,95%

 

 

6,49%

 

 

- 0,54

 

 

Valle d'Aosta

 

 

5,69%

 

 

6,15%

 

 

- 0,46

 

 

Trentino Alto Adige

 

 

5,60%

 

 

6,27%

 

 

- 0,67

 

 

Toscana

 

 

5,55%

 

 

7,57%

 

 

- 2,02

 

 

Calabria

 

 

5,46%

 

 

8,52%

 

 

- 3,06

 

 

Basilicata

 

 

5,39%

 

 

7,23%

 

 

- 1,84

 

 

Puglia

 

 

4,81%

 

 

7,04%

 

 

- 2,23

 

 

Campania

 

 

4,77%

 

 

8,40%

 

 

- 3,64

 

 

Sicilia

 

 

4,28%

 

 

7,95%

 

 

- 3,68

 

 

Sardegna

 

 

3,92%

 

 

7,05%

 

 

- 3,13

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ITALIA

 

 

5,92%

 

 

7,91%

 

 

- 1,99

 

 

 

Elaborazione Tuttoscuola su dati Istat-Censimento 2001

 

 

 

 

 

 

 

 

Incidenza dei laureati sotto i 30 anni

 

 

         nelle province (stralcio) 

 

 

 

 

 

 

n.

 

 

Province

 

 

Laureati sotto i 30 anni di età

 

 

1

 

 

Bologna

 

 

9,80%

 

 

2

 

 

Genova

 

 

9,18%

 

 

3

 

 

Milano

 

 

9,04%

 

 

4

 

 

Parma

 

 

8,54%

 

 

5

 

 

Trieste

 

 

8,45%

 

 

6

 

 

Piacenza

 

 

8,26%

 

 

7

 

 

Roma

 

 

7,89%

 

 

8

 

 

Pescara

 

 

7,86%

 

 

9

 

 

Siena

 

 

7,28%

 

 

10

 

 

Rimini

 

 

7,24%

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

94

 

 

Brindisi

 

 

4,23%

 

 

95

 

 

Pistoia

 

 

4,21%

 

 

96

 

 

Palermo

 

 

4,10%

 

 

97

 

 

Cagliari

 

 

3,97%

 

 

98

 

 

Ragusa

 

 

3,89%

 

 

99

 

 

Agrigento

 

 

3,82%

 

 

100

 

 

Caltanissetta

 

 

3,63%

 

 

101

 

 

Trapani

 

 

3,63%

 

 

102

 

 

Nuoro

 

 

3,56%

 

 

103

 

 

Oristano

 

 

3,03%

 

 

Elaborazione Tuttoscuola su dati Istat-Censimento 2001

 

 

http://www.tuttoscuola.com

  • testo
  • articolo
  • scuola
  • studi
  • scolarizzazione
  • adolescenti
  • giovani
  • adulti
  • insegnanti
  • genitori
  • educatori
  • animatori

Mucha Suerte Versione app: f1cd754