Articoli    Iniziative   Gadgets    Fonti    Media          Chi siamo    Contatti     Calendario

Beata Madre Teresa: una persona "scomoda"

da Testimoni della Fede

del 04 settembre 2012  (function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));  

 Il segreto di Madre Teresa

          Madre Teresa di Calcutta è diventata beata a tempo di record: appena sei anni dopo la sua morte! E ormai tutti la considerano una "santa". Tuttavia non dimentichiamo che Madre Teresa è una persona "scomoda".

          Chi come è scomodo un limpido raggio di luce quando illumina una parete ammuffita, come è scomoda una persona onesta dentro una combriccola di ladroni; come è scomodo un cuore umile in un raduno di arroganti; come è scomodo un "povero" all'ingresso di una discoteca; come è scomoda una mamma, con due bambini in braccio davanti ad una clinica per aborti.

          Madre Teresa è scomoda! Ne volete una prova? Lasciamola parlare. Ecco una sua affermazione chiara, ma tanto scomoda: "Se nel vostro Paese permettete l'aborto, allora diventate un Paese molto povero. Tanto povero da aver paura anche di bambini".

          Ecco un altro pensiero luminoso ma controcorrente, che ella rivolse a un gruppo di lebbrosi: "Ogni volta che Dio guarda il palmo della Sua mano, vi ci vede disegnati. Per questo ogni vita umana è preziosa: sì, anche voi lebbrosi siete preziosi agli occhi di Dio!".

          Ecco una presentazione di Maria che è, nello stesso tempo, originalissima e fedelissima: "La Madonna fu la prima "dama della carità". Ma, prima di esserlo, si svuotò completamente di se stessa e si offrì come serva del Signore".

          Ecco una sua norma di vita che, nell'attuale società violenta e prepotente, può avere il sapore dell'ingenuità e invece è una perla di autentica sapienza: "Preferirei commettere degli errori con gentilezza e compassione piuttosto che operare miracoli con scortesia e durezza".

          Ecco, infine, una coraggiosa lettura della povertà umana: "I poveri hanno fame di pane, ma soprattutto hanno fame di Dio. La più grande disgrazia dell'India è di non conoscere Gesù Cristo: e, senza Gesù Cristo, non si conosce il valore della vita umana".

          Chi è, allora, Madre Teresa? Ella é una "innamorata di Cristo", è una donna "folgorata dal Crocifisso", nel quale ha visto il Volto di Dio come "Volto di Amore" e ha sentito la sete di Dio come "sete di Amore". E ha risposto all'amore con tutta la sua vita: senza esitazione, senza risparmio, senza mezze misure. E ha cercato i poveri per amarli con l'Amore di Dio e per consolarli con l'unica vera buona notizia, che è questa: "Dio ti ama". A tutti, infatti, ella ripeteva instancabilmente: "God is Love", Dio è amore!

          Il segreto di Madre Teresa sta tutto qui: ed è vale la pena ricordarlo - il segreto stesso del cristianesimo. Potessimo capirlo! Potessimo viverlo tutti un pochino di più!

Ventiquattro domande e ventiquattro risposte Il giorno più bello? