News 2

Perché il cielo è blu? (Che cosa stava pensando Dio? La scienza non può dirlo)

“Perché il cielo è blu?”. Propongo due risposte: 1) Il cielo è blu a causa della dipendenza dello scattering Rayleigh dalla lunghezza d'onda; 2) Il cielo è blu perché è blu che Dio lo voleva.


Perché il cielo è blu? (Che cosa stava pensando Dio? La scienza non può dirlo)

da Quaderni Cannibali

del 24 settembre 2006

Scienziati, questo è un invito ad agire, ma anche a non agire. Perché sono io il messaggero? Perché i miei molti anni di ricerca scientifica mi hanno reso un noto esperto nel mio campo: Dio. Sto scherzando. Capirete presto cosa intendo. Lasciate che vi ponga una domanda, non riguardo a Dio ma riguardo al cielo: “Perché il cielo è blu?” Propongo due risposte: 1) Il cielo è blu a causa della dipendenza dello scattering Rayleigh dalla lunghezza d'onda; 2) Il cielo è blu perché è blu che Dio lo voleva.

La mia attività scientifica si è svolta in aree legate ai fenomeni ottici, e posso dire molto sulla risposta basata sullo scattering Rayleigh. Né io né qualsiasi altro scienziato abbiamo qualcosa di scientifico da dire riguardo alla seconda risposta, la risposta di Dio. Non voglio dire che la risposta di Dio non sia scientifica, ma soltanto che gli strumenti della scienza non parlano di quella risposta.

Prima che comprendessimo lo scattering Rayleigh, non esisteva alcuna spiegazione scientifica soddisfacente per spiegare perché il cielo fosse blu. L'idea che il cielo sia blu perché Dio vuole che sia blu esisteva da prima che gli scienziati capissero lo scattering Rayleigh , e continua ad esistere oggi, per niente disturbata dai nostri progressi nella comprensione scientifica. La spiegazione religiosa è stata completata, ma non rimpiazzata, dai progressi nella conoscenza scientifica. Adesso noi possiamo, se lo vogliamo, pensare allo scattering Rayleigh come al metodo scelto da Dio per realizzare il suo schema di colori.

Proprio ora c'è negli Stati Uniti un processo federale in corso a Dover, Pennsylvania, riguardo una direttiva scolastica che richiederebbe agli insegnanti di parlare agli studenti dell'“ intelligent design ” prima di spiegare l'evoluzione. L'idea centrale dell' intelligent design è che la natura è così perché Dio vuole che sia così. Questa è una affermazione che non può essere provata scientificamente, ma studiata nel giusto contesto, è una teoria interessante. Come concezione teologica, l' intelligent design è emozionante. Ascoltate: Se la natura è così, perché Dio vuole che sia così, allora, osservando la natura si può capire che cosa Dio vuole! Il microscopio e il telescopio non sono soltanto strumenti scientifici; sono finestre nella mente di Dio.

Ma come la teoria dell' intelligent design è interessante in teologia, essa è piuttosto un'idea noiosa per la scienza. La scienza non è intenta a conoscere la mente di Dio; è intenta a conoscere la natura e le cause delle cose. Il brivido è la consapevolezza della nostra ignoranza; la parte più interessante è quella che ancora non comprendiamo. Se volete reclutare nuovi futuri scienziati, non dovete tracciare un confine intorno alla nostra conoscenza scientifica e dire, “Tutto quello che è fuori da questo confine lo possiamo spiegare solamente ricorrendo al volere di Dio”. Nel 1855 nessuno disse al futuro Lord Rayleigh che la ragione scientifica del colore del cielo è che Dio aveva voluto così. Oppure se ciò gli fosse stato detto, noi tutti potremmo essere tutti felici che il giovane sia stato abbastanza coraggioso da ignorarlo Per la scienza, l' intelligent design è un punto morto.

Il mio invito ad agire per gli scienziati è: impegnatevi per garantire che l'ipotesi dell' intelligent design sia insegnata dove può contribuire alla vitalità del campo (come potrebbe probabilmente essere nelle lezioni di teologia) e non insegnata nelle lezioni di scienze, dove spegnerebbe l'interesse per una delle più grandi avventure dell'umanità.

Ora riguardo al mio invito a non agire: la maggior parte degli scienziati ammetterà che la scienza potente com'è non può insegnarci nulla sui valori, sull'etica, sulla morale o, per questa ragione, su Dio. Non andate in giro sostenendo il contrario. Per esempio, la scienza può provare a prevedere come l'attività umana potrebbe cambiare il clima, ma la scienza non può dirci se questi cambiamenti saranno bene o male.

Gli scienziati, in quanto uomini, dovrebbero prendere posizione sull'etica, la morale, i valori e la religione? Certamente. Dovremmo agire sulla base di questi giudizi, nello sforzo di fare il bene? Potete scommetterci. Dovremmo far fruttare la simpatia che abbiamo accumulato attraverso i nostri risultati scientifici per aiutarci ad agire bene? Perché no? Solamente non pretendete che la vostra scienza vi dica “che cosa è giusto” … o “che cosa è Dio”.

Agite: lottate per tenere l' intelligent design fuori dalle aule di scienze! Non agite: non dite che la scienza disapprova l' intelligent design . Attenetevi alla verità pura e semplice: la scienza non dice nulla riguardo all' intelligent design , e l' intelligent design non porta nulla alla scienza, e dovrebbe essere insegnato nelle lezioni di teologia, non in quelle di scienze.

Il mio giudizio di valore è che un ulteriore progresso nelle scienze sarà un bene per l'umanità. La mia opinione è qui offerta con l'intento di cercare di proteggere la scienza dai suoi nemici – ma anche dai suoi amici.

 

 Fonte: Eric Cornell (premio Nobel per la fisica nel 2001), Time Magazine, 14 Novembre 2005, p. 68.

Eric Cornell

Mucha Suerte Versione app: 4e9c9ca