CERCA

Gmg 2013: Essere discepoli

Nel solenne invio che il Risorto rivolge alla comunità post-pasquale spicca il motivo del «discepolato». Il termine «discepolo» è applicato a seguaci di Gesù che convengono in Galilea per incontrare il Risorto (cf Mt 28,16).

Il Rapporto Giovani presentato al Presidente della Repubblica

Il presidente Napolitano ha ascoltato con interesse la presentazione da parte del cardinale Scola del Rapporto Giovani 2013, pubblicato dall'istituto Toniolo e dall'Università Cattolica.

Affettività come vocazione (1/4)

L’affettività, se siamo capaci di far cogliere che Dio ci ha amato per primo, è la grande opportunità di scoprire l’identità vocazionale della vita umana.

Gmg 2013: I popoli

Il messaggio contenuto nella consegna finale del Risorto ai discepoli consiste in un'apertura missionaria di dimensioni universali. Destinatari dell'evangelizzazione sono genericamente «tutti i popoli», cioè l'intera umanità che attende il messaggio del Regno.

Lettera a San Giuseppe

Don Tonino, con tanta delicatezza e dolcezza, si rivolge a san Giuseppe, interpella quest'uomo silenzioso per ascoltare le sommesse parole del suo cuore.

Omofobia e libertà d'opinione

Rivendico il diritto di sostenere che la società non può e non deve mettere, giuridicamente, sullo stesso piano le unioni gay e quelle etero, per esempio per quanto riguarda l'adozione.

Il (non) senso della deriva

Nozze: fine di un istituto civile? Una volta ridotto il matrimonio ad un rapporto affettivo tra due persone, non destinato di per sé alla integrazione delle diversità sessuali, e neppure alla procreazione, si giunge inevitabilmente a invocare il diritto di ognuno all'amore riconosciuto e protetto dalla legge...

Il prete del cinema e del cineforum

Il sacerdote, che insegnava religione al Liceo scientifico Vittorio Veneto, arrivò a Milano nel 1947, nella parrocchia di San Paolo. Iniziò a proporre ai parrocchiani la visione di alcuni film...

Se il religioso è "scoraggiato"

Nella vita ci sono tanti motivi per scoraggiarsi, difficili da comunicare agli altri, ma che con il passare del tempo diventano dei veri e propri fardelli. Quando tristezza, sfiducia, solitudine e bassa stima di sé, cominciano a emergere nei religiosi o nelle religiose, che sono impegnati per vocazione a incoraggiare e confortare gli altri...

Olanda, autorizzata eutanasia anche per i bambini under 12

Nel 1999 il Consiglio d'Europa approvò una risoluzione per mantenere il divieto assoluto di eutanasia. Da ieri l'Olanda ha reso legale la morte sanitaria, anche per bambini dopo i 12 anni d'età.

Hack: Stelle, polemiche e divulgazione

È morta l'astrofisica che ha contribuito alla diffusione della conoscenza scientifica nel nostro Paese. Atea convinta, pensava che l'anima coincidesse col cervello.

Visitare gli ammalati: San Giuseppe Cottolengo

Il 2 settembre 1827 viene chiamato per amministrare i sacramenti a una donna in fin di vita...

DOCAT, il catechismo voluto dal Papa

Un singolare “riassunto corale” della dottrina sociale della Chiesa...

La Sinodalità / Card. Giuseppe Petrocchi

Premetto che mi muovo da considerazioni di carattere prevalentemente teologico per arrivare nella seconda parte di questa conversazione a riflessioni sul piano esistenziali.

Missione e quotidianità: l'esempio di San Giuseppe

Nel silenzio di San Giuseppe è racchiuso lo stile stesso della sua missione: una esistenza vissuta nel grigiore della quotidianità, ma con una sicura fede nella Provvidenza. La parola "giusto" evoca la sua rettitudine morale, il sincero attaccamento alla pratica della legge e l'atteggiamento di totale apertura alla volontà del Padre celeste.

San Giuseppe, l'artigiano di Dio

Una dolce gioia ci viene a consolare nel cuore della Quaresima la cara presenza di Giuseppe, lo Sposo di Maria e il Padre putativo del Figlio di Dio. Nessuno mai al mondo potrà comprendere le grandezze di Giuseppe. Per penetrarne la profondità, bisognerebbe abbracciare tutta l'estensione del mistero col quale la sua missione lo mise in rapporto...

Vita di Giuseppe Moscati

Vita di Giuseppe Moscati

Novena a San Giuseppe, aiuto potente

Una delle preghiere più belle (e anche più efficaci) per chiedere la Grazia di trovare un lavoro è la Novena a San Giuseppe Lavoratore...

