Testimoni Fede

La biografia di Artemide Zatti, credente

La fede per far fronte alla sua malattia e guidare la sua vocazione.


L'atto vitale della fede è la storia personale del credente. Se diciamo che alla radice della fede c'è il dono di Dio, dobbiamo anche fare in modo che questo dono sia custodito nella persona. In questo modo dobbiamo conoscere chi è la persona e la sua personalità, perché è lì che risiede la sua fede.

La fede come adesione personale a Dio è stata per Zatti una storia personale, che ha raggiunto la santità nel lavoro concreto, nella cura dei malati, nel mondo della salute.

Ho creduto, ho promesso, ho guarito

La fede cristiana di Artemide ha il suo inizio nel suo battesimo a Boretto, Reggio Emilia, Italia, nella basilica di San Marco, lo stesso giorno della sua nascita, il 12 ottobre 1880.

Nel 1897 la famiglia Zatti-Vecchi si trasferì in Argentina per iniziare una nuova vita. Arrivano a Bahía Blanca, dove lo zio Luis prepara loro una casa e la possibilità di lavorare. Nei fine settimana si sono recati alla parrocchia di Nuestra Señora de la Merced, frequentata dai Salesiani. Lì Artemide poté approfondire la sua fede in Gesù e incontrare Don Bosco. Con quella testimonianza decise di essere salesiano.

Si recò a Bernal per iniziare l'aspirantato salesiano, dove studiò e lavorò con entusiasmo. Purtroppo contrasse la tubercolosi mentre doveva occuparsi di un salesiano colpito da questa malattia. Il contagio era inevitabile. Tuttavia, è andato avanti.

Si recò a Viedma per alleviare il dolore della sua malattia. Lì ha incontrato padre Evasio Garrone, dedito alla medicina, che lo ha invitato a fare una promessa a María Auxiliadora per ottenere la guarigione, con l'impegno di dedicare la sua vita alla cura dei malati presso l'incipiente ospedale San José de Viedma.

La frase di Artemide era categorica: "Ho creduto, ho promesso e ho guarito", come furono scritte sul quotidiano Flores del Campo del 3 maggio 1915.

Credere nell'intercessione di Maria per la sua guarigione è stato un atto di fede semplice, pieno di amore filiale. Promettere è stato un atto coraggioso per confidare nella Provvidenza e dedicarsi alla cura dei malati. La guarigione fu il risultato dell'atto di fede e fiducia che portò Artemide a stare con i più bisognosi fino al giorno della sua morte.

“La preghiera era come il respiro della sua anima”

Questo fatto è la svolta per comprendere l'enorme opera di Artemide che possiamo apprezzare negli anni vissuti a Viedma. Con fede vinse la malattia e diresse la sua vocazione, che coltivava quotidianamente in unione con Dio, dalle cinque del mattino fino alle ultime ore del giorno.

Monsignor Carlos Mariano Pérez è stato l'ispettore salesiano negli ultimi anni di Artémides. La sua testimonianza sulla vita di fede di Zatti mostra la sua vita interiore:

“Amava Dio con tutto il suo cuore, con tutta la sua mente e con tutta la sua forza. La preghiera era come il respiro della sua anima ed era convinto che in essa aveva l'onnipotenza di Dio nelle sue mani”.

“Sebbene i problemi materiali lo abbiano molestato e preoccupato, ha sempre anteposto l'eterno al temporaneo. Conosceva la Sacra Scrittura e la assaporava: egualmente la vita dei santi ei trattati di ascesi. Sapeva irradiare tutto con il suo esempio e con la sua parola”.

“Era un vero catechista che offriva l'immagine dell'uomo adulto nella fede, capace di trasmettere una fede sincera e disinteressata in Cristo. I pazienti più poveri, i più difficili o con malattie ripugnanti, erano per lui i veri parafulmini dell'Ospedale San José. La frase di Gesù era molto chiara nella sua mente e nel suo cuore: 'Tutto quello che fate a uno di questi piccoli, fatelo a me' (Mt 24, 40)".

Zatti, manoscritto

In una lettera di Artemide scritta nel 1914, da Viedma ai suoi parenti a Bahía Blanca, esprime in modo semplice e diretto i passi che sta compiendo nella sua vita di fede. Come ci ricorda Romano Guardini, è la storia di un credente, in una personalità concreta. Ecco cosa dice la lettera:

“Pregate per me, ho un grande bisogno di poter compiere la missione che il buon Dio nella sua infinita misericordia si è degnato di affidarmi, lo faccio per voi ogni giorno. E con grande fervore quando penso che la vita presente è breve, brevissima!

Che non ci sia più memoria delle sofferenze di ieri (dolce ricordo quando si soffre per il Signore) e che il premio che ci aspetta è grande, grandissimo perché è Dio stesso!... A volte mi viene un'angoscia inspiegabile quando Penso che possiamo perderla per causa nostra!... Ma armati di fede combattiamo la battaglia del Signore e il Signore ci farà meritare una ricompensa eterna!..."

(Lettere di Zatti, n. 106, Archivio Storico Salesiano dell'Argentina Meridionale, sede di Bahía Blanca)

Qui troviamo la sua profonda convinzione dell'esperienza personale di Dio, sapendo che questo rapporto lo porta a riconoscere e credere nella rivelazione divina, mistero così grande che sostiene la sua vita donata ai più bisognosi, ai suoi cari ammalati: "E che il premio che ci aspetta è grande, grandissimo perché è Dio stesso"

La fede di Artemide è stata una vera gioia, sapendo che godere è entrare nel dinamismo della realtà, in ogni momento. Con la sua fede si impegnava nella vita comunitaria che aveva la forma di un ospedale, vivendo con i suoi fratelli malati, poveri e bisognosi, gli ultimi, i dimenticati.

Così la gioia crebbe in intensità. Vi era alloggiata la gioia, l'emozione, il piacere, il gusto personale della sua vocazione. L'intensità era "una misura buona e abbondante". Questo era il dinamismo che mantenne Artemide, credente e aderente al trascendente, che lo portò alla santità.


Di José Sobrero, SDB

Tratto da zatti.org

Pubblicato originariamente nel Bollettino Salesiano dell'Argentina.

Mucha Suerte Versione app: af564a9