News 5

Stop all'apertura domenicale dei negozi

La campagna “Libera la domenica”, lanciata da Confesercenti e Conferenza Episcopale Italiana, chiede l'abolizione dell'apertura degli esercizi commerciali introdotta dal decreto ‚ÄòSalva-Italia'. Domenica 25 novembre si darà il via, sui sagrati delle chiese italiane, alla raccolta di firme da inviare in Parlamento.


Stop all'apertura domenicale dei negozi

da Quaderni Cannibali

del 08 novembre 2012

 

Uno stop all’apertura domenicale dei negozi. Lo hanno chiesto Confesercenti e Conferenza Episcopale Italiana, lanciando la campagna “Libera la domenica”, per chiedere l’abolizione dell’apertura degli esercizi commerciali introdotta dal decreto ‘Salva-Italia’ meno di un anno fa. Domenica 25 novembre si darà il via, sui sagrati delle chiese italiane, alla raccolta di firme da inviare in Parlamento.

Le domeniche aperte, denuncia Marco Venturi, presidente di Confesercenti, non hanno incentivato i consumi, inoltre hanno favorito la grande distribuzione penalizzando gli esercizi piccoli e medi. In questo modo, denuncia mons. Giancarlo Bregantini, presidente della Commissione Cei per i problemi sociali e il lavoro, un’intera dimensione antropologica e sociale viene ad essere compromessa. Riportiamo una sua intervista.          

La domenica è un giorno da rispettare nel riposo. Dopo la petizione popolare si potrà pensare di chiudere la legge statale delle liberalizzazioni estreme e di riprendere la legge che regolamenta l’apertura domenicale in base alle esigenze territoriali di ogni regione. Questo è il nocciolo. Noi non vogliamo combattere battaglie estreme, o tutto aperto o tutto chiuso, ma diciamo che Dio ci ha fatti per il riposo e che la domenica, così come il ferroviere lavora, come l’altoforno è aperto, come l’ospedale funziona, se c’è bisogno anche il negozio può essere aperto.

Ma quali sono le ragioni di questa battaglia?

Prima di tutto la necessità che ogni uomo abbia il riposo. Come dice la Bibbia: “Dio il settimo giorno si riposò”. Secondo: la famiglia. E’ tristissimo che una mamma che fa la commessa senta dire dal suo bambino: “Mamma, anche oggi te ne vai? E’ l’unico giorno che sono a casa!”. E’ necessario poi dire che l’economia non ha avuto alcun vantaggio, anzi, tenere aperto la domenica di fatto costituisce per i negozianti una perdita, specie per i piccoli negozianti. Terzo, c’è un discorso etico: una libertà senza verità, senza uno scopo, è un capriccio. Dietro c’è una grande battaglia ideologica, valoriale: Dio ci ha fatti per il riposo. La famiglia in primo luogo, il cuore dell’uomo, è la sede in cui Dio trova pace se l’uomo trova pace con se stesso e con la sua famiglia e gode del suo lavoro. Gli orientamenti dei commercianti quali sono? Ad esempio di coloro che non sono di religione cristiana…          

Le comunità ebraiche, e anche quelle islamiche, sono pienamente d’accordo con noi. Un mese fa, nella conferenza preparatoria, accanto a me avevo i rappresentanti della comunità ebraica di Roma. Anch’essi sentono che quel giorno è il giorno del riposo, è il sabato, come vuole Dio nella Parola del Signore.

Lei ha sottolineato la possibilità di apertura domenicale dei negozi in caso di necessità. Che cosa s’intende?

Si intende ad esempio quando una regione riconosce che quella zona è a forte presenza turistica, oppure se si è nel periodo natalizio, o nel periodo di Ferragosto. Ci sono dei criteri per le eccezioni e dove normalmente è chiuso si può aprire, in base alle situazioni.

Il cardinale Schoenborn, arcivescovo di Vienna, e presidente della Conferenza episcopale austriaca, ieri ha sollevato proprio questa questione: i vescovi austriaci sottolineano come i cristiani chiedano la domenica libera dal lavoro. E’ quindi una tendenza a livello europeo?

Sì, per varie ragioni. Nella Conferenza episcopale di maggio, il vescovo svizzero, rappresentante di quella Conferenza episcopale, ha fatto arrossire tutti noi vescovi italiani quando ha detto: “Guardate che in Svizzera e in Germania i negozi sono chiusi”. Allora, visto che noi guardiamo allo spread, alle varie realtà in Germania, e le prendiamo come modello, anche in questo caso potremmo prendere questo aspetto come un modello positivo. Inoltre il Sinodo ha ribadito nelle sue Proposizioni questa necessità. Questo richiamo di Schoenborn ci fa un immenso piacere. Ormai siamo in sintonia, perché molti negozi, per esempio nel Nord Italia, cominciano a chiudere. Ci si rende conto che è un danno per la persona, per la famiglia e per la società. La dignità di ogni persona è praticamente garantita dalla dignità della domenica.

Francesca Sabatinelli

http://it.radiovaticana.va

  • articolo
  • testo
  • francesca sabatinelli
  • giovani
  • adulti
  • educatori
  • genitori
  • domenica
  • negozi

 

Mucha Suerte Versione app: 3.8.3.0 (1dada76)