CERCA

Prove di evacuazione

Accade che una ragazzina scopra di essere incinta e, impaurita, non abbia nessun adulto che la sostenga davvero. E allora il consultorio, i medici, il giudice tutelare magari la indirizzano verso la strada più breve. Non ho detto la più giusta. Non ho detto la più indolore. La “convincono” a decidere di far ammazzare il suo bambino.

Grazia e Marco, stare insieme contro il mondo

Giovanissima ragazza incinta, un aborto alle spalle, cerca un aiuto per dire "no" alle pressioni di sua madre, che non vuole quel bambino. La compagnia e la decisione del fidanzato sono un primo aiuto, poi...

Nei diritti dell'uomo anche il concepito

Da 52 sigle associative d'ispirazione cristiana un «manifesto» per riconoscere il valore del concepito, espresso attraverso gravidanza e maternità...

Supplica a papa Francesco con 400mila firme

Una raccolta firme indirizzata al Papa, in vista del prossimo Sinodo sulla famiglia...

L'ONU concede aiuti solo ai Paesi che legalizzano l'aborto

Il rapporto dell'UNFPA tenta di imporre agli Stati di affrontare il tema delle gravidanze adolescenziali aumentando la disponibilità di contraccettivi, facilitando l'aborto, negando i diritti dei genitori e svalutando il ruolo del matrimonio e della famiglia.

Solo due ore e 11 minuti: una vita bellissima

Una storia bellissima e commovente. Una vicenda che non leggerete su quella che viene chiamata la “grande stampa”, un frammento di quell’umanità che resiste ad ogni tentativo forzato di omologazione. È stata la redazione di Aleteia.org (edizione francese) a raccontare quest’esperienza dolorosa e luminosa.

Si torna a marciare per la vita

Perché un congresso scientifico prima e in continuità con la Marcia nazionale per la Vita, che si svolge domenica 12 al mattino, è davvero importante? Lo comprende bene chi più direttamente si trova a dovere combattere in prima linea, negli ambulatori, nelle corsie, nei laboratori e nelle aule di tribunale la deriva anti-umana che sta caratterizzando...

La paternità negata

Ogni fibra del mio cuore si opponeva anche solo al pensiero di sopprimere la vita di quel bimbo...

L'aborto che viene dal mare

Lo scopo di "WoW" è diffondere nel mondo il “diritto all'aborto”. La tecnica ha del paramilitare: l'associazione ha trasformato una imbarcazione in un centro per aborti off-shore.

Sopravvissuta all'aborto

Intervista a Gianna Jessen, nata durante l'aborto salino, che ora porta nel mondo la sua testimonianza a favore della vita...

Belgio: sospeso docente contro l'aborto

L’università cattolica di Lovanio sospende il docente “sacrilego” Stéphane Mercier e la Chiesa lo scarica...

Medico ex abortista racconta la sua conversione

«Mi chiamo Antonio, sono un ginecologo e, fino a qualche anno fa, con queste mani, uccidevo i figli degli altri». La testimonianza e la conversione di un dottore che faceva aborti. Fino al giorno in cui scrisse: «Mai più morte, fino alla morte». E ricevette una “sorpresa”.

No alla Relazione Lunacek, ultima chiamata alla Ue

Questa relazione legittimerebbe le politiche che trasformerebbero la libertà di espressione e la protezione dal discorso dell'odio in un privilegio specifico degli omosessuali.

Aborto e liberalismo

Nel conscio o nell'inconscio liberale di ogni abortista la vita del concepito è una questione di proprietà privata fisica: sta nel mio corpo, lo nutro io, io decido di averne cura o di ucciderlo.

Anche i rocker hanno un cuore prolife

John Elefante è un cantautore britannico di 55 anni, che con la sua ultima canzone “This time” sta commuovendo il web. Elefante racconta la storia della nascita della sua figlia adottiva, quasi interrotta dalla sua madre naturale, insieme alla sua gioia di essere padre.

Roma: pillola abortiva in consultorio

Una vera e propria rivoluzione che punta alla de-ospedalizzazione dell'aborto chimico, che veicola il messaggio dell'aborto facile in un contesto di finta umanizzazione...

Da abortista a leader pro-life

Il dottor Antony Levatino era un abortista, ora è un ginecologo pro-vita...

