Donboscoland

Un ragazzo su tre si accontenta della licenza media

I dati sul grado di istruzione degli italiani rilevati dal censimento 2001 (www.istat.it) ed elaborati da Tuttoscuola riservano molte sorprese, come capita, ad esempio, tra i 7,7 milioni di giovani di età compresa tra i 20 e i 29 anni. TuttoscuolaNews elabora i dati Istat: il 31,7% dei giovani si ferma alla scuola dell' obbligo.


Un ragazzo su tre si accontenta della licenza media

da Attualità

del 01 gennaio 2002

 Un ragazzo su tre si accontenta della licenza media. Il 31,7% dei giovani si ferma alla scuola dell' obbligo, rinunciando a proseguire gli studi. Con il meridione che si aggiudica il primato della scolarizzazione ai minimi livelli. Mentre il record di laureati non si trova più al Centro-Sud ma al Nord. Lo afferma un'anticipazione di TuttoscuolaNews, che ha elaborato dati dell'Istat sul censimento 2001.

 

Quasi un terzo di loro (31,71%) si è accontentato della licenza media e non ha proseguito gli studi (e, se lo ha fatto, si è fermato poco dopo).

 

 Secondo l'indagine, il Sud ha perso anche il record per numero di laureati. Considerando i giovani con età compresa fra i 20 e 29 anni (7,7 milioni), ben un terzo si è fermato alla scuola dell' obbligo. Si tratta del 38,9% degli under 30 in Sardegna, del 36,3% in Puglia, del 35,1% in Sicilia, del 34,6% in Campania.

 

 

Ancora una volta sono le regioni meridionali a detenere questo non invidiabile primato di scolarizzazione ai minimi livelli: i giovani under 30 della Sardegna sono al 38,73%, quelli della Puglia al 36,35%, quelli della Sicilia al 35,91% e quelli della Campania al 34,66% ( ).

 

 

Stupisce però che sotto la media nazionale si trovino anche i giovani valdostani, gli altoatesini e i lombardi.

 

 

Gli umbri, i laziali e gli abruzzesi sono in una condizione migliore, compresa tra il 22,8% e il 25,9% di giovani under 30 con la sola licenza media.

 

 

La provincia dove ci si ferma prima a scuola? Oristano, dove il 41% dei ragazzi tra i 20 e i 29 anni non è andato oltre la terza media. Poco meglio si è fatto a Nuoro (40,86%) e a Bolzano (39,65% si sono fermati alla terza media in quella fascia di età). Le aree di eccellenza da questo punto di vista le troviamo invece nella provincia di l’Aquila, seguita da Terni, Perugia e Roma, dove non superano il 22-24% i giovani che dispongono della solo terza media. Una percentuale comunque non altezza della 'società della conoscenza' verso la quale si vorrebbe tendere.

 

 

 

 

 

 

Sotto la media nazionale però ci sono anche i giovani valdostani, gli altoatesini e i lombardi.

 

 

 Gli umbri, i laziali e gli abruzzesi sono in una condizione migliore, compresa fra il 22,8% e il 25,9%. La provincia dove ci si ferma prima a scuola è Oristano (41%); segue Nuoro (40,8%) e Bolzano (39,6%). Le aree di eccellenza invece si trovano a L'Aquila, segue Terni, Perugia, Roma, dove questa categoria di studenti si limita al 22-24%.

 

 

 Per quanto riguarda i laureati il primato non si trova più al Centro-Sud ma al Nord. Considerando la fascia di età con oltre 30 anni, quasi 8 italiani su 100 (7,9%) possiedono una laurea. La maggiore incidenza è nelle regioni centrali e meridionali: l'11,5% nel Lazio (Roma il 13,4%), l'8,5% in Calabria, l'8,4% in Campania, il 7,9% in Sicilia. L'unica regione a rompere il primato è la Liguria con l'8,4% di laureati.

