Articoli    Iniziative   Gadgets    Fonti    Media          Chi siamo    Contatti     Calendario

Fake news: gli anziani ne condividono più dei giovani

del 21 febbraio 2019

I più giovani, benché non sempre molto competenti su dove sia meglio informarsi, tendono a farsi qualche domanda in più quando vedono un link verso un sito sconosciuto e potenzialmente meno affidabile di altri...

 

Chi frequenta un po' i social network e ha parenti di una certa età lì presenti già lo sa. Ma oggi diventa ufficiale. Secondo una ricerca condotta presso la Princeton University e la New York University (Stati Uniti), riportata da "il Post" le persone con più di 65 anni tendono a condividere fino a 7 volte più notizie false rispetto ai giovani, contribuendo alla diffusione di informazioni sbagliate spesso pubblicate a fini politici e di propaganda. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Science Advances e sta facendo molto discutere, soprattutto perché s’inserisce nell’ampio dibattito sulle cosiddette “fake news”.

La ricerca è stata condotta esaminando le attività di migliaia di utenti prima e dopo le elezioni del 2016 negli Stati Uniti. In collaborazione con YouGov, i ricercatori hanno messo insieme un panel di 3.500 persone, che comprendeva sia iscritti a Facebook sia persone senza un profilo sul social network, usate come gruppo di controllo. Dopo le elezioni, è stato chiesto agli utenti di Facebook del panel di installare un’applicazione, che consentiva ai ricercatori di raccogliere informazioni sui post che avevano pubblicato, i loro orientamenti politici e religiosi, il genere, l’età e le pagine seguite su Facebook. Circa la metà dei partecipanti iscritti a Facebook ha installato l’app per condividere le informazioni dal suo profilo con i ricercatori.

Studiando i dati, i ricercatori si sono poi accorti di una sensibile differenza tra gli utenti più anziani e quelli giovani su Facebook. L’11 per cento delle persone con più di 65 anni ha diffuso almeno una bufala, contro il 3 per cento delle persone comprese nel gruppo di età tra i 18 e i 29 anni. Se si guarda alla frequenza nella condivisione di notizie false, gli over 65 sono arrivati a pubblicarne fino a 7 volte di più rispetto al gruppo 18-29 anni. Le persone con età tra 45 e 65 anni hanno contribuito a postare notizie false, ma rispetto a loro gli over 65 ne hanno pubblicate il doppio.

I ricercatori si sono limitati a esporre i dati, mentre non hanno fornito particolari valutazioni e conclusioni sul perché le persone più anziane tendano a credere e a diffondere notizie false. Ipotizzano però che una causa possano essere le minori capacità cognitive dovute all’invecchiamento. Un’altra ipotesi è che le persone più anziane abbiano meno dimestichezza con le cose del Web, e siano quindi più esposte ai siti che diffondono disinformazione e pubblicano imbrogli. I più giovani, benché non sempre molto competenti su dove sia meglio informarsi, tendono a farsi qualche domanda in più quando vedono un link verso un sito sconosciuto e potenzialmente meno affidabile di altri.

La scarsa competenza su come funziona Internet è probabilmente la causa principale, ma è molto difficile valutare quanto una persona sia preparata, anche a prescindere dalla sua età. I risultati della ricerca dimostrano comunque che non c’è solamente la responsabilità degli utenti: molte informazioni false nel 2016 sono circolate, e continuano a circolare, proprio per come sono fatti i social network e per come funzionano.

Facebook, per esempio, mostra le anteprime dei link nello stesso modo, sia che si tratti di una fonte affidabile come un grande giornale internazionale, sia nel caso di un sito piccolo e che fa disinformazione. Negli ultimi due anni, e dopo numerose accuse e polemiche sul suo ruolo nel diffondere notizie false, Facebook ha provato ad attenuare il problema, aggiungendo per esempio schede informative sui siti affidabili, in modo da renderli distinguibili più facilmente. Ha anche adottato sistemi per evitare che le bufale circolino troppo, seppure con qualche errore e inefficienza.

 

Documentazione.info

http://acs-italia.org

  • testo
  • articolo
  • social networks
  • fake news
  • informazione
  • disinformazione
  • facebook
  • anziani
  • giovani
  • adolescenti
  • adulti
  • mass media
  • giornale
  • insegnanti
  • animatori
  • educatori
  • genitori

 


Ispettoria Salesiana San Marco // Via dei Salesiani, 15 - 30174 Venezia Mestre – VE
C. F. 
80007770268 - P. I. 02360500264 // Codice Registro Regionale Organizzazioni di Volontariato "VE0230"
 Made with love by   /  Powered by 

PRIVACY





Ispettoria Salesiana San Marco // Via dei Salesiani, 15 - 30174 Venezia Mestre – VE
C. F. 
80007770268 - P. I. 02360500264 // Codice Registro Regionale Organizzazioni di Volontariato "VE0230"
 Made with love by   /  Powered by 

PRIVACY