News 5

Sanare la ferita dell'abbandono... l'orfanotrofio della Creche.

La Creche è un'istituzione complessa e costosa, in funzione 24 ore su 24, che si mantiene grazie alle donazioni di chi crede all'opera delle Figlie della Carità. Si trova a due passi dal centro di Betlemme ed e' un luogo che invitiamo a visitare...


Sanare la ferita dell'abbandono… l'orfanotrofio della Creche.

 

del 25 gennaio 2013

 

 

Lui ha la febbre e una macchina al polso a misurargli il battito cardiaco. A due mesi dovrebbe essere circondato dall'affetto di una madre premurosa, ma questo neonato - come la maggioranza dei bambini in questo posto - e' stato abbandonato.  Lo incontriamo alla Creche, un orfanotrofio di Betlemme gestito dalle Figlie della Carita' di San Vincenzo de' Paoli. Da 127 anni la Creche - culla in francese - ospita giovani orfani palestinesi o provenienti da famiglie problematiche fin dai primi giorni di vita e li accompagna fino a sei anni.

 

Con immenso affetto, pazienza e devozione le suore compiono quotidianamente alla Creche una missione impossibile: sanare la ferita dell'abbandono in questi bambini.

 

Provvedono ai loro bisogni quotidiani....dal cibo, alla prima istruzione, alla veglia sul loro sonno. E, insieme alle assistenti sociali, alle insegnanti e ai volontari, sopperiscono al vuoto lasciato dalle madri di questi piccoli....abbracciando, sorridendo e offrendo l'amore di cui hanno bisogno. Suor Maria non risparmia una buona parola a nessuno . Originaria della Sardegna, ha speso qui gli ultimi otto anni della sua vita. Un lavoro intenso il suo e quello delle sue consorelle, pieno di convinzione. 

 

SUOR MARIA

 

La Creche - Betlemme

 

"Penso che la nostra prima missione, come ci ha insegnato il nostro fondatore, sono i piccoli, perche' sono i piccoli che Gesu' amava. 'Chi viene dai miei bambini fa una piccola opera a un bambino e' a me che lo fa'".

I 32 bambini residenti alla Creche crescono tra le cure migliori - un'insegnante si occupa delle loro attivita' psicomotorie; un'altra del loro primo approccio alla musica.

Lo staff comprende anche infermiere e un medico. L'orfanotrofio e' una grande famiglia, dove si dorme, si mangia e si vive insieme. Durante il giorno ospita nel proprio asilo anche 68 bambini esterni, provenienti in maggioranza da famiglie bisognose.

Gli sforzi di portare armonia in questa grande casa sono enormi, cosi' come i risultati. Ma quello della Creche sara' - per sua natura - sempre un lavoro incompleto.

"Noi cerchiamo di fare tutto il possibile pero' sappiamo bene che la mamma non possiamo mai sostituirla perche'a questi bambini manca la cosa piu' importante, sono privati dei loro diritti umani sin dal seno materno. Bene, sin da piccolini loro esprimono quest'assenza, questa cosa che manca, quindi si sente che hanno bisogno di affezione, vogliono essere presi in braccio

 

GERALDINE LAMOTTE

 

Volontaria Francese - La Creche - Betlemme

 

"Quando torno a casa la sera o durante la pausa di mezzogiorno sento di aver toccato qualcosa di molto profondo qui. C'e' molta grazia tra questi bambini, in tutto l'amore che ti chiedono e poi, certo, c'e' la loro fragilita'"

Dopo i sei anni i bambini vengono spostati nel "Villaggio SOS" di Betlemme, un'istituzione che li accoglie fino al compimento dei 18 anni. Quelli provenienti da famiglie problematiche e affidati alla Creche solo temporaneamente tornano invece in famiglia.

Della possibilita' di offrire un futuro migliore a questi bambini si occupa assiduamente Suor Elizabeth, la madre superiora della Creche....tra speranza e mille difficolta'.

 

SUOR ELIZABETH

 

Madre Superiora - La Creche - Betlemme

 

"Nell'Islam non e' prevista la piena adozione; tuttavia esiste una forma di affidamento - chiamata "Kafala'" in arabo - che richiede tuttavia un cambiamento nella mentalita' della gente. Stiamo lavorando insieme al Ministro palestinese degli Affari sociali per tentare di favorire l'affidamento di questi bambini presso delle famiglie. Ma e' un processo molto lento, molto discreto. Ma piano piano confidiamo nel ben volere e nella buona volonta' dei responsabili affinche' questi bambini siano affidati a delle famiglie, perche' la cosa migliore per un bambino e' avere una famiglia, un papa' e una mamma che li amino."

 

La Creche e' un'istituzione complessa e costosa, in funzione 24 ore su 24, che si mantiene grazie alle donazioni di chi crede all'opera delle Figlie della Carita'. Si trova a due passi dal centro di Betlemme ed e' un luogo che invitiamo a visitare insieme ai luoghi santi della citta'....per dare a queste giovani vite un po’ di cio' che finora e' stato loro tolto.

 

 

http://http://www.fmc-terrasanta.org

 

 

  • testo
  • articolo
  • adolescenti
  • giovani
  • adulti
  • redazione fmc-terrasanta
  • orfanotrofio
  • creche

Mucha Suerte Versione app: 3.8.3.0 (931897f)