Gli incontentabili e gli accontentàti

del 10 ottobre 2017

I cristiani dovrebbero essere un po' così: insaziabilmente alla ricerca, insoddisfatti delle incoerenze su cui galleggia il mondo, in continuo cammino...

 

C'era una volta, nel tempo remotissimo in cui gli spot erano in bianco-e-nero e si chiamavano «Carosello», lo sketch di una pubblicità intitolato «Gli incontentabili». Una classica famigliola si recava in un negozio per acquistare un certo prodotto e inevitabilmente ne usciva scontenta; finché naturalmente trovava la marca reclamizzata, l'unica che appagasse le esagerate esigenze de «Gli incontentabili», restituendo loro il sorriso.

Beh, pure i cristiani dovrebbero essere un po' così: insaziabilmente alla ricerca («Hai fatto il mio cuore inquieto», Agostino d'Ippona), insoddisfatti delle incoerenze su cui galleggia il mondo, in continuo cammino verso un dove che - già lo sappiamo - non raggiungeremo mai quaggiù... E invece trovo che troppo spesso noi credenti assomigliamo piuttosto a degli «accontentàti»...

«Accontentàti» perché ormai senza grandi aspettative, appagati da un tran tran senza scosse né sorprese.

«Accontentàti» in quanto immersi nell'aurea mediocritas: il perbenismo imborghesito di chi non si sbilancia mai (però si riserva di criticare chi lo fa).

«Accontentàti» perché senza speranza, tristi e ingrigiti nell'attesa di qualcosa che forse accadrà dopo la morte, di certo non su questa terra.

«Accontentàti» e sazi di un benessere che tuttavia si ha timore di condividere, tanto meno con quelli che non sono «dei nostri».

«Accontentàti» perché comunque «ci penserà il Signore a mettere le cose a posto, noi intanto preghiamo...».

Anche i cristiani sono uomini di mondo e come tali sono ormai impregnati dello spirito incattivito e di cinica autodifesa che caratterizza il nostro tempo, spesso arroccati a riccio su posizioni di pura conservazione (sarà per questo che Papa Francesco chiede di porsi «in uscita»?). Non siamo diversi né migliori degli altri, no, anzi a volte una religione mal interpretata ci offre un'impalcatura di pretesti ancora maggiori per rifiutare certe domande inquietanti, o militanze scomode, o ancora confronti destabilizzanti.

Ho partecipato di recente a un matrimonio nel quale il prete (un giovane che deve avere una marcia in più rispetto a tanti colleghi) all'omelia ha augurato alla coppia che celebrava le nozze di avere dell'ansia, un'allergia e un po' di pazzia... E poi, tra la curiosità generale, ha declinato tali «malattie» in senso cristiano: ansia di non sentirsi mai arrivati, allergia alle ingiustizie, pazzia nell'andare controcorrente.

Io, che sono un fratello minore del Sessantotto, ho capito al volo; ma - tra incertezze dell'economia in crisi, angoscia da terrorismo internazionale, arrembante cozzo di civiltà, insicurezze sul lavoro e in famiglia - discorsi del genere non se ne sentono più in giro tanti, nemmeno in chiesa. «Chi si accontenta gode»: forse. Di certo non ha molta voglia di far crescere se stesso e il mondo.

 

Roberto Beretta

http://www.vinonuovo.it

 

 

  • testo
  • articolo
  • roberto beretta
  • accontentarsi
  • cristiani
  • fede
  • stile di vita
  • ricerca
  • vocazione
  • malattia
  • incontentabile
  • adolescenti
  • giovani
  • adulti
  • animatori
  • educatori
  • catechisti
  • genitori
  • insegnanti

 

Avviso per domenica 22 ottobre

Chi intende partecipare alla sola giornata di DOMENICA, per la testimonianza della figlia di Attilio Giordani, ce lo comunichi a mgs@donboscoland.it specificando se desidera il pranzo. Per il pasto caldo fornito da noi chiediamo un contributo di 5€


Associazione Donboscoland // Via dei Salesiani, 15 - 30174 Venezia Mestre – VE
C. F. 91013720288 - P. i. 04151280270 // Codice Registro Regionale Organizzazioni di Volontariato "VE0230"

  Made with love by us.     Powered by