Testimoni Fede

La biografia di Artemide Zatti, santo

Dono per il Popolo di Dio che soffre, crede e confida.


Qual è la prima cosa a cui pensiamo quando diciamo “santo”? Quali immagini mi vengono in mente? A cosa associamo la “santità”? Senza dubbio troveremo una pluralità di idee, esperienze e ricordi. Ma come credenti, è bene andare alla fonte, alla Parola di Dio. Lì scopriamo quella bella rete di incontri, ricerche, gioie e sfide tra l'iniziativa di Dio e la libera risposta dell'essere umano.

“Siate santi come io sono santo”

Essere santi è un dono, un dono, che ci chiama a rispondere, valorizzare e accogliere. Un'altra espressione di quella santità di Dio ci si manifesta nella misericordia. Dio è misericordioso, è Lui che ci viene incontro e ci rende capaci di quel dialogo amorevole e filiale che ci conduce verso la pienezza. Naturalmente, ognuno per la sua strada, dando il meglio di sé. Il Sig. Zatti diceva ai suoi colleghi e pazienti: "Bisogna dare il meglio a Gesù " .

Il santo è in grado di vivere con gioia e senso dell'umorismo. Zatti lo sintetizzerà in quella bella espressione: “Come non sorridere sempre, se Dio ci ama tanto!”.
Questa santità si realizza nell'esperienza di essere Popolo di Dio, animato dallo Spirito Santo, anima di tutta la ricchezza spirituale che rende presenti i valori del Regno di Dio. I santi sono membri del Popolo di Dio che accompagnano il loro pellegrinaggio verso l'eterno. La realtà dell'essere “popolo” è molto interessante: in questo contesto si vivono conquiste, tempi di gioia e di pace, ma anche il dolore della tristezza, come la malattia, la perdita dei propri cari o la durezza della povertà.

Come Zatti, testimonianze di gioia e umorismo

Possiamo scoprire che essere santi è vivere un'esperienza forte e ricca di incontro con l'Amore di Dio, che libera e porta a pienezza il desiderio più profondo di amare; cioè essere felice. Essere santi è lasciarsi abbracciare nella propria piccolezza dall'amore misericordioso di Dio, che chiama tutti noi ad essere felici. Per iniziativa libera e amorosa di Dio, siamo tutti invitati ad essere santi. 

A volte possiamo avere l'idea che il santo sia una persona triste, acida, malinconica, senza energia né passione. Anzi! Dice Francesco: «Il santo è capace di vivere con gioia e senso dell'umorismo. Senza perdere il realismo, illumina gli altri con uno spirito positivo e di speranza” . ( Gaudete ed Exultate , 122) 

La santità di don Zatti è una chiara espressione del cammino spirituale proposto da san Francesco di Sales e che san Giovanni Bosco assume per il suo progetto educativo pastorale al servizio della gioventù povera. Un cammino spirituale, con la proposta di santità per tutti, vivendo con gioia e profonda fiducia nell'Amore provvidente di Dio. Zatti lo sintetizzerà in quella bella espressione: “Come non sorridere sempre, se Dio ci ama tanto!”.

Amore e attenzione per tutti

Don Zatti è una delle persone: ognuno lo sente suo, per questo lo chiamavano il "parente di tutti i poveri". La sua presenza tra la popolazione della regione di Viedma e Carmen de Patagones trasmette gioia e serenità. È una presenza che accorcia le distanze. Un fratello che esce per incontrare i vicini.

Nelle sue azioni, sia nell'ospedale San José che nella comunità salesiana, nel quartiere irradia la sua gioia e gentilezza che generano serena simpatia. Tutti si sentono bene nell'incontro con Zatti. Presta attenzione a ciascuno. La sua bicicletta diventa segno di uscita per incontrarsi e accorciare le distanze. Nel suo cuore salesiano e infermieristico ognuno è importante, e si moltiplica per raggiungere tutti e servire Gesù in ogni sofferente o prossimo.

Sa comunicare con tutti, ha un gesto per i bambini, una battuta o una parola di incoraggiamento per ciascuno. I semplici ei poveri sono i primi a cogliere la loro statura spirituale. È lo stesso quartiere, che si sente accompagnato e curato dal cuore caritatevole di Zatti: lo considerano un santo.

