News 2

Maria e la password della vita cristiana

Era come se ci fosse un potente computer pronto ad operare ma a cui mancava la password, la parola chiave per poterci entrare dentro e per usarlo. La password della vita cristiana, della vita di Maria è la parola “Sì”, ovvero “Eccomi” che non significa altro che “Ci sto che il tuo sogno si realizzi nella mia vita”...(Commento a Lc 1, 26-38)


Maria e la password della vita cristiana

da Spiritualità Salesiana

del 23 maggio 2006

 

 

Quando ero piccolo facevo fatica a comprendere la figura della Madonna: mi sembrava che a volte fosse di troppo, che non c’entrasse poi tanto con la fede in Dio e che tutto sommato era stata semplicemente fortunata perché scelta da Dio… In seguito mi sono ricreduto soprattutto quando ho compreso che il miracolo più grande che possiamo realizzare, che tu puoi compiere, consiste nel dire “Sì” a Dio. Quando ci fermiamo disorientati agli incroci della nostra vita e diciamo “Sì” a ciò che veramente conta, a ciò che ha il gusto dell’eterno, a ciò che genera vita... ecco, allora accade un miracolo e un sogno, il tuo sogno chiuso nei cassetti del tuo cuore, si realizza.

 

 

Nel Vangelo si racconta di un angelo che si è recato da Maria per portarle un annuncio. Immaginate la scena: Maria, poco più che ragazzina, sta facendo le faccende di casa o forse è assorta nei suoi pensieri o preoccupata per le scelte future quando improvvisamente un angelo irrompe nella sua vita. All’inizio forse non ci credeva neanche a tale apparizione, si sarà certamente strofinata gli occhi per vederci meglio… Ma poi… crede. Dinanzi a lei un angelo che viene a portarle un annuncio, che viene a dirle: “Guarda che si sta per realizzare una bella storia… Sta per avvenire qualcosa di grande! …qualcosa che ti cambierà la vita”. E Maria ascolta, medita…come ha sempre fatto.

 

Un giorno un ragazzo mi ha detto: “Ma oggi non ci sono più gli angeli? Che fine hanno fatto quegli angeli portatori di belle storie?! Anche a me piacerebbe sentirmi dire qualcosa da un angelo per conto di Dio come è accaduto a Maria…”. É vero… molte volte vorremmo che improvvisamente apparisse qualcuno a portarci un annuncio tanto atteso per far svanire le nostre paure, le nostre insicurezze e a volte le nostre sofferenze. Un annuncio magari riguardante il futuro incerto o la famiglia che va come va o le amicizie a volte belle ma altre volte fonte di sofferenza… Dove sono oggi questi angeli portatori di belle storie? Che fine hanno fatto?

 

Ascolta… mettiti in ascolto della tua vita, impara a guardare quanto accade tra le pieghe e le piaghe della tua giovane esistenza. Forse qualcuno ti ha parlato, ma la tua attenzione e il tuo sguardo erano rivolti altrove… Forse qualcuno in questi giorni ti sta parlando, ma in tuoi pensieri invece vagano… Ascolta, impara ad ascoltare. Dio oggi continua a parlarti come ha fatto con Maria. Continua ad interpellarti attraverso quel tuo compagno di classe messo in disparte e che nessuno bada, neanche tu: Dio ti parla attraverso lui. Dio ti parla attraverso la tua famiglia che, anche se difficile, ti vorrebbe più in casa e più interessato ai problemi che ci sono… Cosa fai, fuggi? …Volti le spalle? Dio ti parla attraverso il grido di dolore che sale dal mondo… Perché non lo vuoi sentire quel grido che chiama proprio te…? È il tuo nome che il mondo grida e invoca… Perché non hai il coraggio di guardare e fissare negli occhi quel tuo compagno abbandonato, la tua famiglia, il grido di dolore del mondo… Non sono forse questi degli angeli che oggi vengono a visitarti così come un giorno hanno visitato Maria? Questi oggi sono alcuni degli angeli che irrompono con forza dentro di te e che ti annunciano la possibilità di una bella storia per te e per chi ti sta accanto.

 

 L’aspetto che più mi affascina dell’angelo del Vangelo è che svela un progetto, un sogno, e non un sogno qualsiasi bensì il sogno di Dio. Maria in quel momento coglie che Dio ha in serbo un sogno per lei. Maria si scopre come colei che è stata sognata da Dio. Non vi è mai capitato il mattino che qualcuno vi dica: “Sai, stanotte mi son sognato con te… Nel sogno mi sei apparso…”. Beh, in quel momento un guizzo di vita ci scorre nelle vene, e ci scopriamo importanti per qualcuno, ricordati addirittura nel sonno. Così è accaduto a Maria quando si è sentita dire: “Hai trovato grazia presso Dio” cioè “Sei nei sogni di Dio”. Sì, Dio sogna, spera, desidera… che tu possa realizzare il tuo sogno più profondo, quello più bello, quello che dà senso e direzione al tuo andare. Maria questo ci ricorda: noi siamo nei sogni di Dio, siamo nei suoi pensieri. Gli angeli vengono a ricordarti che il sogno di Dio vuole esplodere in te… E in Maria il sogno è esploso a tal punto che Cristo è nato in Lei.

 

Tutto questo molte volte rischia di rimanere solo un’idea, uno di quei sogni che appena ci si sveglia svaniscono e non ci si ricorda neanche più… Maria ha realizzato il sogno di Dio e l’ha fatto diventare storia dando la sua disponibilità, dicendo: “Sì”. Due lettere semplici, una parola breve che innesca qualcosa di miracoloso. Fino a quel momento tutto era in stallo. Era come se ci fosse un potente computer pronto ad operare ma a cui mancava la password, la parola chiave per poterci entrare dentro e per usarlo. Ecco... la password della vita cristiana, della vita di Maria è la parola “Sì”, ovvero “Eccomi” che non significa altro che “Ci sto che il tuo sogno si realizzi nella mia vita”. Il sì di Maria è un “Sì” detto ad una proposta che ha il gusto dell’eterno… Non accontentarti. Non accontentarti di dire piccoli “Sì”, di dire “Sì” a cose passeggere, inutili. Impara dalla Madonna a fidarti di Dio. Non solo. Impara da Lei a saper distinguere tra le tante voci e i tanti sogni che riempiono le tue giornate: sappi distinguere perché non tutti gli angeli sono buoni e non tutti i sogni sono belli… Maria Ausiliatrice, cioè Maria che è nostro aiuto, ci aiuti a saper distinguere.

 

Don Bosco oggi ti dice: Lascia che Dio realizzi i suoi sogni in te così come ha fatto con Maria. Sono sogni di felicità e gioia perché Dio non vuol fregare nessuno. Neanche te.

 

I.B.

Mucha Suerte Versione app: 4e9c9ca