Gratuità e gratitudine

Sono a tavola e squilla il telefono. √â Lisa: “Ero fuori di testa e me la sono presa con lei che, invece, si è messa a disposizione. Ho deciso di continuare la gravidanza...”. A queste parole, la mia rabbia si è sciolta come neve al sole.

La Pira, uomo di pace. «Mai l'aborto»

"La salvezza dei bambini è il valore assoluto da difendere oggi": lo scriveva Giorgio La Pira a Paolo VI nel 1977. Erano i mesi caldi del dibattito sull'aborto. Il tema dell'aborto fu una delle ultime questioni che lo assillò fortemente, poco prima di morire...

Le foglie verdi e il bambino strappato

Tanti giovani rischiano di assorbire ideologie disumane e qualunquiste...

Europarlamento, l'aborto non è diritto umano

Bocciata, anzi decaduta senza discussio¬≠ne. La controversa risoluzione Estrela «sulla salute e i diritti sessuali e ripro¬≠duttivi» (con annesso diritto all'aborto) è archiviata, con un colpo di scena.

Aborto "fai da te"

Quando abortire diventa come fare shopping: sul web sono molti i siti che si fanno concorrenza per vendere farmaci abortivi, anche non legali, al miglior prezzo

Mamma a 15 anni: «Ho detto no all'aborto»

Tutto comincia tre anni fa, a dicembre, quando la ragazzina, che frequenta una scuola cittadina, l'istituto Matteo Ricci, scopre di aspettare un bambino...

Provetta, il far west dell'eterologa

Da ieri sulla fecondazione eterologa è di fatto possibile qualunque pratica e si sancisce il ri¬≠torno a un far west dagli svilup¬≠pi difficilmente prevedibili visto il fiorente mercato che prospera sul desiderio di ave¬≠re un figlio.

Se i suoi genitori fossero stati ricchi, sarebbe ancora vivo

In Cina dal 1980 non è permesso avere più di un figlio; a meno che non si abbiano l'equivalente in Yuan di tremila euro da consegnare allo Stato. Col denaro si può fare tutto, dice il Partito, anche vivere. Ma tremila euro nella provincia dell'Anhi, dove vive la coppia rappresentano due anni di lavoro per un operaio “medio”.

L'annuncio di Zuckerberg e gli aborti spontanei

‚ÄãIl fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, ha annunciato che sua moglie aspetta un bambino e...

Università UK: libertà di parola vietata

In Inghilterra ognuna delle migliori 24 università di ricerca sta censurando attivamente o reprimendo la libertà di espressione e di parola all'interno dei propri campus...

Si preferisce costruire un reparto per uccidere...

In un paesino della Liguria, Cairo Montenotte (SV), stanziati soldi per un reparto ospedaliero destinato agli aborti, sebbene in questo ospedale manchi persino... un reparto maternità!

Una donna non dice: "Aspetto un embrione".Dice: "Aspetto un figlio".

Non si dice “aspetto una cosa”, ma “aspetto qualcuno”. Non ho mai sentito una donna dire diversamente. Perché l'esperienza, quel che dovrebbe guidare la ragione, indica con chiarezza fin nelle parole di cosa si tratta. Nell'inizio c'è tutto.

Gianna Jessen: "Parlo da sopravvissuta"

La sua vita è una provocazione. È sopravvissuta a un aborto “salino” che sua madre ha praticato a sette mesi e mezzo di gravidanza, e oggi continua a ripetere di essere grata a Dio che l'ha salvata...

Giubileo. Papa Francesco: "Tutti i sacerdoti potranno assolvere l'aborto"

In una lettera il Pontefice illustra le novità per l'Anno Santo...

Denunciare i mali catturare i cuori

Ecco la ricetta del sociologo Pierpaolo Donati per il successo della raccolta di firme europea a tutela dell'inizio della vita: puntare sui contatti personali per invitare a firmare la petizione e illustrare i guasti derivanti dal mancato rispetto dell'embrione umano

«Si sieda sul water e non guardi giù, puliamo tutto noi». Così funziona l'aborto fai da te in America

Il gruppo pro life “Live Action” ha pubblicato la sesta di una serie di inchieste video che mirano a rendere noto al grande pubblico quello che avviene normalmente nelle cliniche abortive degli Stati Uniti.