"Devi saper ingoiare l'amaro e sputare dolce"

Il Sig. Zatti ha vissuto nella propria storia le difficoltà ei dolori della povertà e della malattia. Con la sua famiglia ha dovuto emigrare in cerca di migliori possibilità di vita. Arrivano lasciando la loro terra, la loro gente, portano nel cuore la tristezza di chi deve lasciare il proprio posto, ma anche la forte speranza di un mondo con più opportunità.

Tutti si sentono bene nell'incontro con Zatti. Nel suo cuore salesiano e infermieristico, ognuno è importante.
La sua stessa storia, abbracciata con fede, lo forma e lo prepara ad essere medicina in mezzo a tanti fratelli malati e poveri. Il suo stesso cammino gli permetterà di avere quel cuore compassionevole e fraterno con tutti, specialmente con i sofferenti. Il suo sorriso, la sua parola ei suoi gesti diventano medicina che incoraggia e rafforza. Dirà quando sarà consultato sulle difficoltà e sui problemi che dovrà affrontare: "Bisogna saper ingoiare l'amaro e sputare dolce" , espressione di chi abbraccia e trova nella croce la forza per essere manifestazione della amore per gli altri. 

Zatti, santo, è un chiaro dono di Dio al suo Popolo. I poveri, i malati e i sofferenti trovano un fratello vicino, comprensivo e premuroso che li aiuti e li aiuti a incontrare Dio e la sua grazia. Zatti non solo guarì il corpo ma, come uomo di fede e buon cristiano, aiutò il suo popolo a crescere nella fede.

Zatti, "santo vivente"

Come testimoniano coloro che hanno testimoniato all'inizio del processo della causa di beatificazione, già in vita l'intera popolazione aveva grande stima e apprezzamento per l'infermiere.

Una chiara espressione è stata la risposta della popolazione ai loro funerali. L'intera città si è mobilitata per accompagnare il corteo funebre. Così lo esprime P. Feliciano López:

“L'accompagnamento al cimitero è stato impressionante. Alla bara sono seguiti monsignor Borgatti, le autorità del governo e del comune, che hanno disposto la chiusura e la sospensione dei lavori di tutti gli uffici pubblici. Il becchino ha organizzato un servizio di prima classe. Alla fine, il Padre Ispettore ha proposto a tutti il ​​compito di raccogliere testimonianze, ricordi, aneddoti per preparare una biografia”. 

Oggi la devozione a Zatti si esprime in modo semplice e sereno. In questo tempo in cui tanto ha sofferto la realtà della pandemia, e dove la salute e i suoi servi hanno così tanto risalto, il Sig. Zatti si presenta come un intercessore attento ed efficace. Sono molti coloro che, in modi diversi, si avvicinano e chiedono l'intercessione dell'infermiere, che anche in vita ha sofferto della malattia.

1934

Zatti si reca a Roma, in Italia, per partecipare alla canonizzazione di Don Bosco, come delegato dei Salesiani coadiutori.

1947

Il Sig. Zatti testimonia nel processo di canonizzazione di Ceferino Namuncurá.

1951

Dopo essere caduto da una scala l'anno precedente e essersi riposato, compaiono i sintomi di un tumore. Il 15 marzo Zatti muore di cancro. L'intera città partecipa al funerale.

1953

Il salesiano Raúl Entraigas conclude la prima biografia di Zatti, e la più famosa: "Il parente di tutti i poveri".

1956

Gli abitanti di Viedma inaugurano il primo monumento a don Zatti, che oggi sorge davanti all'ospedale regionale che porta il suo nome.

1977

I vescovi dell'Argentina chiedono al Papa di avviare il processo per dichiararlo santo.

2002

Papa Giovanni Paolo II dichiara Zatti beato della Chiesa cattolica

 


Di Pedro Narambuena, SDB

Tratto da zatti.org

Pubblicato originariamente nel Bollettino Salesiano dell'Argentina.

Mucha Suerte Versione app: 83ab057