News 6

Misericordia e non violenza, Padre Mourad si confessa

Parla Padre Mourad, sacerdote della Chiesa cattolica, che è stato prigioniero...


Misericordia e non violenza, Padre Mourad si confessa

del 03 dicembre 2015

 

 

Padre Jacques Mourad, un sacerdote della Chiesa cattolica di rito siriaco, che è stato di 4 mesi e 20 giorni prigioniero nelle mani dello stato islamico, ha rivissuto in dettaglio questa prigionia in una intervista con AsiaNews a Beirut, nelle sale della chiesa di Nostra Signora dell’Annunciazione.

 

Pregare di cuore con gli stessi sentimenti di Dio per i propri aguzzini di Daesh, la compassione vincerà la violenza e non una violenza più grande.

In Siria è stato il priore del monastero di Mar Elian e pastore del popolo fedele di Qaryatayn, prevalentemente cristiano, villaggio che si trova vicino a Palmyra.

E‘ stato rapito da militanti dello Stato Islamico (Daesh) il 21 maggio 2015. E’ rimasto nelle mani dei suoi rapitori per quattro mesi e 20 giorni, prima di fuggire il 10 ottobre scorso.

Perseguitato, minacciato, sottoposto a continue pressioni a convertirsi all’Islam, è stato minacciato a più riprese di essere decapitato, è stato sottoposto anche ad una  una finta esecuzione.

Egli è stato confinato in una stanza di bagno illuminata solo da una piccola finestrella in alto, insieme a un seminarista che lo stava aiutando. Lo alimentavano solo con riso e acqua due volte al giorno.

La sua fede cristiana non si è indebolita, anzi. “La prima settimana è stata la più difficile”, dice il prete. “Dopo avermi trasportato per giorni in una macchina, la Domenica di Pentecoste mi hanno portato a Raqqa. Ho vissuto quei primi giorni di prigioniero tra la paura, la rabbia e la vergogna. “

La svolta nella sua prigionia ha coinciso, secondo padre Jacques, con l’ingresso nella sua cella, l’ottavo giorno, di un uomo vestito di nero, con il volto mascherato, come quelli che appaiono nei video sulle esecuzioni di Daesh.

 

È giunto il mio momento, si disse in preda al terrore. Ma, al contrario, dopo avergli chiesto come si chiamava, l’uomo si rivolse a lui con le parole di  pace “Assalam aleïkoun” e se ne andò dalla sua cella. “Prendilo come un rifugio,” disse quell’estraneo, quando padre Jacques lo interrogò sul perché si trovasse imprigionato.

“Da quel momento le mie preghiere”, dice il sacerdote, i miei giorni, hanno acquisito un senso. Come posso spiegare … mi sono reso conto che per mezzo di lui è stato il Signore stesso che ha diretto queste parole. Quel momento è stato veramente un grande conforto. “

 

“Attraverso la preghiera, sono stato in grado di ritrovare la mia pace”, afferma il sacerdote siriano. “Era di maggio, il mese di Maria. Abbiamo cominciato a recitare il rosario, qualcosa che non non avevo fatto in passato e tutta la mia relazione con la Vergine Maria è stata rinnovata “.

“La preghiera di Santa Teresa d’Avila ‘Niente ti turbi, niente ti spaventi …’ mi ha anche aiutato a sostenermi e mi ha aiutato a lasciare nelle mani del Signore tutta la mia vita , con la consapevolezza che mi è stata data questa scelta. Perché tutto lasciava invece pensare che alla fine avrei avuto solo due opzioni: conversione all’Islam o decapitazione. “

Quasi ogni giorno, ha proseguito il Padre Mourad, “entravano nella mia cella ed ero interrogato circa la mia fede. Ho vissuto ogni giorno come se fosse l’ultimo, ma mai ho abiurato Dio che mi ha donato due cose …. Il silenzio e la cortesia sapendo che certe risposte avrebbero potuto apparire come provocazioni. Per loro io ero un infedele “.

 

“Attraverso la preghiera, i salmi, entrò in me un mondo di pace, spesso mi sono ricordato delle parole di Cristo nel Vangelo di San Matteo .. ‘Benedite coloro che vi maledicono e pregate per coloro che vi minacciano’. Ho iniziato a provare compassione per i miei rapitori. “

 

Il giorno della flagellazione, quando il padre Jacques fu frustato …

“E‘ stato il 23° giorno di priogionia, sono venuti improvvisamente. E‘ stata una sorta di messa in scena. La flagellazione è durata circa 30 minuti. La frusta consisteva in un pezzo di legno con corde. Sentivo dolore fisico, ma in fondo, mi sono sentito in pace. “

“Era un grande conforto nel sapere che ho potuto condividere in qualche modo la sofferenza di Cristo. Allo stesso tempo, ero così confuso da questo, perché pensavo di non essere degno di questa grazia. Lui ha perdonato il mio aguzzino, nello stesso momento che mi ha colpito “.

“Oggi – conclude padre Jacques, che ha sfidato il divieto di uscita dal villaggio di Qaryatayn, dove era confinato e ha trovato una via di fuga – ha ancora per i rapitori e gli aguzzini un grande senso di   compassione.

Questa sensazione proviene dalla contemplazione dello sguardo di Dio di essere di fronte a loro, al di là della violenza, come ha fatto per tutti gli uomini, uno sguardo di misericordia pura, senza il minimo sentimento di vendetta “.

 

“Oggi – continua il sacerdote, una volta un monaco del monastero di Mar Moussa, fondata da padre Paolo Dall’Oglio – sappiamo che la preghiera è la via della salvezza. Dobbiamo continuare a pregare per i vescovi e sacerdoti scomparsi di cui non si sà assolutamente nulla”.

 

 

Luca Volontè

http://www.matchman-news.com

 

 

  • testo
  • giovani
  • adulti
  • insegnanti
  • studenti
  • educatori
  • luca volontè
  • articolo
  • misericordia
  • testimonianza
  • fede

Mucha Suerte Versione app: 513c99e