Affettività come vocazione (2/4)

Sedurre significa attrarre a sé ed è l’esatto contrario dell’educazione che invece consiste nell’affrancare, quindi nel consegnare alla responsabilità di ciascuno.

Guardare a Giuseppe (omelia)

"Guardare a Giuseppe vuol dire scoprire i lineamenti costitutivi dell'esperienza cristiana con quel discernimento che permette di capire quali siano le scelte più importanti da attuare". L'omelia della Domenica.

Gmg 2013: Culture e Vangelo

I credenti sono chiamati a «confrontarsi» e a «dialogare» con la diversità dei linguaggi e delle culture. Si tratta di una sfida che rivela un'attualità sconvolgente, sollecitata dai rapidi cambiamenti sociali e dal fenomeno della comunicazione di massa.

I doni dello Spirito Santo - 8

Il dono infonde nell'anima anzitutto un'abituale modestia, un santo tremore, un profondo senso di sé dinanzi a Dio. In secondo luogo trasmette una specie di reazione contraria anche alle più piccole offese, col costante proposito di evitarne ogni occasione.

Giovinezza tra fede, speranza e libertà

Il senso vero della giovinezza è difficile da cogliere per chi ha perduto ogni dimestichezza con il trascendente e con il mistero dell'esistere...

Bocciare costa, vietarlo è inganno

Un 'referendum' di sì o no sul problema della bocciatura proibita per legge sarebbe solo un segno di crisi del pensiero

Affettività come vocazione (3/4)

La nostra esistenza ha una intrinseca valenza responsiva: noi esistiamo in risposta a chi ci ha anzitutto voluto (Dio), quindi rispetto a chi ci ha accolti e introdotti nella vita.

Abbè Pierre (Henri-Antoine Grouès)

Il fondatore dei Compagnons d'Emmaus è stata la personalità più amata e universalmente apprezzata. La Francia gli conferisce la Legion d'onore. Per tutta la vita si batte con vigore contro le ingiustizie della società opulenta. Ha le sue debolezze e commette errori, ma ne assume tutta la responsabilità.

I doni dello Spirito Santo - 5

Il dono della fortezza, come sua principale funzione, aiuta a superare tutte le paure umane, iniettando nella volontà e nell'animo una fermezza divina, che rende intrepidi e coraggiosi nel realizzare la propria missione nella vita.

Cover convegno

Cover convegno USMI CISM

L'affettività come vocazione - Giuseppe Mari

intervento del prof. Giuseppe Mari

Don Bosco Storia Spirituale - Giuseppe Buccellato

Don Bosco Storia Spirituale - Giuseppe Buccellato

San Giuseppe Cafasso, memorie scritte da don Bosco nel 1860

Testo scritto da don Bosco su san Giuseppe Cafasso

Il Natale è il bacio di Dio

Ad un tratto, in fondo a destra, dove vi è la mangiatoia, ho visto Maria. Con mia sorpresa stava pulendo il sedere di Gesù Bambino e sistemandolo in fasce... L'umiltà è la condizione essenziale per far sì che il Natale di Dio si perpetui nei secoli. E la mancanza di umiltà può provocare l'aborto di Dio: se Maria infatti avesse rinunciato all'umiltà mentre attendeva Gesù... Non è possibile che Dio non sia umile. Non vi sarebbe Dio.

La Chiesa non insegua applausi

Il cardinale Giuseppe Versaldi, prefetto della Congregazione per l'educazione cattolica, commenta l'andamento dei lavori sinodali: “L'importante, innanzitutto, è che la Chiesa ci sia"...

FARE SPRECO DI GENEROSITÀ

«Beati i piedi di coloro che sui monti annunciano la pace». Coraggio, non lasciatevi lusingare oppure tirar dietro: guardate avanti con grande fierezza, con grande gioia perché il Signore è vicino. Il Signore ha bisogno di voi. Il tempo si è fatto breve. Tantissimi giovani hanno bisogno di Lui, hanno bisogno di sentir parlare di Lui.

Giuseppe, il santo delle partite Iva.

Altro che «classe media», come hanno ipotizzato alcuni studi recenti. Il padre legale di Gesù era un carpentiere senza garanzie e soggetto a pesanti tasse.

Gmg 2013: Andare !

Il messaggio della Giornata Mondiale è tratto dalla conclusione del Vangelo secondo Matteo. Una riflessione biblica su uno degli aspetti che emergono dal Messaggio per la Giornata Mondiale della Gioventù: «Andate e fate discepoli tutti i popoli» (cf. Mt 28,19).

