Donboscoland

“Un nuovo, terribile oltraggio”; le parole di sdegno di Alessio II dopo i fatti ...

His Holiness Patriarch Alexy of Moscow and All Russia has made a statement on the capture of a school in Northern Ossetia on September 1, 2004, calling all the Russians and the whole world to unity in rejecting and overcoming terrorism. The text of the statement is given below.


“Un nuovo, terribile oltraggio”; le parole di sdegno di Alessio II dopo i fatti di Beslan

da Teologo Borèl

del 01 settembre 2004

  

“Un nuovo, terribile oltraggio”: con queste parole Sua Santità Alessio II, Patriarca ortodosso di Mosca e di tutte le Russie, ha definito in una dichiarazione l’attacco sferrato da un commando di terroristi ceceni ad una scuola di Beslan, nell’Ossezia del Nord (Russia).

 

La scuola è stata occupata il 1° settembre, giorno dell’inizio delle lezioni, ovvero – come ha ricordato il Patriarca – “a meno di un giorno dall’esplosione presso la stazione della metropolitana moscovita di Rizhskaya” causata da una terrorista cecena che si è fatta saltare in aria, provocando la morte di dieci persone.

 

“E’ chiaro ad ognuno – ha continuato –:la Russia ha trovato una forza del male che vuole assoggettare al suo potere non solo il nostro Paese, ma tutto il mondo “ e che “per raggiungere i suoi scopi peccaminosi non si ferma davanti a nulla”.

 

Alessio II ha poi proseguito affermando che “il terrorismo è diventato internazionale” e non può essere eliminato “con confini o barriere economiche o geografiche”, si legge nel comunicato diffuso dal “DECR Communication Service” del Patriarcato di Mosca.

 

“La popolazione di ogni Paese deve ergersi in difesa della sua vita e della sua dignità dalle minacce del terrorismo”, ha quindi aggiunto.

 

Il Patriarca ha poi continuato ricordando come nessuno possa dirsi al sicuro da queste minacce: “Il disastro oggi ha colpito noi, ma nessuno ha la garanzia che domani non arriverà in casa sua”.

 

Nella lotta contro il terrorismo “molto dipende dalle azioni risolute di chi è al potere”, ha ricordato ancora, sottolineando come, tuttavia, nessuno sia in grado di assicurare protezione “senza l’aiuto di tutti”.

 

“Chiedo ai Russi e a tutto il mondo di unirsi per rifiutare il terrorismo e vincerlo” – ha esortato, aggiungendo che è inammissibile che “interessi politici, economici o di qualsiasi altro genere “impediscano di opporsi insieme a questa minaccia”.

 

Il Patriarca ha quindi concluso la sua dichiarazione auspicando che Dio aiuti il popolo russo “a sopportare con dignità e pazienza la dura prova” alla quale è stato sottoposto e ha manifestato apprezzamento nei confronti del clero musulmano, che “ ha preso su di sè la missione della meditazione”.

 

 

His Holiness Patriarch Alexy makes a statement on the new action of terrorism in southern Russia

 

Hardly a day has passed since the explosion at the Rizhskaya metro station as news has come that a school has been captured in a new terrible outrage in Northern Ossetia.

 

It is clear to everyone today: Russia has encountered an evil force that plans to subject to its will not only our country but also the whole world. Seeking to achieve its sinful purposes, it stops at nothing. According to Jeremiah the Prophet of God, 'heir course is evil, and their force is not right'

 

Terrorism has become international. Nobody can fence it off with state borders or economic or geographical barriers. The people of every country must rise in defence of their life and dignity from terrorist threats wherever new victims may fall to it. Disaster has reached us today but nobody has the guarantee that tomorrow it will not come to his home.

 

In the struggle with terrorism much depends on the resolute actions of those in power. One should be aware however that nobody can be able to ensure protection without the help of all the people. 

 

I call all the Russians and the whole world to unity in rejecting terrorism and overcoming it. It is inadmissible that political, economic or any other interests should prevent us from opposing this threat together.

 

May the Lord help us to withstand with dignity and patience the hard trial that has fallen to our lot. I pray and hope that the children and all those held hostage will come out to liberty safe and sound. I appreciate the Muslim clergy who have taken upon themselves the mission of mediation.

 

 

+ALEXY

PATRIARCH OF MOSCOW AND ALL RUSSIA

 

http://www.zenit.org

Mucha Suerte Versione app: 4e9c9ca