Parola di Dio

“A che ora è la fine del mondo?”

Il Vangelo commentato dai giovani e dai salesiani. Prenditi un tempo di meditazione sulla Parola di Dio.


XXXIII Domenica - Tempo Ordinario

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 21,5-19
 
In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.
Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza. Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere.
Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.
Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita».

Parola del Signore.

Commento

A che ora è la fine del mondo?

Cantava così la canzone di Ligabue qualche anno fa: "a che ora è la fine del mondo?" A ognuno di noi piacerebbe saperlo ma non ci è dato di conoscere l’istante in cui accadrà, ci è chiesto invece di vivere il quotidiano con speranza e coraggio. In molti luoghi della terra, come i giornali ci aiutano a sapere, ci sono guerre e rivoluzioni, terremoti e carestie, e noi come reagiamo a questi avvenimenti? Ci scoraggiamo oppure siamo speranzosi che un futuro migliore possa esserci? Forse questo futuro è già presente in quanto tra le mani abbiamo la possibilità di cambiare la storia.

Ogni istante, ogni momento, ogni parola è una occasione per testimoniare quell’Amore che sperimentiamo dalla relazione con il Buon Dio.
“Avrete allora occasione di dare testimonianza”, è questo l’invito che in questa domenica Gesù ci consegna come impegno. Dare testimonianza specialmente con quelle persone che sentiamo più lontane, con quei gesti che ci sembrano più scontati e banali, in quei luoghi in cui non si sente la presenza di Dio. Forse è proprio attraverso queste piccole “sofferenze” di ogni giorno che possiamo cambiare la storia. Gesù ci chiedere di metterci il nostro, un nostro che è per altri e su cui verremo giudicati. In questo senso niente andrà perduto. Gesù oggi ci chiede di avere coraggio di vivere con speranza e di essere suoi testimoni, ci fa’ una promessa molto chiara: il paradiso.

Una chiave per vivere questo è la perseveranza, cioè non fermarsi al primo ostacolo, al primo no, al primo cappello perduto. Continuare e continuare senza scoraggiarsi, confidando nell’Amore. Questa promessa di Gesù non deve farci temere su a che ora sarà la fine del mondo bensi deve aiutarci a vivere ogni istante che abbiamo come la possibilità per diventare santi. Il buon Dio ci dona gli istanti necessari per essere felice, non uno in più, non uno in meno.

Mucha Suerte Versione app: 7cb9261