CERCA

Maturità 2014. Prima prova: il dono.

Maturità 2014. Prima prova. Saggio breve. Argomento: il dono. A proposito, ma oggi esiste ancora il dono? In questo tema-risposta riscopro, così, qualcosa di semplice e straordinariamente bello...

Avvento & Arte - Prima Settimana

Tutti noi abbiamo un momento che possiamo definire stagno di buio. Usiamo le parole del poeta che così bene ci descrivono una situazione stazionaria, di cui non vediamo la fine e siamo come immobili, incapaci di muoverci, intrappolati nel fango, nell’acqua melmosa che non ha ricambio in quanto non è acqua corrente.

RUBRICA - Buon compleanno, prof

[...] Lei, mio carissimo professore, mi ha fatto capire che la conoscenza e la poesia sono cose preziose, che rendono preziosa una persona. Lei è prezioso, ha conoscenza e poesia dentro.

Poeti e profeti alla luce del Cristo veniente

Il cristianesimo del XXI secolo non sarà più, non si presenterà più come una “religione” omologabile alle altre (tranne che in alcuni ghetti integristi, veri e propri “fossili viventi”). Esso si svelerà, si affermerà come la religione dello Spirito e della libertà nello spazio dell'umanità di Cristo...

Desiderare di essere felici fino all'impossibile

Ecco, Montale ce lo aveva detto: non c'è più nessuno che desideri essere felice fino all'impossibile, fino all'annientamento. E che le sue parole risuonino ancora oggi è urgente, per salvare l'umanità nostra e dei nostri giovani...

I verbi di Dio: cadere, morire, dimenticarsi di sé

Fatichiamo a rispondere a un Dio che si annienta per toccarci. Lo aveva ben capito Giovanni Testori, in versi taglienti e limpidi, e in parole che scarnificano, come sempre...

Re(g)ale bellezza del rospo

L'amore è anche vittoria sulla solitudine radicale del nostro io e trasformazione di quel vuoto, ma non può ridursi solo a questo. Il punto non è essere guardati a tutti i costi (quel vuoto se c'è va riempito a partire dalla propria vita e non può essere affidato del tutto a qualcun altro) ma essere guardati “bene”, cioè essere guardati per “il bene” nostro. Questo si chiama Amore.

A proposito di "grande bellezza"...

Forse la "grande bellezza" nasce da una grande decadenza e dalla purificazione di questa, dal tratto semplice di chi ci ha messo il cuore perché a sua volta è posto in qualcosa di più grande.

Leopardi: nel 2019 il bicentenario de "L'infinito"

L'infinito siamo proprio noi. In un'epoca in cui si fa un gran parlare di identità, proprio perché non ne sappiamo più niente, è importante volgere lo sguardo di nuovo a una pietra miliare del nostro essere...

A Sylvia

La fragilità accettata, e quindi prima accolta e amata da chi ci dà la vita e ci educa, è la fessura attraverso cui l’amore entra e diventa fondamento, perché solo l’amore dà all’io le radici per slanciarsi...

"Nel mezzo del cammin"

Franco Nembrini torna da lunedì 7 dicembre su TV2000 per parlare di Dante...

Sul dopo Natale

Questa festa, per la quale tanto ci prepariamo in vari modi, va celebrata altrettanto dopo il 25 dicembre. Dal punto di vista ecclesiale si chiama, infatti, "Tempo di Natale"...

Così San Francesco compose il Cantico delle Creature

Era il 1224, e Francesco giaceva ammalato su un lettuccio...

200 anni fa nasceva l'Infinito

Il giovane si dirige verso la collinetta dietro casa. Lo fa tutti i giorni, dopo una giornata di studi indefessi, esce e si reca su quello spazio verde che termina a picco sulla valle sottostante...

Maturità è non essere banali

Un commissario all'inizio della prova ha detto agli studenti di metterci “mente e cuore” ed anch'io sono convinto che tutto stia in questo...

Parlami di Dio

Il senso religioso non è la fede, ne è il presupposto. E' presente anche in molti non credenti, è la consapevolezza del mistero, quella forza misteriosa che ci spinge sempre a cercare un Oltre...

«Quando il cielo baciò la terra nacque Maria»: il canto mistico di Alda Merini alla Madonna

Arricchire la spiritualità del Natale con i versi della poetessa dei Navigli dedicati alla Madre di Gesù

Quei «giovani favolosi» dei nostri studenti

Leopardi rivive in molti dei nostri studenti; sì, coloro che scrivono temi mozzafiato, che leggono poeti sotto il banco, appuntano versi nei diari e li incidono sui banchi.

Maturità 2015. Sarà l'anno del XXXIII del Paradiso?

Dante, la Grande Guerra, Pasolini, Saba o un grande mai considerato. Qualche ipotesi e un vademecum per ripassare...

Giuseppe Nibali è il vincitore del premio di poesia "Le stanze del tempo"

Giuseppe Nibali, giovane ex-allievo del Liceo Salesiano classico e scientifico "Don Bosco" di Catania, è il vincitore del premio di poesia "Le stanze del tempo" e vedrà pubblicata la sua opera presso l'editore “Affinità elettive” di Jesi

Dante luce nella “selva oscura”

Papa Francesco descrive Dante come “profeta di speranza” e “annunciatore” della liberazione di ogni uomo...

“A. La verità, vi prego, sull'aborto”

L'ecografia. Sento il battito cardiaco. “Senti il battito cardiaco?” Sono incinta, mica sorda. E' appena percettibile, potrebbe essere l'eco attutita di una goccia che cade sul feltro. DOPPLER. Un cuore nel cuore. Chissà se battono all'unisono. O se il mio battito sovrasta e zittisce l'altro.

Così San Francesco compose il Cantico delle Creature

La più bella composizione poetica di tutto il mondo e di ogni tempo. La sua è una bellezza assoluta, cosmica, totale

Metamorfosi celesti

Mi capita spesso di fermarmi a guardare il cielo alla ricerca della luna o delle stelle quando, dopo il tramonto, iniziano a fare capolino nel cielo che diventa, da arancione, blu, poi nero. Troppe volte, però, ne rimango delusa: tra le tante luci del mondo, sembra non esserci più spazio per quelle che ci guardano dall’alto.

Unica speranza (David Maria Turoldo)

Domenica, giorno della risurrezione di Gesù

Poesia da Aleppo

Osiamo la vita, osiamo l'amore, osiamo la condivisione...

La primavera è qui, la speranza rinverdisce

I bravi poeti ci ricordano che non occorrono cose nuove, ma uno sguardo nuovo. Solo un bravo poeta è in grado di adempiere al compito più difficile possibile: farti vedere che l'erba è verde, mostrarti come nuovo ciò che da sempre è sotto i tuoi occhi...