 

 

 Rispetto a questi dati, se si considerano invece i laureati con meno di 30 anni, la tendenza è del tutto capovolta: in testa con la più alta percentuale di laureati ci sono ora i liguri, gli emiliani, i lombardi; mentre i calabresi, i campani e i siciliani sono precipitati agli ultimi posti. Anche i laziali hanno perso la leadership, retrocedendo al quarto posto. 

La provincia con la più alta percentuale di laureati con meno di 30 anni? Bologna, dove un giovane su 10 è laureato. Roma, invece, passa dal primo al settimo posto, dopo Bologna, Genova, Milano, Parma, Trieste e Piacenza. All'ultimo posto quattro province siciliane (Palermo, Ragusa, Caltanissetta, Agrigento) e tre sarde (Cagliari, Nuoro, Oristano) dove è laureato solo il 3-4% degli under 30.

 

 

 

 

Licenza media tra 20 e 29 anni

 

 

 

 

 

 

Umbria

 

 

22,81%

 

 

Lazio

 

 

25,87%

 

 

Abruzzo

 

 

25,88%

 

 

Friuli Venezia Giulia

 

 

26,14%

 

 

Marche

 

 

27,05%

 

 

Liguria

 

 

27,27%

 

 

Basilicata

 

 

28,15%

 

 

Emilia Romagna

 

 

28,80%

 

 

Molise

 

 

28,83%

 

 

Calabria

 

 

29,62%

 

 

Veneto

 

 

30,65%

 

 

Toscana

 

 

31,30%

 

 

Lombardia

 

 

31,82%

 

 

Trentino Alto Adige

 

 

32,35%

 

 

Piemonte

 

 

34,02%

 

 

Valle d'Aosta

 

 

34,49%

 

 

Campania

 

 

34,66%

 

 

Sicilia

 

 

35,91%

 

 

Puglia

 

 

36,35%

 

 

Sardegna

 

 

38,73%

 

 

 

 

 

 

 

 

ITALIA

 

 

31,71%

 

 

Elaborazione Tuttoscuola su dati Istat-Censimento 2001

 

 

 

 

 

 

 

 

Incidenza dei licenziati di scuola media

 

 

sotto i 30 anni  nelle province (stralcio) 

 

 

 

 

 

 

n.

 

 

Provincia

 

 

%

 

 

1

 

 

L'Aquila

 

 

22,13%

 

 

2

 

 

Terni

 

 

22,67%

 

 

3

 

 

Perugia

 

 

22,86%

 

 

4

 

 

Roma

 

 

24,05%

 

 

5

 

 

Trento

 

 

24,81%

 

 

6

 

 

Ancona

 

 

24,95%

 

 

7

 

 

Genova

 

 

25,10%

 

 

8

 

 

Udine

 

 

25,13%

 

 

9

 

 

Chieti

 

 

25,39%

 

 

10

 

 

Pescara

 

 

25,42%

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

94

 

 

Cagliari

 

 

38,10%

 

 

95

 

 

Prato

 

 

38,14%

 

 

96

 

 

Brindisi

 

 

38,80%

 

 

97

 

 

Biella

 

 

38,80%

 

 

98

 

 

Brescia

 

 

38,82%

 

 

99

 

 

Ragusa

 

 

39,08%

 

 

100

 

 

Caltanissetta

 

 

39,16%

 

 

101

 

 

Bolzano

 

 

39,65%

 

 

102

 

 

Nuoro

 

 

40,86%

 

 

103

 

 

Oristano

 

 

41,02%

 

 

Elaborazione Tuttoscuola su dati Istat-Censimento 2001

 

 

 

 

 

Confronto regionale dell’incidenza dei laureati nella popolazione

 

 

                            sotto i 30 anni età e sopra

 

 

 

 

 

 

Regioni

 

 

% laureati sotto i 30 anni di età

 

 

% laureati da 30 anni in su

 

 

differenza

 

 

Liguria

 

 