La tortura finisca

C‚Äãhe vergogna, l'Italia condannata dalla Corte europea dei diritti umani perché il suo sistema carcerario è una tortura dell'uomo. Che vergogna in faccia al mondo. La tragedia profonda è il tradimento concreto della riforma che nel 1975 noi recitammo come profezia sul nostro ordinamento penitenziario.

I doni dello Spirito Santo - 6

Per «ascoltare e conoscere la verità di Dio» non è sufficiente avere una certa intelligenza e razionalità. Bisogna che abbiano anche un cuore ben disposto. Per cui la «scienza», come dono dello Spirito, è la fusione di queste due dimensioni che portano ad acquisire quella che la bibbia chiama la «sapienza del cuore».

I doni dello Spirito Santo - 1

Educare alla fede gli adolescenti con i doni dello Spirito La fede non nasce per generazione spontanea, o come semplice dono dall'alto! Pur restando un «dono» di Dio, essa viene in qualche modo trasmessa con la vita fisica e dovrebbe crescere con essa e in essa.

I doni dello Spirito Santo - 3

L'adolescenza è caratterizzata dal dinamismo della «rinascita» dell'io verso l'acquisizione di una «nuova identità», favorita dallo sviluppo dell'intelligenza, quella capacità spirituale della mente che porta progressivamente a comprendere meglio le realtà della vita.

I doni dello Spirito Santo - 7

La pietà dunque si traduce in atteggiamenti di tenera e amorosa disposizione del cuore che porta a onorare e a servire i genitori e il prossimo, atteggiamenti di testimonianza che scaturiscono da quella disposizione abituale che lo Spirito infonde nell'anima del cresimato per eccitarla a un affetto filiale verso Dio.

Eutanasia: ecco il testo approvato

Con 367 presenti (gli altri 263 non erano probabilmente interessati a questioni di vita o di morte...), 326 sì e 37 no, i deputati hanno aperto anche in Italia le porte all'eutanasia

I doni dello Spirito Santo - 2

Educare gli adolescenti con il dono della «sapienza». La parola «sapienza», intesa come dono dello Spirito Santo, deriva il suo significato dal termine latino «sàpere», che vorrebbe dire: «dare sapore» alle diverse realtà della vita in cui siamo immersi e di cui siamo parte.

I Santi che hanno guidato don Bosco

Guardando a San Francesco di Sales, San Filippo Neri, Sant'Alfonso Maria de' Liguori, San Vincenzo de' Paoli, comprendiamo meglio l'impegno educativo di San Giovanni Bosco. Conoscendone le sorgenti che lo hanno ispirato e alimentato, faremo nostri i loro insegnamenti...

La mia vita oltre la SLA

«La malattia non ha aumentato la mia fede», confida, «ma mi ha insegnato ad affidarmi a Dio»...

Il Pontificato in trenta secondi di silenzio

Un gesto ed una richiesta mai accaduta prima ed ecco che il nuovo Papa che ha scelto il nome di “Francesco”, si inchina in raccoglimento orante, mentre tutta la folla assiepata nella gremitissima piazza San Pietro in perfetto silenzio accoglie l'invito alla preghiera. Sono diversi i segni “moderni” che il Papa...

Un miracolo che le coppie dovrebbero conoscere

Lettere a una moglie #2 (ovvero l'esodo del duo con l'anello noto in tutto il mondo come Mienmiuaif) ci racconta la devozione a san Leopoldo Mandic e un miracolo che ha da dire molto a tutti, ma specie a chi vive il matrimonio...

Identikit di Giuseppe, il santo dell'anti-protagonismo

Nei Vangeli si parla poco di lui e non si riportano sue parole. Ecco ciò che si sa di lui e come ne hanno parlato gli ultimi due Papi...

Nuovi romanzi, nuovi preti

Non sono più i tempi di don Camillo, il combattivo parroco di Brescello uscito dalla penna di Guareschi nel clima ideologicamente arroventato del secondo dopoguerra; ma la figura del prete continua a catturare l'attenzione del più vasto pubblico.

Una relazione molto speciale

«Mettersi sulle orme di Maria, imparando a essere docili alla voce dello Spirito»: è il segreto del Montfort. Per Maria i luoghi dell'apprendimento della scienza di Dio, sotto la guida dello Spirito, non sono state le aule scolastiche, ma i luoghi della vita quotidiana, consumata nell'amore per Dio e per il prossimo.

19 marzo, quel vuoto di paternità

E quello psichiatra raccontava come tanti, fra i suoi pazienti-detenuti, cerchino nel medico proprio una figura paterna. O addirittura lo dicano esplicitamente. Come quel giovane straniero aggressivo e intrattabile, che dopo poche parole di colloquio gli dichiarò, in un italiano malfermo: «Tu, mio papo». E, da quel momento, si tranquillizzò.

