News 2

L'unico privilegio dl cristiano: servire (Mt 23, 1-12)SERIE: Dio non ci abbandon...

Il più grande tra voi sia vostro servo; 12 chi invece si innalzerà sarà abbassato e chi si abbasserà sarà innalzato. (Mt 23, 11-12)


L’unico privilegio dl cristiano: servire (Mt 23, 1-12)SERIE: Dio non ci abbandona mai

da L'autore

del 28 marzo 2007

AUDIO

 

 

 

Sembra una condanna da cui non si può facilmente sfuggire quella di dedicarsi con generosità ai poveri, ai giovani, a far del bene e finire miseramente per farsi servire da coloro per i quali abbiamo dato la vita. Si comincia con l’accoglienza, con la dedizione senza orari, con un impegno che costa fatica e che non è spesso riconosciuto, poi a un certo punto cresce la fame, si insinua l’abitudine, si procede un po’ automaticamente e ci si trova non più a servire, ma a controllare, a imporre, a togliere libertà di espressione.

Capita forse lo stesso anche in casa con i figli: si passa dalla dedizione più generosa come è il dare la vita, il far crescere, il non risparmiarsi per ogni bisogno a diventare ingombranti, incapaci di dare autonomia, col legare a sé anziché lanciare nella vita. I passi sono spesso impercettibili, ma alla fine diventano un piccolo sequestro biologico.

E’ la tentazione anche di tanti uomini di chiesa, che da entusiasti servitori possono diventare importanti e da importanti diventano persone non più dedicate a un amore disinteressato. Il servizio può spesso portare ad assumere responsabilità, a salire quindi anche posti di prestigio. Le responsabilità vengono riconosciute da collocazioni nella gerarchia e il gioco è fatto. Se uno non ha niente in testa arriva a credere di essere lui il centro e non più il Signore che serve nelle persone a lui affidate. Per questo spesso nelle nostre comunità c’è corsa ai posti anziché ai servizi.

Era così ai tempi di Gesù, ed è così anche oggi, con una aggravante: che il nostro maestro e Signore Gesù, ci ha dato sempre un esempio deciso, chiaro, pagato sulla pelle del vivere sempre da servo. Anzi è morto sulla croce proprio come il servo sofferente. Lui ci ricorda che non dobbiamo amare nessun primo posto, non dobbiamo fare i pavoni, ma tenere bene in mente che”il più grande di voi sarà vostro servo”.

E’ allora alzando lo sguardo a Lui che possiamo purificare sempre le nostre intenzioni, tornare sempre all’incandescenza delle decisioni di autentico servizio che ci hanno fatto compiere i primi passi generosi e affidare a Dio la volontà di perseverare, perché Dio anche in questo non ci abbandona mai.

mons. Domenico Sigalini

Mucha Suerte Versione app: 513c99e