Donboscoland

L'incredibile controversia sull'albero di Natale

La controversia cominciò a Boston, dove l'amministrazione comunale diramò un invito all'accensione dell''albero delle vacanze' della città. Gli evangelici (e alcuni cattolici) protestarono...


L'incredibile controversia sull'albero di Natale

da Attualità

del 20 dicembre 2005

Cominciò con una controversia sugli alberi di Natale. Improvvisamente divenne politicamente scorretto chiamarli alberi 'di Natale'. Ora devono essere chiamati alberi 'delle vacanze'. Pare che chiamarli 'di Natale' vìoli la separazione fra Stato e Chiesa, la libertà religiosa, ecc.

La controversia cominciò a Boston, dove l'amministrazione comunale diramò un invito all'accensione dell''albero delle vacanze' della città. Gli evangelici (e alcuni cattolici) protestarono. Il sindacò ribadì che lo avrebbe sempre chiamato albero di Natale. L'albero di Boston è un dono del popolo del Canada, e il boscaiolo della Nuova Scozia che aveva tagliato l'albero disse che non l'avrebbe fatto se avesse saputo che non lo si sarebbe potuto chiamare albero di Natale.

Quando l'ufficio del governatore Sonny Perdue della Georgia ha diffuso venerdì scorso un comunicato stampa annunciando l'inaugurazione di un «albero delle vacanze», mezz'ora dopo ne ha emesso un altro che diceva: «In realtà si tratta di un albero di Natale». Qui a New York il sindaco ebreo annunciato che il nostro è un albero di Natale. I gruppi cristiani stanno boicottando i negozi che non menzionano la parola 'Natale' nei loro biglietti di auguri o nelle campagne pubblicitarie. Le scuole sono sottoposte a pressioni perché parlino delle vacanze di dicembre come di «pausa di Natale». Anche la Casa Bianca è stata attaccata questa settimana per aver mandato in giro biglietti con auguri per «il periodo delle vacanze».

Anche i principali megastore che si erano accodati al movimento degli alberi delle 'vacanze' hanno cambiato idea e ribadito che i loro alberi erano alberi di Natale. Un grande negozio di articoli per la casa a Austin nel Texas ha cercato un compromesso. Un grosso cartello in inglese pubblicizzava i loro alberi 'delle vacanze', ma in spagnolo venivano chiamati alberi 'di Natale'! Pareva che non gli importasse offendere i loro clienti cristiani di lingua inglese, ma temevano di offendere quelli di lingua spagnola. «Forse sono preoccupati per i clienti in visita dal Messico», ha detto qualcuno.

D'altra parte, sempre più numerose grosse 'megachiese' (che tengono servizi domenicali con più di 20 mila partecipanti alla volta) quest'anno non celebreranno il Natale perché quel giorno la partecipazione è molto bassa. Inviteranno invece i parrocchiani a stare a casa e celebrarlo con la famiglia. Una Chiesa fornisce un Dvd che aiuta a compiere la celebrazione «nel comfort della vostra casa».

Gli evangelici sono arrabbiati. Finora nessuna megachiesa ha scelto di avere servizi in lingua spagnola il giorno di Natale. Feliz Navidad.

http://www.tempi.it

Mucha Suerte Versione app: 950f84a