Testimoni Fede

La biografia di Artemide Zatti, immigrato

Emigra nel 1897 in Argentina. Lì inizia a frequentare la parrocchia gestita dai Salesiani di Don Bosco, religiosi cattolici dediti all'educazione e all'evangelizzazione della gioventù più povera e abbandonata.


Dodicimila chilometri separano il comune di Boretto, nella regione di Reggio Emilia, in Italia, dalla città di Bahía Blanca, nel sud della provincia di Buenos Aires, in Argentina. Come milioni di famiglie dell'epoca, gli "Zatti" emigrarono in America alla ricerca di migliori condizioni di vita.

Un nuovo paesaggio, cultura e lingua accolgono un giovane Artemide , un santo che ha vissuto alcuni dei sogni e delle difficoltà, dei desideri e delle gioie, vissuti da ogni migrante che lascia la propria terra.

Milioni in cerca di un futuro migliore

Nella seconda metà dell'Ottocento il sistema sociale e la struttura agraria italiani subirono una grave crisi che colpì i piccoli produttori ei fittavoli rurali. Lo spostamento dalla campagna alla città causato dall'industrializzazione, insieme alla concentrazione della proprietà rurale e all'aumento della povertà, spinsero i contadini italiani ad emigrare in America.

Dei 52 milioni di europei emigrati tra il 1830 e il 1930, circa 11 milioni sbarcarono in America Latina: la maggior parte proveniva dal nord Italia e dalla Spagna. Quasi la metà, circa 5 milioni di italiani, si stabilì in Argentina.

Anche Boretto, piccolo centro contadino del Po, risente della crisi agraria. E la famiglia Zatti soffriva di ristrettezze economiche. Tutti i suoi membri, sin da piccolissimi, si sono dedicati al lavoro nei campi, bambini compresi. I figli più grandi e gli altri parenti erano impiegati come braccianti o peoni per guadagnarsi pane e polenta: "Nati in una casa povera, dove c'erano tante bocche e pochi redditi, bisognava lavorare se si voleva vivere", riassume il salesiano Raúl Entraigas, biografo principale di Zatti.

Come milioni di famiglie dell'epoca, gli "Zatti" emigrarono in America alla ricerca di migliori condizioni di vita.

Come il resto della sua famiglia, Artemide condusse una vita povera come contadini laboriosi e altruisti. E come altri italiani, hanno visto in "America" ​​una via d'uscita. Le informazioni dei parenti che erano già in questo continente sono state entusiasmanti. In particolare lo zio Juan Zatti, che si era insediato a Bahía Blanca, officiava come "chiamante".

Le catene migratorie, le reti di socialità e l'identità etnica e religiosa hanno funzionato per incanalare notizie, scoprire opportunità di lavoro e sfruttare le poche risorse disponibili. Amici e parenti già residenti nella "terra promessa" iniziarono queste catene. All'inizio del 1897 la famiglia Zatti si imbarca per l'Argentina. Artemide aveva 16 anni.

Legami e fede per sentirsi a casa

Arrivati ​​in America, gli immigrati italiani, la stragrande maggioranza dei quali lavoratori agricoli, si sono dedicati a diverse attività che hanno permesso loro di guadagnarsi da vivere o, nel migliore dei casi, di ottenere un leggero avanzamento sociale. Gli Zatti arrivarono in Argentina il 7 febbraio e si stabilirono a Bahía Blanca, allora una piccola città nel sud della provincia di Buenos Aires.

Il sostegno tra i parenti e la solidarietà delle reti sociali, come le società di mutuo soccorso e l'azione della Chiesa, hanno favorito l'inclusione dei migranti nella vita sociale, culturale e produttiva. I Salesiani di Don Bosco, molti dei quali anche italiani, hanno favorito questo inserimento nella società bahiana.