Le “missing girl” inglesi

Keir Starmer, il direttore della procura generale del Regno Unito, ha stabilito che i medici che praticano aborti legati al sesso non saranno giudicati penalmente. Si tratterebbe di mera “cattiva condotta professionale”.

Se pensate che non faccia male, vi prego, ripensateci.

Il dottor Levatino ha praticato complessivamente circa 1200 aborti prima di diventare prolife. La sua testimonianza è forse la spiegazione più brutale che si potrà mai sentire per spiegare perché l'aborto è un male, puro e semplice.

«Una carezza di don Benzi e ho detto no all'aborto»

«Quel mattino presto ci presentammo in ospedale a Rimini per abortire; eravamo ragazzini. A Rimini eravamo arrivati per lavorare in un hotel lungomare, ma dopo due mesi mi scoprii incinta. I miei genitori fino ad allora non mi avevano mai lasciato uscire la sera, avevano principi solidi e "inviolabili"...». Ma Francesca e Giuliano li avevano violati...

Nata per sbaglio

Alla fine, è successo. La Cassazione, in una recente sentenza, è riuscita a risarcire il danno ad una bimba down nata “per sbaglio”, ossia perché la madre non è stata messa in condizione di abortire per difetto di informazione da parte del ginecologo.

Papa Francesco e la bimba anencefala. Quell'abbraccio è un giudizio o solo feeling?

Il Pontefice fa salire sul palco di Copacabana una bambina gravemente disabile. Per l'abortista Gramaglia è solo sentimento, ma per il filosofo Esposito «non c'è amore senza verità».

Si torna a marciare per la vita

“Good science, good ethics”. La buona scienza è un presupposto necessario alla buona etica, soprattutto in un tempo in cui da molte parti il dato scientifico rischia di essere pre-orientato al raggiungimento di un determinato giudizio etico

Il buio dell'aborto clandestino e la luce che pure è accesa

Che la legge 194 – che permette l'aborto a pubbliche spese – non avesse eliminato gli aborti clandestini (calcolati in almeno ventimila l'anno) era cosa nota, anche se di questo insuccesso della legge si parla il meno possibile.

I 33 giorni di Clodagh, la bimba che non doveva nascere e che invece «ha portato solo gioia»

La storia di una famiglia che ha scelto di accogliere una figlia destinata alla morte. «I bambini devono essere amati, hanno il diritto di nascere e le donne come me hanno bisogno di aiuto, non di essere spinte ad abortire».

La grande bugia

Che diritto è quello di non far nascere i bambini concepiti? Ho visto troppo dolore tra le donne che conosco, e non posso perdonare una legge tanto bastarda, e la crudeltà di chi l'ha promossa, riuscendo a produrre un gigantesco inganno collettivo.

Obiezione di coscienza e femminismo

Di fronte all'incrocio complesso di due diritti, della donna ad abortire e del medico ad obiettare, si preferisce decostruire culturalmente e giuridicamente la validità del secondo, riconducendolo ad un mero rifiuto della legge. Pare difficile far comprendere a queste interlocutrici almeno due cose.

Aborto post-nascita: un'idea scioccante!

Paragonare la condizione morale di un neonato a quella di un bambino ancora non nato, ha permesso di concludere che, visto che un feto può essere abortito, allora è permissibile uccidere anche un neonato.

Francia. Cattolico dona a una donna che vuole abortire un paio di scarpine: rischia due anni di carcere

Il dottor Xavier Dor, 85 anni, si batte per la vita contro l'aborto. Ieri in tribunale ha dovuto rispondere dell'accusa di recita del rosario in pubblico e senza autorizzazione.

Il discorso di Madre Teresa sull'aborto

L'11 dicembre del 1979, ad Oslo, le venne consegnato il premio Nobel per la Pace per l'impegno mostrato nel “vincere la povertà e la miseria"...

Parole nostre, figli nostri

Ci passiamo sopra come fili d'erba. Le pieghiamo. Come fosse niente. Ma ci sono parole che non si possono calpestare. Quando lo si fa, se pure con buone intenzioni, si sta calpestando l'aiuola del vivente. È un paradosso: siamo ligi con le aiuole nelle nostre piazze, ma calpestiamo parole-aiuole senza pensare alle conseguenze.

