Articoli    Iniziative   Gadgets    Fonti    Media

Prenotazione Sussidi MGS Nazionali

del 20 giugno 2018

La proposta pastorale per il prossimo anno educativo-pastorale ha come tema di fondo il “servizio responsabile”. È l’ultimo dei cinque grandi pilastri della nostra Spiritualità Giovanile Salesiana. Prenota le tue copie...

 

Come ogni anno è possibile effettuare la prenotazione delle copie dei Sussidi Nazionali MGS per la formazione di fanciulli, preadolescenti, adolescenti e giovani, sulla base della proposta pastorale.

 

INDICAZIONI PER LA PRENOTAZIONE:

 

  1. Entro il 24 giugno ogni Ispettoria FMA e SDB indica il numero di copie inviando una mail a
  2. Come gli anni scorsi il costo/copia è di 2,50 euro per i sussidi MGS (fanciulli/preadolescenti/adolescenti) e di 2,00 euro per il quaderno giovani;
  3. Il numero di copie richiesto verrà spedito presso la sede delle singole Ispettorie entro la terza settimana di luglio;
  4. Il pagamento delle copie verrà fatto sul conto MGS (di cui verrà fornito codice iban).
  5. Nel modulo di prenotazione viene chiesto di indicare la quantità esatta per ciascun tipo di sussidio a seconda della fascia d'età.

 

Presentazione del tema dell’anno pastorale 2018-2019

 

NEL QUADRO DELLA SPIRITUALITA' GIOVANILE SALESIANA

La proposta pastorale per il prossimo anno educativo-pastorale ha come tema di fondo il “servizio responsabile”. È l’ultimo dei cinque grandi pilastri della nostra Spiritualità Giovanile Salesiana, che fa da riferimento ineludibile al nostro modo di essere Chiesa e di essere nella Chiesa:

1. La vita quotidiana come luogo dell’incontro con Dio. Il quotidiano ispirato a Gesù di Nazareth è il luogo in cui il giovane riconosce la presenza operosa di Dio e vive la sua realizzazione personale.

2. Una spiritualità pasquale della gioia e dell’ottimismo. Il quotidiano va vissuto nella gioia e nell’ottimismo, senza rinunciare per questo all’impegno e alla responsabilità.

3. Una spiritualità dell’amicizia e della relazione personale con il Signore Gesù. Il quotidiano è ricreato dal Cristo della Pasqua che dà le ragioni della speranza e introduce in una vita che trova in Lui la pienezza di senso.

4. Una spiritualità ecclesiale e mariana. Il quotidiano si sperimenta nella Chiesa, ambiente naturale per la crescita nella fede attraverso i sacramenti. Nella Chiesa troviamo Maria, prima credente, che precede, accompagna e ispira.

5. Una spiritualità del servizio responsabile. Il quotidiano viene consegnato ai giovani in un servizio generoso, ordinario e straordinario.

 

L’anno 2018-19 porta a compimento un triennio organizzato intorno a tre di questi nuclei, che hanno una distensione ben precisa e fortemente unitaria:

  • 2016-2017: L’incontro con il Signore
  • 2017-2018: L’appartenenza gioiosa alla Chiesa
  • 2018-2019: Il servizio responsabile nella vita quotidiana

Possiamo pensare ad una dinamica generativa che parte dall’incontro con Gesù e che ci orienta in due direzioni: quella dell’accoglienza della grazia che salva, ben chiarita dal tema dell’appartenenza e della comunione ecclesiale, che ci fa discepoli del Signore; e quella della testimonianza in uscita, rappresentata dalla necessità di diventare sempre di più missionari del Vangelo nel mondo e nella società in cui viviamo.

 

NEL TEMPO DEL SINODO SUI GIOVANI

L’anno pastorale che stiamo per cominciare segna la presenza del Sinodo dal tema “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”, che si svolgerà dal 3 al 28 ottobre 2018.

Il Sinodo non ha l’intenzione di parlare genericamente dei giovani, ma di farlo a partire da un’ottica specifica, che è quella della “fede” e soprattutto del “discernimento vocazionale”. Puntando sull’idea di “pastorale giovanile vocazionale” il Sinodo desidera qualificare la pastorale giovanile in ottica vocazionale e far diventare patrimonio di tutti i giovani il discernimento a proposito della propria missione nel mondo e nella Chiesa. […]

<Già in Evangelii gaudium vi era un passaggio di grande lucidità sull’argomento quando, parlando dell’identità del cristiano, si dice che «io sono una missione su questa terra, e per questo mi trovo in questo mondo» (n. 273). Un’affermazione molto forte e precisa: la missione non è un “fare”, ma un “essere”, cioè mi offre consistenza personale nella forma della generosità sistemica verso il prossimo.