I Salesiani di Don Bosco, molti dei quali anche italiani, hanno favorito l'inserimento degli immigrati nella società bahiana.
Nell'ambito di questa catena migratoria, Artémides officia come consigliere per i neoincorporati: “Ho sentito che veniva dall'Italia, o meglio, dall'indimenticabile Boretto, cugino Higinio. Dalle lontane terre della Patagonia ti auguro buona fortuna. (...) Consigliategli di non lasciarsi intrappolare (va per tutti) da quel datore di lavoro che fa lavorare le persone in ferie, con la scusa della necessità, dicendo e mettendo in pratica quanto già sentito, che in America tutto è permesso come basta fare soldi”.

Gli Zatti, famiglia religiosa, abituata alle pratiche di pietà contadina, frequentavano regolarmente la parrocchia di Boretto. Già in Argentina, Artémides, come tutti i suoi confratelli, si unì alla vita parrocchiale e divenne presto un assiduo partecipante alle attività organizzate dai Salesiani. Dal contatto con loro sono nate la vocazione religiosa e il desiderio di diventare salesiani.

Con il ricordo della patria

I migranti, anche incorporati in società "ricettive", come gli Zatti alla fine dell'Ottocento, hanno sperimentato povertà e incertezza. Mentre cercavano di mantenere i legami con la città di origine, stavano costruendo nuovi legami per farsi strada.

A seguito di una procedura, Artémides contatta il suo parroco a Boretto e manda i saluti a tutti i suoi connazionali: “Ho scritto a Boretto, a don Costante Solian, chiedendo il certificato di Battesimo e Cresima. Me li ha già inviati incaricati di salutare tutti voi ei 'Boretenses' che abitano a Bahía Blanca”.

Nella vita di Artemide possiamo vedere la sua resilienza di fronte alle avversità nel nuovo contesto vitale: lavoro precario, studi incompleti, gravi difficoltà di salute, incertezza sul futuro. Davanti a tutti è riuscito a riprendersi. Infine, nel 1914 ottenne la sua "lettera di cittadinanza" come cittadino della Repubblica Argentina. E fu solo nel 1934, in occasione della canonizzazione di Don Bosco e per l'unica volta, che tornò in Italia e visitò la sua città natale.

Un santo immigrato

Vari fattori influenzano la migrazione, che può essere volontaria o forzata, il risultato di disastri ecologici, crisi economiche e situazioni di estrema povertà o conflitto armato, la cui entità e frequenza continuano ad aumentare.

Sebbene in una proporzione minore rispetto alla fine del XIX secolo, paesi come l'Argentina continuano a ricevere centinaia di migliaia di immigrati ogni anno, soprattutto da altre parti dell'America Latina. E come in diverse parti del mondo, l'opera salesiana è un punto di incontro e di fede per le famiglie migranti, e un luogo di formazione e di ricreazione per i loro bambini e giovani.

L'opera salesiana è un punto di incontro e di fede per le famiglie migranti, e un luogo di formazione e di ricreazione per i loro bambini e giovani.

Allo stesso tempo, e per vari fattori, oggi molte persone lasciano il Paese per stabilirsi anche in altri luoghi. Loro e se ne vanno, proprio come ha fatto la famiglia Zatti, alla ricerca di nuove opportunità, inseguendo sogni, con difficoltà e paure.

Oggi come in passato, i migranti, nonostante le carenze, le ingiustizie e le disuguaglianze, grazie alle loro particolari conoscenze, reti e competenze, cercano di farsi strada e costruire un futuro migliore. In questo modo, contribuiscono a forgiare comunità più forti e diversificate con soggetti resilienti nella nuova società e cultura a cui arrivano.

Gli "Zatti", e tra questi Artemide, hanno forgiato una storia in Argentina. Quel migrante di Boretto trovò una vocazione con i Salesiani e condusse una vita piena. La storia successiva lo mostra a Viedma consolidato in una vocazione di servizio incondizionato. Un percorso vitale consacrato a Dio e ai più poveri, per questo è ricordato come il "parente di tutti i poveri", un santo semplice e vicino alla gente. Un santo immigrato, speranza in tempi difficili.


Di Ariel Fresia, SDB

Tratto da zatti.org

Pubblicato originariamente nel Bollettino Salesiano dell'Argentina

Mucha Suerte Versione app: af564a9