E adesso cominciano con l'abortofobia

Ormai messa in sicurezza la legge sull'omofobia, le lobby e i poteri forti europei si sono chiesti: ma se è reato parlare male del «matrimonio» omosessuale, perché invece è permesso parlare male dell'aborto?

L'esempio di Karen Gaffney

Nuotatrice e oratrice di indubbia efficacia, è anche la prima persona vivente con sindrome di Down ad aver ricevuto una laurea ad honorem...

Più di 15 mila bambini abortiti in due anni sono stati inceneriti per riscaldare gli ospedali inglesi

È la terribile scoperta annunciata dal famoso programma di Channel 4 “Dispatches”, che andrà in onda stasera. Il ministro della Salute ha ordinato di bloccare la pratica definendola «totalmente inaccettabile».

Una vita per la vita: Flora Gualdani

Venerdì 9 novembre l'ateneo pontificio Regina Apostolorum, alle 17, conferisce attraverso padre Gonzalo Miranda un premio a Flora Gualdani per il suo impegno a favore della vita...

La nuova Sparta ha ucciso i suoi musici, i suoi poeti, i suoi filosofi!

Il 90% delle diagnosi prenatali sulla sindrome di Down sfocia in un aborto che la legge chiama “terapeutico” ma che in realtà con cura proprio niente e sopprime il bambino con la sua particolarità.

Le pre-persone... un racconto

L'autore di Blade Runner e Minority Report disegna uno scenario non più tanto fantascientifico... "Voglio dire, con ogni probabilità quest'uomo è in grado di eseguire operazioni algebriche e di matematica complessa; sembra una persona intelligente. Ma..."

RU486, tutto ciò che non dicono

Tutto quello che non sapete sulla pillola dei 5 giorni dopo. Pillola e aborto sono due termini che solitamente vengono separati...

La riscoperta del feto

«Uccisione di feto?», era la domanda non detta di fin troppi cronisti, come se risultasse loro particolarmente strana l'idea che potesse esser stato «ucciso» un individuo non ancora nato, di cui poco o nulla si parla. E, se lo si fa, quasi sempre è per dire che, non esistendo all'anagrafe, non esiste proprio.

Le ragioni contro l'aborto di Pier Paolo Pasolini

L'articolo esordisce con una frase che, considerata l'epoca, suonava quasi reazionaria: “Sono traumatizzato dalla legalizzazione dell'aborto, perché la considero, come molti, una legalizzazione dell'omicidio”...

La madre in affitto si ribella alla logica del figlio perfetto

Kelley ha deciso di far nascere una figlia malata rifiutata dai “committenti”. “Lei è obbligata a interrompere immediatamente la gravidanza. Ha già sprecato troppo tempo”. Undici giorni più tardi Kelley sarebbe entrata nella ventiquattresima settimana, limite oltre il quale lo stato non permette di avere un aborto...

«Il figlio che non volevo mi ha salvato la vita». Storia di Brandon, il bimbo “Superman”

La vicenda di una madre inglese salvata da un bambino che “non era nei programmi”. «È come se qualcuno lo avesse mandato dall'alto per salvarmi la vita».

Una strage di oltre 7 milioni di bambini.

Il 27 aprile di 45 anni fa, dopo il via libera parlamentare dell'ottobre precedente, entrava in vigore la legge che dal 1968 regola il ricorso all'aborto nel Regno Unito. Il bilancio ufficiale delle interruzioni volontarie di gravidanza oltremanica assume oggi dimensioni ben più catastrofiche di un bollettino di guerra...

LE VIE CRUCIS DI OGGI 25 ABORTI AL SECONDO IN CINA.

Quattrocento milioni più uno, cartolina dagli aborti forzati in Cina. Quattrocento milioni sono gli aborti eseguiti in trent'anni da Pechino. Tredici milioni all'anno. Millecinquecento all'ora. Venticinque al secondo.

Voto sull'aborto in Irlanda e censura pro life

«Fb e Google ci censurano». Le due piattaforme bloccheranno qualsiasi inserzione, anche dall'estero, in vista del referendum del 25 maggio sulla legalizzazione dell'aborto...

