News 3

Antropologia: La persona nella prospettiva cristiana

La persona nella prospettiva cristiana: I corso di Antropologia cristiana


Antropologia: La persona nella prospettiva cristiana

da Teologo Borèl

del 18 settembre 2009

La persona nella prospettiva cristiana: I corso di Antropologia cristiana

Il termine 'antropologia' ci ricorda immediatamente che la questione capitale è la riapertura del problema del senso dell'esistenza umana e perciò del suo valore.

In senso rigoroso e fondamentale la questione antropologica coincide con la cultura tout court.

Giovanni Paolo II, all'inizio del suo pontificato, ha formulato in modo suggestivo e densamente drammatico questa questione, su cui è poi tornato numerosissime volte, dopo la grande Enciclica programmatica 'Redemptor Hominis'.

'Se le nostre statistiche umane, le catalogazioni umane, gli umani sistemi politici, economici e sociali, le semplici umane possibilità non riescono ad assicurare all'uomo che egli possa nascere, esistere ed operare come unico e irripetibile, allora tutto ciò glielo assicura Iddio. Per Lui e di fronte a Lui, l'uomo è sempre unico e irripetibile; qualcuno chiamato e denominato con il proprio nome'. (Radiomessaggio natalizio, 25 dicembre 1978).

Il Magistero di Giovanni Paolo II non solo è sensibilissimo al porsi della questione antropologica ma è, insieme, un fattore culturale che la favorisce e la promuove.

In effetti riaprire la questione antropologica è possibile soltanto compiendo un bilancio critico della cultura moderno-contemporanea: una cultura che ha preteso di fondare l'uomo ed il valore prescindendo dalla dimensione religiosa dell'esistenza e riconducendolo esclusivamente al potere intellettuale e morale e, quindi, tecnologico-scientifico.

Così nella cultura moderno-contemporanea la persona umana, da soggetto libero e responsabile della storia si controverte in oggetto delle più diverse manipolazioni.

Per usare un'espressione significativa di Grygiel, l'antropologia moderna è una antropologia 'profanata'.

Nel fermento culturale e nei dibattiti suggeriti dalla questione antropologica si inserisce come contributo di notevolissimo interesse questo testo, che raccoglie le lezioni del professor Stanislaw Grygiel 'La persona nella Rivelazione cristiana'.

Il testo è di esemplare profondità ed insieme straordinariamente chiaro: in essa si coniugano il rigore della lezione della metafisica classica, una memoria profonda della tradizione culturale medievale, una appassionata partecipazione alla vicenda antropologica contemporanea, colta nelle sue istanze positive e nei suoi limiti.

Il testo comunica una singolare profondità di pensiero in termini elementari e suggestivi.

Questo corso diviene così strumento utile per l'apprendimento della identità culturale di ogni esperienza ecclesiale ed aiuto allo svolgersi della sua responsabilità missionaria, nel mondo.

 

mons. Luigi Negri

http://http://www.culturacattolica.it

Mucha Suerte Versione app: 513c99e