I nostri missionari - Mario Bordignon

del 10 ottobre 2017

Riprende con l'11 del mese la sezione dedicata ai profili missionari. Oggi vi presentiamo un salesiano originario di Loria (TV): Mario Bordignon, che da trent’anni vive in mezzo agli indigeni bororo del Mato Grosso, in Brasile.

Mi chiamo Mario Bordignon e da trent’anni vivo in mezzo agli indigeni bororo del Mato Grosso, in Brasile.

Con tutto il rispetto per i grandi missionari del passato, penso che sia più difficile oggi essere missionario perché le interferenze della società occidentale nelle culture indigene sono molto forti.

È il lato negativo del progresso. Da un lato una macchina fotografica o una videocamera sono strumenti preziosi per preservare la cultura, dall’altra i cellulari, la radio, la televisione invadono tutto con la cultura dominante.

Uno dei nostri compiti di missionari è difendere l’identità di un popolo. Il fenomeno della perdita culturale purtroppo è mondiale: si dice che si perdono 2-3 lingue al giorno nel mondo e con la lingua anche la cultura.

Da quando negli anni Ottanta sono andato a lavorare nei villaggi bororo, in particolare a Meruri, l’attività che mi ha più impegnato è stata la creazione di una scuola differenziata che facesse conoscere la cultura nazionale senza perdere la ricchissima cultura bororo.

La cosa più bella che ho fatto è stata di lasciarmi affiancare da un anziano molto competente, che è stato il mio padrino. Io imparavo da lui e facevo da ponte con i ragazzi a scuola. Poco per volta abbiamo realizzato una scuola bilingue interculturale, coinvolgendo anche gli anziani.

Oggi la scuola è in mano ai Bororo: abbiamo formato i maestri, che hanno fatto studi universitari, due miei allievi sono avvocati, il direttore della scuola è indigeno.

Oltre a lottare per la sopravvivenza culturale, ho cercato di aiutare i Bororo nel loro sostentamento economico, vero punto critico.

Il consumismo è arrivato anche qui: i Bororo hanno sperimentato un passaggio brusco dall’economia tradizionale a quella occidentale, faticano a capirne a ad assimilarne i meccanismi. È facile comprare, ma senza comprendere il processo di produzione, spesso sono spaesati.

Infine, li sto accompagnando nella demarcazione delle loro terre. Erano già state create delle riserve ufficiali riconosciute ma i fazenderos, i ricchi proprietari terrieri, le hanno occupate. I Bororo devono recuperare le loro terre.

Oltre a rendere difficile la delimitazione delle loro terre, i fazenderos vogliono che i Bororo affittino le loro terre, quindi le disboscano e piantano per la produzione su larga scala di soia, granoturco, canna da zucchero e per gli allevamenti intensivi di bovini. Questo tipo di produzione orientata al mercato esterno richiede l’uso di molti pesticidi che stanno intossicando le acque e i villaggi indigeni.

Le uniche terre con un po’ di vegetazione in Brasile sono quelle indigene, quindi delimitarle è un bene non solo per gli indigeni, ma anche per tutta la nazione perché sono un polmone verde importantissimo.

I Bororo mi hanno insegnato tanto. Noi occidentali siamo molto impegnati ad accumulare cose materiali. Partecipando ai rituali del funerale bororo mi ha molto impressionato questo: tutto quello che apparteneva al defunto viene bruciato. Io, scandalizzato, ho chiesto perché e il mio padrino, sorpreso dalla mia domanda, mi ha risposto: “Quello che vale di una persona non sono le sue cose ma quello che ha dentro, la sua morale, la sua cultura, il suo sapere”. Sono rimasto zitto e ho imparato.

Bisogna preoccuparsi dell’essenziale della vita.

 

Link alla video intervista:

https://player.vimeo.com/video/207122809

 

MISSIONI DON BOSCO

http://www.missionidonbosco.org

  • missionari
  • Bororo
  • Brasile
  • indigeni
  • missionidonbosco
  • profilimissionari
  • identità
  • popolo
  • lingua
  • servizio
  • volontariato
  • povertà

Avviso per domenica 22 ottobre

Chi intende partecipare alla sola giornata di DOMENICA, per la testimonianza della figlia di Attilio Giordani, ce lo comunichi a mgs@donboscoland.it specificando se desidera il pranzo. Per il pasto caldo fornito da noi chiediamo un contributo di 5€


Associazione Donboscoland // Via dei Salesiani, 15 - 30174 Venezia Mestre – VE
C. F. 91013720288 - P. i. 04151280270 // Codice Registro Regionale Organizzazioni di Volontariato "VE0230"

  Made with love by us.     Powered by