"Sono nato da uno stupro: grazie mamma per non aver abortito"

Rispondo a un giornalista che ha parlato di “stupro legittimo” in caso di aborto in caso di violenza sessuale. "Lo stupro è una cosa spaventosa, però quello che voglio dire alle donne che ci stanno ascoltando è: da qualcosa di così terribile può nascere qualcosa di buono. E io ne sono la prova”.

Daniela, la fatica dell'attendere

Quella delle telefonate a persone già prenotate per l'interruzione della loro gravidanza, è come una doppia giravolta senza nessuna rete di protezione...

Sulla donna incinta in stato di coma: la strana congiunzione fra eutanasia e aborto

...questo è infatti il secondo punto: la madre non è sola. C'è un bambino dentro di lei che continua a crescere, e le cui prospettive di vita aumentano con il passare dei giorni e delle settimane. Perché si ode allora invocare il “diritto” di aborto?

Francia, farmacista fa appello all'obiezione di coscienza per non vendere la pillola abortiva: licenziata

La vicenda di Jacqueline, che aveva chiesto a un collega di vendere al posto suo i farmaci abortivi. Un cliente ha potuto comunque ricevere il prodotto ma la denunciata per il suo diniego.

Marcia per la vita, un grande successo

Colorata, serena e allegra: così si potrebbe dipingere la passeggiata romana del popolo pro-life italiano che, ieri, ha attraversato il centro della Capitale durante la Marcia Nazionale per la Vita.

Marcia per la Vita: 40mila in piazza, con papa Francesco benedicente

L'accoglienza di Papa Francesco rappresenta, secondo i promotori dell'evento, il più alto riconoscimento per l'iniziativa e la conferma della sensibilità del Pontefice ai principi non negoziabili, a cominciare dal diritto alla vita.

Andrew non doveva nascere perché per i medici era «deformato». La mamma non ha abortito e lui oggi è vescovo

Definito uno scherzo della natura, Andrew Cozzens, 39 anni, è stato nominato lo scorso 11 ottobre vescovo ausiliario di St. Paul. La sua storia...

Il paradosso delle Paralimpiadi

Molti atleti applauditi se fossero inglesi non sarebbero mai nati. Nel Regno Unito la legge infatti permette l'aborto “per motivi sociali” fino alla ventiquattresima settimana di vita del feto (sesto mese di gravidanza), ma è possibile praticare aborti ancora più tardivi motivati da “malattie gravi del feto”.

Belen, 11 anni, incinta del suo stupratore, spiazza la stampa pro aborto: «Amerò mio figlio»

La sorprendente storia della ragazzina cilena che è stata violentata dal patrigno e ora aspetta un bambino da lui. Ma non si lascia trasformare in icona pro choice.

“A. La verità, vi prego, sull'aborto”

L'ecografia. Sento il battito cardiaco. “Senti il battito cardiaco?” Sono incinta, mica sorda. E' appena percettibile, potrebbe essere l'eco attutita di una goccia che cade sul feltro. DOPPLER. Un cuore nel cuore. Chissà se battono all'unisono. O se il mio battito sovrasta e zittisce l'altro.

Per oltre 600 mila italiani e 2 milioni di europei l'embrione è "UnoDiNoi"

Consegnate ieri mattina al Viminale le oltre 600mila firme raccolte dall'iniziativa popolare "UnoDiNoi" a tutela dell'embrione. Analoga procedura si è svolta nelle 28 capitali europee per un totale di almeno 1 milione 891 mila adesioni.

Ci alzeremo in piedi (Giovanni Paolo II)

Ecco un testo con delle parole molto forti di San Giovanni Paolo II, a favore della vita e dei deboli. Vi invitiamo alla lettura...

Madre Teresa e il suo discorso per il Nobel

Quando ha ricevuto il premio nel '79 ha pronunciato delle parole molto forti...

“Siamo nati e non moriremo mai più”

Ci sono tante ragioni per leggere ‚Äì e regalare ‚Äì il libro “Siamo nati e non moriremo mai più”: la storia di Chiara Corbella, in libreria da poco. Ne dico una, perché è quella che dà senso a tutte le altre...

Australia, coppia indiana vuole un aborto perché il nascituro è femmina. Medico si oppone: indagato

Hobart ha fatto obiezione di coscienza e non ha indirizzato la coppia a un altro medico, obbligo previsto per legge, «perché non ne conosco». Ora è sotto indagine.