Testimoni Fede

La biografia di Artemide Zatti, infermiere

La carità per accompagnare chi soffre.


L'aspetto professionale di Artemide, iniziato con una promessa, era radicato nella fiducia nella Provvidenza e si sviluppò una volta guarito dalla sua malattia. La frase "Ho creduto, ho promesso, ho guarito", motto della sua canonizzazione, mostra la dedizione totale che Artémides Zatti aveva con i suoi fratelli malati, i più poveri e bisognosi.

Questo impegno lo ha assunto quotidianamente fino al momento della sua morte nell'ospedale San José, fondato dai primi Salesiani giunti in Patagonia, e lo ha riaffermato in ogni visita domiciliare, urgente o meno, che ha elargito ai malati che ne avevano bisogno.

In bicicletta, nell'ufficio del suo direttore, in sala operatoria, nel patio durante la ricreazione con i suoi poveri “parenti”, nelle stanze d'ospedale che visitava tutti i giorni, faceva sempre l’infermiere; santa infermiera dedita alla guarigione e al sollievo, portando la migliore medicina: la presenza gioiosa e ottimista dell'empatia.

Una persona e una squadra che stanno facendo il bene

La fede spinse Artemide Zatti verso un'attività instancabile ma ragionevole. La sua consacrazione religiosa lo introdusse direttamente e totalmente alla cura dei poveri, malati e bisognosi di salute e alla misericordiosa consolazione di Dio.

Artemide lavorerà nel mondo della salute al fianco di medici, infermieri, personale sanitario, Figlie di Maria Ausiliatrice e tante persone che hanno collaborato con lui per sostenere l'ospedale San José, il primo in Patagonia Argentina, a Viedma nel primo semestre del 20° secolo.

Artemide lavorerà nel mondo della salute al fianco di medici, infermieri, personale sanitario, Figlie di Maria Ausiliatrice e tante altre persone.

La tubercolosi che Artemide prese a vent'anni non fu di ostacolo a perseverare nella sua scelta vocazionale. E ha trovato nella figura del Salesiano Coadiutore lo stile dell'impegno a lavorare direttamente con i poveri. La sua consacrazione religiosa vissuta nella professione infermieristica è stata la congiunzione della sua vita donata a Dio e ai suoi fratelli. Naturalmente questo si è manifestato in una personalità peculiare, unica e irripetibile. Artemide era una brava persona, che lavorava direttamente con i poveri, facendo del bene.

"Parenti di tutti i poveri"

Lo scopo del contatto diretto con i poveri era la salute, cioè placare il dolore, far fronte alla sofferenza, accompagnare gli ultimi istanti della vita, offrire un sorriso di fronte all'irreversibile, dare una mano con speranza. Per questo Zatti divenne una “presenza-medicina”: guarì direttamente affidandosi alla sua gradevole presenza.

Il suo principale biografo, il salesiano Raúl Entraigas, ha avuto una scoperta originale. Ha scoperto nella frase di un contadino la sintesi della vita di Artemide: Zatti sembra "il parente di tutti i poveri". Zatti vede negli orfani, nei malati e negli indigeni lo stesso Gesù. E li tratta con tale vicinanza, apprezzamento e amore, come se fossero la sua stessa famiglia.

Con la sua bicicletta, mezzo di trasporto preferito per questi compiti, percorre le strade di Viedma. Una bella risposta scritta in una lettera alla nipote Maria Elisa Zatti, Figlia di Maria Ausiliatrice, esprime quanto segue:

“Grazie a Dio per la mia salute, sto bene e mi è dato di girare per la città con siringhe, termometro, canti, ecc. Spero che anche tu stia bene, ma non andare in giro come tuo zio". (Archivio Storico Salesiano dell'Argentina Meridionale, sede di Bahía Blanca. AR AHS ARS/BB. Bahía Blanca, Argentina, n. 100).

Allenarsi per aiutare

Vedendo i bisogni delle persone, Zatti si perfeziona nella sua professione. Progressivamente diventa responsabile dell'ospedale, studia e convalida le sue conoscenze davanti allo Stato quando richiesto. I medici che lavorarono con Artemide, come i dottori Molinari e Sussini, testimoniano che nostro fratello possedeva una grande scienza medica, frutto non solo della sua esperienza, ma anche del suo studio.

P. De Roia aggiunge: “Riguardo alla formazione culturale e professionale, ricordo di aver visto libri e pubblicazioni di medicina e di avergli chiesto una volta quando li leggeva, mi disse che lo faceva di notte o durante la siesta per i malati, una volta l'ospedale le carte sono finite”.

Zatti si perfeziona nel suo mestiere. Progressivamente diventa responsabile dell'ospedale, studia e convalida le sue conoscenze davanti allo Stato quando richiesto.

Esiste un documento a tal fine, "Credenziale professionale", rilasciato dalla Segreteria Nazionale della Sanità Pubblica come iscrizione all'infermiere professionale n. 07253. Questi erano gli studi che svolse all'Università Nazionale di La Plata nel 1948, all'età di 67 anni. A ciò si aggiunge una precedente certificazione, nel 1917, di "Idoneo" in Farmacia.

Il suo stile di vita lo porta ad un impegno in cui incontra direttamente i poveri, i malati, i più bisognosi. Ecco perché la professione infermieristica aveva un vantaggio: la sua presenza era una testimonianza della bontà di Dio. Pensiamo che questo modo semplice di vedere la realtà può aiutarci a comprendere meglio la vita del nostro fratello, con particolare attenzione al termine "direttamente".

In questa prospettiva troviamo il più genuino di Zatti, che mostra quella che chiamiamo “vita religiosa” o “consacrazione”. Per questo Artemide è un santo salesiano. È un santo infermiere. È l'eredità che ci ha lasciato tutti. Ed è questa la sfida che si presenta alla nostra porta e che ci invita a farcela.

1908.

Con la guarigione della salute, Zatti entrò nella Congregazione Salesiana come coadiutore. Inizia ad occuparsi della farmacia dell'ospedale San José, l'unico a Viedma.

1911.

Dopo la morte di don Evasio Garrone, direttore dell'ospedale, Zatti resta a capo della farmacia e dell'ospedale, il primo in Patagonia. Ci ha lavorato per quarant'anni.

1917.

Ha conseguito il titolo di "Adatto in Farmacia" presso l'Università di La Plata.

1941.

L'edificio dell'ospedale viene demolito. Pazienti e professionisti si trasferiscono con Zatti alla scuola agraria "San Isidro".

1948.

Zatti ottiene l'iscrizione all'Infermieristica presso l'Università di La Plata


Di José Sobrero, SDB

Tratto da zatti.org

Pubblicato originariamente nel Bollettino Salesiano dell'Argentina.

Mucha Suerte Versione app: 7cb9261