Il passaggio dal “chi sono io?” al “per chi sono io?” è decisivo e segna un cambio di prospettiva radicale e imprescindibile. Questa mossa sinodale è kairologica, perché propone esattamente l’antidoto alla malattia tipica e specifica del tempo in cui siamo chiamati a vivere e operare dal punto di vista educativo e pastorale: il narcisismo sistemico, autistico e autoreferenziale.

Decisivo è aiutare ogni giovane, ma in verità ogni battezzato e in fondo anche ogni uomo di buona volontà, a porsi la domanda giusta circa la destinazione della propria libertà, perché la questione della realizzazione della propria esistenza e della ricerca di una vita felice passa sempre attraverso la mediazione dell’altro: la domanda giusta da fare ai giovani non è “cosa devo fare per essere felice?”, ma “chi devo rendere felice perché io possa davvero trovare la felicità?”.

Qui si vede bene che ogni vocazione personale è una missione verso terzi e mai si riduce ad un monologo mortifero con se stessi. E mai e poi mai diviene una relazione a due con Dio. Anzi, è proprio il dialogo vocazionale con il Dio dell’alleanza e della misericordia che chiama per inviare e mai per restare.

[…]

 

IO SONO UNA MISSIONE #perlavitadeglialtri

Il titolo è il medesimo anche per il Quaderno MGS Giovani e per i Sussidi MGS per fasce di età.  È un’espressione di Papa Francesco, contenuta nella Evangelii Gaudium al 273: «La missione al cuore del popolo non è una parte della mia vita, o un ornamento che mi posso togliere, non è un’appendice, o un momento tra i tanti dell’esistenza. È qualcosa che non posso sradicare dal mio essere se non voglio distruggermi. Io sono una missione su questa terra, e per questo mi trovo in questo mondo. Bisogna riconoscere sé stessi come marcati a fuoco da tale missione di illuminare, benedire, vivificare, sollevare, guarire, liberare. Lì si rivela l’infermiera nell’animo, il maestro nell’animo, il politico nell’animo, quelli che hanno deciso nel profondo di essere con gli altri e per gli altri. Tuttavia, se uno divide da una parte il suo dovere e dall’altra la propria vita privata, tutto diventa grigio e andrà continuamente cercando riconoscimenti o difendendo le proprie esigenze. Smetterà di essere popolo».

Il sottotitolo è in forma di hashtag, uno slogan breve preceduto dal simbolo # (cancelletto), che verrà usato sui social e sul web per identificare eventi, fatti, azioni, pensieri, ricorrenze e altro ancora.

 

IL QUADERNO GIOVANI E I SUSSIDI MGS

Abbiamo confermato la scelta fatta l’anno scorso di realizzare per i giovani uno strumento più ricco e sviluppato nelle sue parti, perché accompagni il loro cammino personale di riflessione e approfondimento. Quaderno Giovani ha un formato più piccolo, tascabile, ed è pensato per essere dato ad ogni singolo educatore, animatore e giovane.

Invece i Sussidi MGS sono pensati per gli educatori e gli animatori, perché sono poi loro a concretizzare i cammini particolari di fanciulli, preadolescenti e adolescenti.

 

Ricordiamo che per usufruire dei moduli di iscrizione e prenotazione bisogna avere un profilo sul nostro sito. Se non lo hai fatto clicca su login e segui la procedura! Senza un profilo Donboscoland non si aprirà il link sottostante!

 

CLICCA QUI PER PRENOTARE LE TUE COPIE

 

Redazione

  • testo
  • articolo
  • sussidi
  • mgs
  • proposta pastorale
  • formazione
  • fanciulli
  • preadolescenti
  • adolescenti
  • giovani
  • animatori
  • educatori
  • salesiani
  • sacerdoti
  • suore
  • figlie di maria ausiliatrice

 


Ispettoria Salesiana San Marco // Via dei Salesiani, 15 - 30174 Venezia Mestre – VE
C. F. 
80007770268 - P. I. 02360500264 // Codice Registro Regionale Organizzazioni di Volontariato "VE0230"
 Made with love by   /  Powered by 

PRIVACY