Spiritualità e quotidiano

La forza di Dio è volgere al bene tutto ciò che ci capita, persino il male

Il male esiste eccome e non è un innocuo simbolo ma una potenza; senza l'onnipotenza del Signore noi ne saremmo schiacciati, con Lui, invece, possiamo vincerlo e volgerlo addirittura al bene.


Il male esiste eccome e non è un innocuo simbolo ma una potenza; senza l'onnipotenza del Signore noi ne saremmo schiacciati, con Lui, invece, possiamo vincerlo e volgerlo addirittura al bene.


In quel tempo, essendo Gesù giunto all’altra riva del mare di Tiberiade, nel paese dei Gadarèni, due indemoniati, uscendo dai sepolcri, gli vennero incontro; erano tanto furiosi che nessuno poteva più passare per quella strada.
Cominciarono a gridare: «Che cosa abbiamo noi in comune con te, Figlio di Dio? Sei venuto qui prima del tempo a tormentarci?».
A qualche distanza da loro c’era una numerosa mandria di porci a pascolare;
e i demòni presero a scongiurarlo dicendo: «Se ci scacci, mandaci in quella mandria».
Egli disse loro: «Andate!». Ed essi, usciti dai corpi degli uomini, entrarono in quelli dei porci: ed ecco tutta la mandria si precipitò dal dirupo nel mare e perì nei flutti.
I mandriani allora fuggirono ed entrati in città raccontarono ogni cosa e il fatto degli indemoniati.
Tutta la città allora uscì incontro a Gesù e, vistolo, lo pregarono che si allontanasse dal loro territorio.(Mt 8,28-34)

Il male non è un simbolo

Tutto quello che non possiamo controllare tendiamo ad escluderlo o a smontarlo nel suo mistero affinché non abbia presa su di noi. Forse per questo negli ultimi secoli abbiamo cominciato ad approcciarci al male pensandolo solo in chiave simbolica, e non in chiave reale. 

Cosi gli esorcismi raccontati nel Vangelo non li abbiamo più considerati fatti di cronaca, ma solo modi attraverso cui gli evangelisti volevano far passare un messaggio. Il male è un fatto, e lo è in una maniera tremenda. Gli esorcismi raccontati nel Vangelo non sono certamente messi lì come articoli di giornale, ma sono raccontati a partire da fatti veri accaduti nella vicenda di Gesù. 

Il maligno lavora contro di noi 

Certamente chi li racconta li inserisce in una lettura teologica, ma credo che il Vangelo prima di ricordarci cosa Gesù può contro il male, voglia ricordarci innanzitutto che il male esiste!

La prima vittoria del male è farci credere che tutti i nostri problemi sono solo paturnie di uomini o tra uomini, questioni solo di pensieri, errori o ferite. Il male esiste e lavora costantemente contro di noi. Prima lo accettiamo e prima permettiamo a Cristo di combatterlo in noi e per noi. 

Nel racconto di oggi esso si manifesta come una violenza che sbarra la strada: “erano tanto furiosi che nessuno poteva più passare per quella strada”. Molte volte nella vita ci sembra che la strada sia sbarrata oltre le nostre forze. 

Il Signore può usare ogni ostacolo per il nostro bene

Dobbiamo allora ricordarci che Cristo può liberare ogni strada e può trasformare la fatica di un ostacolo (anche se è il demonio a metterlo) in un modo di santificarci, di farlo concorrere al nostro bene. Il male può sbarrarci la strada ma non può fermare il nostro cammino.

L’Amore di Dio che ci arriva attraverso Cristo ci aiuta a trasformare ogni tentazione in occasione, ogni ostacolo in opportunità, ogni chiusura in trampolino di lancio. Cristo non solo ci libera dal male, ma ci libera anche nonostante il male. È questo quello che il male non comprende, motivo per cui non si accorge che molte volte invece di distruggere fortifica.


di don Luigi Maria Epicoco

tratto da https://www.facebook.com/Epicoco

Mucha Suerte App: f3ae07b