Donboscoland

Segni dell'amore di Dio. Beppe e Elena di San Donà da Giovani per i Giovani

In questi mesi, vari giovani del MGS stanno compiendo delle scelte definitive dicendo il loro sì per sempre al sogno di Dio per loro. Alcuni si uniranno nel matrimonio cristiano, altri diranno il loro sì per sempre a Dio nella professione religiosa perpetua, altri nel sacerdozio... tutti con il desiderio di essere segni dell'amore di Dio. Ne abbiamo intervistati alcuni.


Segni dell'amore di Dio. Beppe e Elena di San Donà da Giovani per i Giovani

da GxG Magazine

del 01 gennaio 2002

Che cosa significa per voi sposarvi in chiesa?

Sposarci in chiesa per noi è stata una scelta naturale, frutto del cammino cristiano che stiamo vivendo da molti anni. La chiesa rappresenta per noi almeno tre aspetti: la parola di Dio, i sacramenti dell’Eucarestia e del matrimonio, e la comunità. Entrambi abbiamo cercato di vivere un rapporto personale con Gesù, rimanendo in comunione con Lui, e vogliamo che in questo momento così importante Lui sia con noi protagonista. Celebrare il matrimonio con l’Eucarestia è il modo per entrare in comunione con Gesù.

La chiesa rappresenta la comunità dei fratelli. É lì che si può crescere nel proprio cammino di fede. L’appartenere alla famiglia dei Cooperatori Salesiani ci è di continuo richiamo alla santità in ogni scelta che facciamo.

Come pensate di impostare il vostro matrimonio per essere sul serio sposi cristiani?

Cercheremo di fare nostro il progetto che Dio ha pensato per noi. Il Concilio Vaticano II ha definito la famiglia come “piccola chiesa domestica”, quindi ci impegnamo ad avere una casa aperta, accogliente verso tutti, a mantenere i momenti di servizio e di condivisione nelle nostre comunità di appartenenza. Tutto questo sarà possibile solo se ci sosterremo vicendevolmente nella preghiera.

Oggi la fedeltà matrimoniale e la perseveranza sono in crisi. Come vi ponete di fronte a questa realtà?...non vi fa paura il per sempre?

Il matrimonio cristiano è paragonabile all’amore che Dio ha verso l’uomo. Dio non viene mai meno alla sua fedeltà, così nella coppia dobbiamo vivere la fedeltà in modo positivo, costruendo giorno dopo giorno l’amore, rendendolo nuovo. Il per sempre non ci fa paura perché affidiamo e costruiamo tutto con l’aiuto di Dio e di chi ci sta vicino.

Beppe e Elena

  • testo
  • articolo
  • beppe 
  • elena
  • educatori
  • animatori
  • giovani
  • adulti
  • matrimonio

Mucha Suerte Versione app: 7cb9261