News 5

Sinai: il dramma dei profughi eritrei rapiti

Resta drammatica la situazione nel Sinai, dove almeno 750 profughi eritrei sono nelle mani dei beduini, trafficanti di esseri umani. Una situazione tra indifferenza e atrocità, che ormai va avanti da tempo e che rischia di essere dimenticata.


Sinai: il dramma dei profughi eritrei rapiti

 

del 14 dicembre 2012

 

 

          Resta drammatica la situazione nel Sinai, dove almeno 750 profughi eritrei sono nelle mani dei beduini, trafficanti di esseri umani. Una situazione che ormai va avanti da tempo, ma che rischia di essere dimenticata.

Abbiamo intervistato la presidente dell’ong “Ghandi”, Alganesh Fesseha che da anni lavora per stroncare questo traffico.

          E’ già una storia dimenticata, secondo me. E questa dimenticanza è veramente pericolosa perché la gente sta morendo. Questi profughi partono dall’Eritrea per cercare lavoro e arrivano in Sudan. Una volta lì, vengono presi dai Rashaida – una tribù sudanese-eritrea beduina – che li vende ai beduini egiziani a una certa cifra – tremila euro, tremila dollari – e poi quando li hanno comprati, li vendono ad altri beduini egiziani, aumentando sempre il prezzo fino a quando non arrivano ai confini tra Israele ed Egitto. Qui, chiedono anche 30, 35 o 50 mila dollari. Adesso, vista la pericolosità del tragitto ci sono nuove tratte, gli eritrei infatti cercano di andare verso Juba, ma per andarci passano comunque per Khartoum e così finiscono per ritrovarsi sempre nel campo profughi di Shagarab, dove vengono rapiti dai Rashaida e poi venduti ai beduini egiziani. Questi ultimi, li tengono chiedendo un riscatto di 30-50 mila dollari. Chi non può pagare viene ucciso, ma anche chi ha pagato viene torturato può essere ucciso e poi gettato in strada. Io sono arrivata dal Sinai ieri notte e ho visto cinque cadaveri buttati per terra…

Cosa c’è dietro a questo traffico di esseri umani?

          Il denaro. Io ieri ho chiesto a una persona del posto: ci sono quasi 750 persone prigioniere nelle mani dei beduini, se ognuna di queste dovesse pagasse questa cifra, o anche di meno, sarebbe una cifra importante. E dove vanno a finire quei soldi? I soldi vengono usati per comprare armi e droga. Questa è stata la risposta. Io mi domando: come è possibile che, in una situazione in cui tutti sanno, non si riesca a fermare questa cosa? Possono esserci diversi motivi politici, però c’è la questione umana che è terribile! Abbiamo migliaia di donne alle quali è stato tagliato il seno perché non potevano pagare, hanno tagliato le gambe, le torture che infliggono ai prigionieri sono terribili…

Come siete riusciti a liberarli, allora?

          I prigionieri ci chiamano: i beduini danno loro il telefono per chiedere il riscatto. Mi chiamano e io chiedo come stanno e loro mi descrivono la situazione. E se non sono legati, se hanno la possibilità di andare uno per uno o più di uno per volta in bagno, mi metto d’accordo chiedendo loro di uscire ad una certa ora. A quell’ora, io mando alcune persone che li prendono, li nascondono fino a quanto non arrivo con il certificato delle Nazioni Unite, con la yellow card, che consegno loro e li porto al Cairo. Finora, siamo riusciti a liberare 150 persone.

Qual è a questo punto l’appello che lei vuole lanciare alla comunità internazionale?

          Stanno morendo migliaia di ragazzi giovani: per favore, aiutateli! Aiutatemi a fermare questo massacro: è un vero massacro. C’è gente che sta morendo per nessuna ragione! Io faccio appello perché vengano salvate delle anime innocenti che non hanno fatto niente, che hanno soltanto cercato di scappare dalla fame e dalla miseria del loro Paese, e dalla sofferenza.

C’è una storia particolarmente emblematica che l’ha toccata e che vuole far conoscere all’opinione pubblica?

          La storia più emblematica è l’uccisione di un bambino di tre anni, che ho trovato nella spazzatura, morto. Vedere un bambino di tre anni ucciso in quel modo, per me è stato molto shoccante. E’ una cosa inaccettabile e drammatica: è drammatica! Che colpa ne ha un bambino di tre anni?

 

 

Benedetta Capelli

 

http://it.radiovaticana.va

 

 

  • testo
  • articolo
  • adolescenti
  • giovani
  • adulti
  • benedetta capelli
  • sinai
  • dramma
  • profughi
  • eritrea

Mucha Suerte Versione app: 513c99e