News 2

Di fronte alla violenza del calcio il card. Bertone presenta il Sistema Preventi...

Dopo la morte del trentottenne Filippo Raciti, ispettore di polizia, colpito durante gli scontri avvenuti fuori dallo stadio 'Massimino' di Catania, il Cardinale Tarcisio Bertone ha presentato la necessità di un 'sistema preventivo' che ponga fine alla violenza nello sport. Citando San Giovanni Bosco...


Di fronte alla violenza del calcio il card. Bertone presenta il Sistema Preventivo.

da Teologo Borèl

del 06 febbraio 2007

Citando San Giovanni Bosco, il segretario di Stato salesiano ricorda che questo sistema consiste nell''educazione del cuore, l'educazione al domino di sé', che implica 'educare alla convivenza pacifica nelle scuole'.

 

Pubblichiamo il commento del Cardinal Bertone, intervistato da Luca Collodi della 'Radio Vaticana'.

 

Cardinal Bertone: Purtroppo questi fatti arrivano a breve distanza anche dall'uccisione di quel dirigente di una squadra della categoria dilettanti in Calabria. E questo, purtroppo, ad opera di un gruppo di giocatori e di tifosi della squadra avversaria. Sono, quindi, fatti gravissimi che mettono in luce la drammaticità degli avvenimenti, anche sportivi. Nello sport, dobbiamo dire, che si liberano sia le virtù più alte, più ammirevoli dell'uomo come il dominio di sé, il senso della solidarietà, quello che chiamiamo il gioco di squadra, la valorizzazione del ruolo di tutti e il rispetto del ruolo di ciascuno, perché solo giocando insieme si riesce a giocare bene e, magari, anche a vincere. Ma si svelano e si liberano anche le passioni più disumane e cioè l'anarchismo e l'istinto violento. Questo è un fatto che deve essere tenuto sotto controllo proprio nella preparazione degli sportivi e nella preparazione anche dei tifosi, nell'educazione. Sappiamo però bene e purtroppo lo constatiamo che la violenza non è solo appannaggio degli stadi, ma si tratta di un fenomeno che tocca ogni ambiente, perfino quello che noi abbiamo chiamato tradizionalmente il santuario dell'amore, come è la famiglia: quante forme di violenza in famiglia! Questi sono un po' i problemi che ci assillano, anche come educatori e come uomini di Chiesa, come animatori delle comunità e delle associazioni, soprattutto giovanili.

 

Cardinal Bertone, gli stadi in Italia, ma anche all'estero, accolgono una parte della società di un Paese, di una città. Lei non pensa che oggi allo stadio ci sia tanto disagio sociale, ma anche disagio spirituale?

 

Cardinal Bertone: Abbiamo visto che ci sono forme di violenza negli stadi, ma ci sono anche forme di violenza fuori dagli stadi: in questo caso le più eclatanti forme di violenza sono accadute fuori dallo stadio. Questo certamente è il segno di un disagio sociale, il segno di una insofferenza, di una intolleranza che ha raggiunto dei limiti ormai insopportabili. Questo tocca proprio la costruzione della società, tocca il concetto di società, il concetto di convivenza umana, tocca il problema cruciale dell'educazione. Noi parliamo delle difficoltà dei conflitti locali in Africa, parliamo della difficoltà dell'importare la pace in Iraq, ma poi vediamo che anche da noi è così difficile vivere in pace e vivere anche con una serenità di base che permetta anche alle famiglie di vivere i momenti più lieti, più sinceri e leali anche del confronto sportivo.

 

I campionati di calcio si sono fermati. Basta questo per uscire da questa tragica situazione che investe il mondo del calcio e dello sport?

 

Cardinal Bertone: Non basta assolutamente. E' una decisione saggia e spero anzi che non si fermino soltanto per una domenica. Occorre - direi - invitare tutti, costringere tutti ad una riflessione, ad un confronto, ad una meditazione, anche ad una - diciamo così - revisione di vita, ad un pentimento. Io ho ricordato una volta che il grande La Pira, tra i nuclei esplosivi che fanno scattare la conflittualità, ha messo la collera che è in noi. Dobbiamo, quindi, recuperare quella capacità di dominio di noi stessi, quella capacità di convivenza pacifica a cui tutti noi dobbiamo, però, essere educati.

 

Cardinal Bertone, è dunque importante educare allo sport, formare allo sport...

 

Cardinal Bertone: Sì, io penso che questa sia il punto chiave: la questione fondamentale è sempre una questione educativa. Io ricordo che don Bosco - che abbiamo ricordato alcuni giorni fa - promuoveva il sistema preventivo, l'educazione del cuore, l'educazione al domino di sé; e dunque occorre educare alla convivenza pacifica nelle scuole, cominciando sin dalla scuola materna fino ad arrivare alle scuole superiori; nelle associazioni, dai gruppi sportivi, nei centri sportivi. E' importante l'educazione al rispetto reciproco, io credo che questo sia fondamentale. Ma questo vale anche per gli adulti: noi adulti dobbiamo interrogarci su quale esempio diamo ai giovani. Lo dico anche riguardo, purtroppo, a questa conflittualità politica contro la quale hanno parlato anche dei saggi dei nostri tempi, ha parlato anche il presidente della Repubblica: è necessario ritrovare il senso del dialogo, del confronto pacato, leale, intelligente, razionale. Ciò che dice il Papa proprio riguardo proprio alla razionalità dei nostri atteggiamenti e cito ancora don Bosco che metteva alla base dei suoi sistemi educativi la ragione, la religione e l'amorevolezza. Non è male neanche confrontarci con i progetti che sembrano utopistici dei nostri grandi santi educatori.

Zenit.org

http://www.zenit.org

Mucha Suerte Versione app: f1cd754