Donboscoland

L28 Alla missionaria suor Giovanna Borgna (Lettera di Madre Mazzarello)


L28 Alla missionaria suor Giovanna Borgna (Lettera di Madre Mazzarello)

da Spiritualità Salesiana

del 12 maggio 2005

L28 Alla missionaria suor Giovanna Borgna

Nizza [Monferrato], 20 ottobre 1879

Viva Ges√π, Maria e S. Giuseppe!

Mia carissima suor Giovanna,1

1. Ho ricevuto con piacere la tua cara lettera e son contenta delle belle notizie che mi hai scritto. Ho sentito che avete fatto i santi Esercizi, ne sia lode a Dio che vi ha fatto una sì bella grazia. Mi son consolata tanto, che tante ragazze si sono confessate e [hanno] fatto la S. Comunione, va tanto bene così. Non bisogna che ti scoraggi quando senti che il mondo parla male di voi o delle vostre maestre, o scuole, o di monache, o di preti, o che so io... Se il mondo parla così, è segno che noi siamo dalla parte di Dio, il demonio è arrabbiato con noi e noi dobbiamo farci ancor più coraggio.2

2. Non sto a darti notizie di questa casa, suor Angiolina Direttrice te le darà essa, le ho scritto una lettera lunga. Anzi le dirai che te la legga o te la dia. Anzi mi dimenticai di raccomandarle una cosa, che le dirai tu. Dirai che dovete stare ben attente alla sanità di tutte, se ci manca questa, non possiamo più far niente, né‚ per noi né‚ per altri.3

3. Dimmi un po', suor Giovanna cara mia, sei sempre allegra? sei umile? e le suore, come le tratti? con dolcezza e carità?

4. Cara mia, ti raccomando neh, neh, di essere di buon esempio alle tue sorelle, bisogna che tu sia modello di virt√π in tutte le cose, principalmente nella esattezza della S. Regola, se vuoi che la barca vada avanti bene e se vuoi che le figlie ti abbiano rispetto e confidenza.

5. Non ti dico questo per farti nessun rimprovero, anzi so che fai tutto quel che puoi perché‚ le cose vadano bene. Ma te lo raccomando questo, perché‚ mi sta troppo a cuore. Coraggio, suor Giovanna mia cara figlia, facciamo un po' di bene finché‚ abbiamo un po' di tempo. Questa vita passa presto, in punto di morte saremo contente delle mortificazioni, combattimenti, contrasti fatti contro il nostro amor proprio e noi stesse. Ti raccomando di non scoraggiarti mai se ti vedessi carica di tante miserie, mettiamoci la nostra buona volontà, ma che sia vera, risoluta, e Gesù farà il resto. I nostri difetti, se li combattiamo con buona volontà, son quelli che devono aiutarci ad andare avanti nella perfezione, purché‚ abbiamo vera umiltà.

6. E ragazze ne hai tante? Ricordati di dare buon esempio con belle maniere. Di' [loro] un Viva Ges√π da parte mia e che [recitino] un'Ave Maria per me. Io le raccomando sempre nella S. Comunione tutte le mattine.

7. Lo dirai anche alle suore di pregare molto per me, per tutta la nostra Congregazione e per i superiori che tanto faticano per noi.

8. Tua sorella sta bene, è allegra e pare che voglia farsi buona. Ti saluta tanto e si raccomanda alle tue preghiere. Sta tranquilla che ne ho tutta la cura.4

9. Stammi allegra, fa' coraggio a tutte le altre e abbiti riguardo della salute, sta' umile.

10. Porgi i miei rispetti a codesto buon Rev.do Direttore e raccomandami alle sue fervorose preghiere, e scrivimi quando hai occasione. Dio ti benedica e ti faccia tutta sua e nel suo Cuore Sacratissimo credimi sempre in Ges√π la tua

 

Aff.ma

la povera suor Maria Mazzarello

 

1 Vicaria della casa di Las Piedras e praticamente responsabile della comunità.

2 In Uruguay, intorno agli anni '80, leggi eversive tendevano a sopprimere le Congregazioni religiose. Anche i Salesiani inizialmente furono presi di mira (cf CERIA Eugenio, Annali della Società Salesiana. Dalle origini alla morte di S. Giovanni Bosco, I, SEI, Torino 1961, 441). Il 15 ottobre 1879 suor Borgna scriveva a don Bosco le sue preoccupazioni informandolo che l'Ispettore del dipartimento delle scuole pubbliche voleva ingerirsi nelle scuole private ed imporre a queste la sua autorità. Suor Borgna continua dicendo: «Siccome noi vogliamo fare del bene alla gioventù, così speriamo che il Signore prenderà le nostre difese e ce ne stiamo tranquille» (cf lettera pubblicata in Bollettino Salesiano 4 [1880] 1, 7-9).

3 Suor Angela Vallese e suor Giovanna, come già si è detto, collaboravano nella direzione della comunità

4 La informa della sorella Giacinta della quale la Madre dichiara di seguire la crescita con sollecita e amorosa cura (cf L06, nota 57).

Mucha Suerte Versione app: f1cd754