CERCA

Quel prete che rubava i figli ai mafiosi

L'omicidio di don Puglisi è diverso da altri. È impostato come un attacco mirato a un educatore dei nostri figli (...) Era un uomo che poteva minare i fondamenti del controllo e del comando totale sul quartiere di Brancaccio.

Legalizziamo la nostra ipocrisia

Quando il gioco si fa duro ognuno spara a destra e a manca senza badare troppo a chi colpisce, quel che conta è fare muovere le pedine in un senso o nell'altro, se poi ci va di mezzo un giovane, risulterà una sofferenza accettabile.

Scuole, legalità e impegno civile

Fare volontariato e impegnarsi gratuitamente per gli altri può dare una svolta alla vita, sia sul piano personale, sia in campo formativo e lavorativo...

Con la scuola sui passi dei testimoni della legalità e della giustizia

Ci sono storie di vita che non vanno dimenticate e il cui racconto rinnovato serve per non perdere di vista il vero senso della realtà e dei problemi. Ci sono vite che devono essere conosciute da vicino, nei loro luoghi, dove sono diventate grandi testimonianze.

Paolo Borsellino. L'uomo giusto

In tutte le testimonianze emerge la figura di un uomo che mostra a tutti lo stesso volto: in compagnia di un alto magistrato e di un amico, di un criminale e di un testimone di giustizia, tenendo sempre presente il rispetto della persona umana.

L'imprenditore antiracket: "Resto a Mondragone"

Imprenditore antiracket ed ex vicesindaco di Mondragone, cittadina casertana: «Le minacce continuano, anche sotto casa». Ha denunciato i boss ed è stato sequestrato...

Boss alla sbarra. E lo Stato non c'è

Lasciati soli davanti alla 'ndrangheta. Senza avere nessuna istituzione al fianco nel processo contro i boss. Accade ai giovani della cooperativa Valle del Marro, costituita per gestire beni confiscati alle cosche della Piana di Gioia Tauro.

Don Pino? Sapeva ascoltare

Lo racconta Rosaria Cascio, assieme a Salvo Ognibene, nel volume "Il primo martire di mafia. L'eredità di padre Pino Puglisi"...

Calcio: Italia, un gol alle mafie

«La camorra sicuramente non gradirà l'arrivo della Nazionale a Quarto» perché «è l'esatto opposto di quello di cui ha bisogno: silenzio e svolgere le sue attività del chiuso della collettività locale senza che dall'esterno ci siano attenzioni».

Rosario Livatino: guarigioni e fatti straordinari

Conclusa la fase diocesana del processo di beatificazione del giudice ucciso dalla mafia. Ora la pratica arriva in Vaticano...

Ue, traffico di esseri umani in crescita. Italia prima per vittime identificate

Primo rapporto della Commissione UE registra un aumento del 18 per cento delle vittime del traffico di esseri umani: nel periodo 2008-2010 sono state 23.632. Ma solo 6 Paesi su 27 hanno adottato la normativa anti-tratta.

Palermo ricorda il martirio di don Pino Puglisi

Le manifestazioni che l’arcidiocesi di Palermo e il Centro di accoglienza "Padre Nostro" hanno inserito nel programma del 27.mo anniversario della morte del sacerdote siciliano ucciso dalla mafia hanno ricevuto la Medaglia di rappresentanza da parte del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Nel 2018 la visita di Papa Francesco nel luoghi di "don Pino", proclamato Beato nel 2013

Santità oltre il martirio: Padre Pino Puglisi

Padre Pino Puglisi: un prete la cui santità precede e va oltre gli anni di Brancaccio, toccando tutta la sua vita...

Il prete ucciso dalla mafia

Il prete ucciso dalla mafia. Martire, ucciso dalla mafia in odio alla sua fede, ritenuta pericolosa. Don Puglisi ha speso tutta la vita per educare alla legalità e ai diritti, contro la cultura mafiosa e la povertà. Dal suo esempio, un incoraggiamento a non arrendersi mai al male.

Calabria, processione con «inchino» al boss

È accaduto a Oppido Mamertina pochi giorni dopo la scomunica del Papa ai mafiosi. Il vescovo Milito promette un'indagine: si prenderanno provvedimenti energici.

La forza della riconciliazione

Maria Agnese Moro, figlia dello statista democristiano assassinato dalle BR, tra le testimoni più convinte...

"Ho ucciso Livatino. Oggi lo prego e non mi do pace"

Quella mattina, Livatino, in auto, senza scorta, stava andando al lavoro, al tribunale di Agrigento, quando la sua Ford Fiesta rossa fu affiancata dall’auto e da una moto dei malviventi...

L'altra Resistenza. Storie di eroi antimafia e lotte sociali in Sicilia

«L'altra Resistenza. Storie di eroi antimafia e lotte sociali in Sicilia», ci racconta una storia d'Italia alternativa...

Gli eroi ordinari di Capaci

Che cosa abbiamo potuto dire a scuola dopo la delusione venuta fuori a causa di un certo tipo di antimafia?

Lotta contro la mafia: bonificare, trasformare, costruire

Il punto di partenza rimane sempre il cuore dell'uomo, le sue relazioni, i suoi attaccamenti. Non vigileremo mai abbastanza su questo abisso, dove la persona è esposta a tentazioni...

Il coraggio di definire i mafiosi «adoratori del male»

Non era mai accaduto che un Papa dicesse pubblicamente, senza giri di parole, che «i mafiosi sono scomunicati». Papa Francesco l'ha fatto dal pulpito, in una terra di mafia...

Antimafia, il cammino della Chiesa

Quanta acqua è dovuta passare sotto i ponti, acqua insanguinata da omicidi di servitori dello Stato e gente comune, politici e magistrati, perfino di tre sacerdoti tra il 1916 e il 1920, fatti fuori per avere messo i bastoni tra le ruote degli interessi economici dei boss.

Il giudice Livatino più vicino agli altari

Ucciso dalla mafia il 21 settembre 1990, è stata annunciata per il 3 ottobre la chiusura della fase diocesana della causa di beatificazione

Italia: spari contro il centro di accoglienza migranti dell'Associazione Don Bosco 2000

L'Associazione promuove l'integrazione e l'accoglienza, con particolare attenzione verso chi vive situazioni di disagio sociale, economico ed intellettuale....

Per non dimenticare: cosa è rimasto di Giovanni Falcone?

A 24 anni dalla sua uccisione l'Italia ha reso omaggio ricordando e meditando le sue parole: “La mafia non è invincibile"...

Liberi dalle mafie, il sogno si fa realtà

La lotta alla mafia non deve essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale, anche religioso, che coinvolga tutti...

I Vescovi del Veneto: "Ribelliamoci alle mafie"

È una sfida culturale volta a promuovere legalità e giustizia sostanziale, soprattutto per i soggetti più fragili e a rischio. Sentiamo che qui è in gioco il bene delle persone e dell'intera comunità...

L'ascolto dei nomi

Forse mai era accaduto che un Papa ascoltasse così a lungo la lettura di centinaia di nomi, uno dopo l'altro. In tutto 842, di uomini, donne, persino bambini (ben 82), ognuno vittima della mafia...

Ricordando Pino Puglisi

Il parroco di Brancaccio, di cui il 25 Maggio ricorrerà l'anniversario della beatificazione, è la bussola che indica una posizione certa e la meta da raggiungere: prete, semplicemente prete...