Rendere a Cesare ciò che è di Cesare

del 09 novembre 2017

In un mondo che fa fatica a riconoscere Dio, non ci resta che Cesare. E pensiamo a quante cose stanno andando in mano a Cesare...

 

Per capire che bisogna rendere a Cesare quello che è di Cesare, e a Dio quello che è di Dio, bisognerebbe capire che cosa è di Cesare e che cosa è di Dio.

Che cosa allora è di Cesare e che cosa è di Dio? Basterà una moneta a decretarlo? No, forse no.

Credo che Gesù non volesse scagliarsi contro chi non capiva la distinzione tra divino e umano (in fondo in fondo, c’è di mezzo l’incarnazione, che non è troppo facile da capire) bensì contro chi confonde quello che dovrebbe dare a Cesare e quello che dovrebbe dare a Dio.

Potremmo leggerla così, in modo un po’ superficiale: vediamo tutti santi giorni come non sia facile rendere a Cesare quello che è di Cesare – e pensiamo a quante persone evadono le tasse, fanno fatica ad essere onesti -, e come non sia facile rendere a Dio quello che è di Dio – e pensiamo a quanto è facile dimenticarsi di pregare, di fare una vita secondo il Vangelo, quanto può essere (soprattutto per tanti giovani) una seccatura andare a messa la domenica… E chi più ne ha, più ne metta.

Ma possibile che Gesù si sia fermato solo a fare la predichetta e a dare la regoletta? No, troppo strano. Perché se incrociamo la regola, capiamo che in palio c’è ben di più! C’è il rischio di rendere a Cesare quello che è di Dio e soltanto di Dio.

Attenzione, lo ripeto: dare a Cesare quello che è di Dio, dare a Cesare quello che lo stesso Cesare non saprebbe neppure da che parte prendere e comprendere.

Dopo tutto però, in un mondo che fa fatica a riconoscere Dio, non ci resta che Cesare. E pensiamo a quante cose stanno andando in mano a Cesare:

La vita, che ha sempre più la possibilità di essere gestita e decisa dalla tecnologia e del progresso scientifico, più che da un gesto di amore; una vita sempre più curata, sempre più alimentata (e come…), sempre più visitata; ma, forse, mai pienamente vissuta e amata (e il paradosso è che a volte andiamo in palestra amando più il nostro ego che il nostro corpo e la nostra salute).

Sta andando in mano a Cesare l’educazione, che vive più di leggi e norme che di presenza e di accompagnamento; che sembra sempre più lasciata al caso, all’ultimo pensiero, all’ultima teoria, piuttosto che essere guidata da chi ha scritto i nostri nomi nel cielo.

E sta andando in mano a Cesare la morte che, per quanto non sia un momento facile da affrontare, è sempre più in mano a se stessi: è diventata una decisione dell’uomo, che cerca di allontanarla ad ogni costo, o di farla arrivare il prima possibile.

Sembra quasi, mi sia concesso, che non sia questione di fede: di alcuni aspetti, semplicemente l’uomo non può portarne il peso.

C’è qualcosa che è di Dio, e solo suo.

E grazie a Dio, verrebbe da dire.

 

Don Filippo Gorghetto

http://www.corxiii.org

 

 

  • testo
  • articolo
  • filippo gorghetto
  • vangelo
  • cesare
  • gesù
  • preghiera
  • spiritualità
  • tributo
  • fede
  • adolescenti
  • giovani
  • adulti
  • animatori
  • educatori
  • catechisti

 

Don Igino Biffi nuovo Ispettore del Triveneto!

Stamattina è giunta la tanto attesa nomina: don Igino Biffi, per lungo tempo Delegato di Pastorale Giovanile e negli ultimi anni Direttore al Bearzi di Udine, è il nuovo ispettore del Triveneto! Lo accompagniamo con affetto e tanta preghiera in questo nuovo incarico!

Biglietti autobus Udine

Chi viene in treno, poi troverà qualcuno che distribuisce biglietti per l'autobus che porta al Bearzi. I biglietti, presi già da noi, costano 1.25€ che dovranno essere consegnati! (da sezione Corsi Animatori del Movimento Giovanile Salesiano del Triveneto)

Avviso Corsi Animatori UDINE

FEMMINE: ogni ragazza deve venire ai corsi animatori con un COSTUME DA BAGNO, necessario per fare la doccia! Importante! Condividi! (da sezione Corsi Animatori del Movimento Giovanile Salesiano del Triveneto)


Associazione Donboscoland // Via dei Salesiani, 15 - 30174 Venezia Mestre – VE
C. F. 91013720288 - P. i. 04151280270 // Codice Registro Regionale Organizzazioni di Volontariato "VE0230"

 Made with love by   /  Powered by 

PRIVACY