7,93%

 

 

8,45%

 

 

- 0,52

 

 

Emilia Romagna

 

 

7,60%

 

 

7,80%

 

 

- 0,19

 

 

Lombardia

 

 

7,05%

 

 

7,79%

 

 

- 0,74

 

 

Lazio

 

 

6,92%

 

 

11,57%

 

 

- 4,65

 

 

Umbria

 

 

6,63%

 

 

8,05%

 

 

- 1,43

 

 

Abruzzo

 

 

6,61%

 

 

7,94%

 

 

- 1,33

 

 

Friuli Venezia Giulia

 

 

6,52%

 

 

6,98%

 

 

- 0,46

 

 

Marche

 

 

6,36%

 

 

7,62%

 

 

- 1,25

 

 

Piemonte

 

 

6,22%

 

 

6,63%

 

 

- 0,40

 

 

Molise

 

 

6,02%

 

 

7,39%

 

 

- 1,37

 

 

Veneto

 

 

5,95%

 

 

6,49%

 

 

- 0,54

 

 

Valle d'Aosta

 

 

5,69%

 

 

6,15%

 

 

- 0,46

 

 

Trentino Alto Adige

 

 

5,60%

 

 

6,27%

 

 

- 0,67

 

 

Toscana

 

 

5,55%

 

 

7,57%

 

 

- 2,02

 

 

Calabria

 

 

5,46%

 

 

8,52%

 

 

- 3,06

 

 

Basilicata

 

 

5,39%

 

 

7,23%

 

 

- 1,84

 

 

Puglia

 

 

4,81%

 

 

7,04%

 

 

- 2,23

 

 

Campania

 

 

4,77%

 

 

8,40%

 

 

- 3,64

 

 

Sicilia

 

 

4,28%

 

 

7,95%

 

 

- 3,68

 

 

Sardegna

 

 

3,92%

 

 

7,05%

 

 

- 3,13

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ITALIA

 

 

5,92%

 

 

7,91%

 

 

- 1,99

 

 

 

Elaborazione Tuttoscuola su dati Istat-Censimento 2001

 

 

 

 

 

 

 

 

Incidenza dei laureati sotto i 30 anni

 

 

         nelle province (stralcio) 

 

 

 

 

 

 

n.

 

 

Province

 

 

Laureati sotto i 30 anni di età

 

 

1

 

 

Bologna

 

 

9,80%

 

 

2

 

 

Genova

 

 

9,18%

 

 

3

 

 

Milano

 

 

9,04%

 

 

4

 

 

Parma

 

 

8,54%

 

 

5

 

 

Trieste

 

 

8,45%

 

 

6

 

 

Piacenza

 

 

8,26%

 

 

7

 

 

Roma

 

 

7,89%

 

 

8

 

 

Pescara

 

 

7,86%

 

 

9

 

 

Siena

 

 

7,28%

 

 

10

 

 

Rimini

 

 

7,24%

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

94

 

 

Brindisi

 

 

4,23%

 

 

95

 

 

Pistoia

 

 

4,21%

 

 

96

 

 

Palermo

 

 

4,10%

 

 

97

 

 

Cagliari

 

 

3,97%

 

 

98

 

 

Ragusa

 

 

3,89%

 

 

99

 

 

Agrigento

 

 

3,82%

 

 

100

 

 

Caltanissetta

 

 

3,63%

 

 

101

 

 

Trapani

 

 

3,63%

 

 

102

 

 

Nuoro

 

 

3,56%

 

 

103

 

 

Oristano

 

 

3,03%

 

 

Elaborazione Tuttoscuola su dati Istat-Censimento 2001

 

 

http://www.tuttoscuola.com

  • testo
  • articolo
  • scuola
  • studi
  • scolarizzazione
  • adolescenti
  • giovani
  • adulti
  • insegnanti
  • genitori
  • educatori
  • animatori

Mucha Suerte Versione app: 4e9c9ca