Arte

Addio Gottfried Böhm, gigante dell'architettura sacra

Ha costruito oltre 60 chiese. Il santuario di Neviges è il suo capolavoro



È scomparso ieri all'età di 101 anni Gottfried Böhm, tra i grandi protagonisti dell'architettura in Germania nel dopoguerra e autentico gigante dell'architettura sacra. Böhm, oltre musei, teatri, centri culturali, uffici, abitazioni e una decina di municipi, ha infatti realizzato una sessantina di chiese, alcune delle quali sono tra i capolavori sacri del Novecento. Particolarmente celebre è il santuario di Santa Maria regina della Pace a Neviges (1966-1968), nella arcidiocesi di Colonia, nella quale si può apprezzare la maestria nell'uso del cemento a vista nel creare una architettura-paesaggio all'esterno e all'interno uno spazio di grande potenza evocativa e allo stesso tempo ispirato ai principi spaziali della liturgia generata dal Concilio Vaticano II.

Vincitore del Pritzker Prize nel 1986, Gottfried Böhm era figlio d'arte: suo padre Dominikus è stato a sua volta un maestro dell'architettura religiosa della prima metà del secolo, ispirata ai principi del Movimento Liturgico e di Romano Guardini. La dinastia dei Böhm prosegue con i figli Paul, Stephan e Peter.

 

di Alessandro Beltrami 

 


Testo tratto da avvenire.it

Immagine tratta da nytimes.com

 

Versione app: 3.13.2.0 (bdcf071)