Un medico a scuola da Madre Teresa

Testimonianza del prof. Noia, ginecologo presso il Gemelli di Roma. Ha incontrato Madre Teresa nel 1981.

Nella sua carne ci ha annunciato Dio

Don Salvatore, ucciso da un cancro, ha voluto dire sino alla fine che la morte non ha l'ultima parola...

Utero in affitto, il giusto "no" della Ue

Non è la stessa cosa la gravidanza e il parto di un figlio e il condurre a casa propria, come figlio, il figlio partorito da un'altra donna. Le norme comunitarie dettano una tutela specifica.

Affettività come vocazione (4/4)

Se abbiamo consapevolezza dell'originalità etica dell'affettività umana, abbiamo consapevolezza che dentro l'affettività umana si esprime una dinamica che ha a che fare con la libertà e quindi non con dei puri e semplici bisogni ma con il desiderio

Gmg 2013: Fare discepoli!

La consegna del Risorto alla comunità degli apostoli include l'impegno di «fare discepoli» tutti i popoli (cf. Mt 28,19).

San Giuseppe Moscati, 12 aprile

Il medico italiano nostro contemporaneo, il laico proclama­to santo da Giovanni Paolo II il 25 ottobre 1987...

Messa del Papa a Santa Marta. La regola d'oro dell'umiltà.

L'umiltà è «la regola d'oro»: per il cristiano «progredire» vuol dire «abbassarsi». Ed è proprio sulla strada dell'umiltà, scelta da Dio stesso, che passano amore e carità.

Giuseppe Nibali è il vincitore del premio di poesia "Le stanze del tempo"

Giuseppe Nibali, giovane ex-allievo del Liceo Salesiano classico e scientifico "Don Bosco" di Catania, è il vincitore del premio di poesia "Le stanze del tempo" e vedrà pubblicata la sua opera presso l'editore “Affinità elettive” di Jesi

Beatificato l'altoatesino Giuseppe Mayr-Nusser

Gli fu chiesto di prestare il giuramento al Führer ma egli rifiutò, per la sua fede. Disse un ‘no’ frontale a Hitler...

I doni dello Spirito Santo - 4

È un «dono importante» per rinforzare le energie vocazionali della crescita e orientarle a modelli più stabili; per imparare a conoscere ciò che Dio vuole realizzare nella vita di ognuno; per misurare le proprie possibilità di riuscita e sapersi orientare sulla strada giusta.

Paolo Fucili, "Direzione periferia. I primi passi di papa Francesco"

Si tratta di un agile e spigliato libretto che racconta quanto Francesco ha detto e fatto di «memorabile», per «addetti ai lavori» e non...

Indice

Iniziazione cristiana e/o educazione cristiana dei figli?

Identità vocazionale e cura di sè

La chiarezza vocazionale a cui ciascuno tende va di pari passo con il processo di crescita della propria identità. Un'identità centrata sulla sequela di Cristo si traduce necessariamente nel dono di sé, perché solo quando la persona si dona agli altri le sarà possibile scoprire il senso delle proprie scelte e della propria consacrazione.

Per una comunicazione efficace

Nel volume “La comunicazione vincente-itinerari per una cultura dell'incontro” suor Rosetta Calì, Figlia di Maria Ausiliatrice (FMA), trasmette tanta saggezza pedagogica sulle orme di don Bosco...

Novena di preghiera a San Giuseppe

Un utile testo per pregare la novena in preparazione alla festa del santo

Negare il corpo ci distrugge!

Siamo anime incarnate in un corpo. Chi nega il corpo, la potenza della biologia, nega l'umanità. Dove si rinnega il corpo si perde il contatto con la realtà e quindi con la ragione...

Odoardo Focherini, il "giusto" che diventerà beato

Ci saremo chiesti almeno una volta che cosa avremmo fatto noi se in quegli anni ci fosse toccato di vivere. E ci saremo chiesti come abbiano potuto giovani massacrare loro connazionali civili o arrestare bambini ebrei, o ancora gestire il campo...

Qualsiasi sia il nostro lavoro, dobbiamo amarlo

Dobbiamo essere i padroni di noi stessi, della nostra mente e della nostra anima, anche quando lavoriamo: questo è l'unico mezzo per non odiare il nostro lavoro, anche quando non è quello che noi vorremmo...

Il matrimonio è un continuo perdono reciproco

Non c'è possibilità di gioia senza coraggio. E poi, alla fine, è molto più divertente morire per qualche cosa che vivere per nulla e lasciarsi scorrere addosso la vita, come l'acqua su un sasso....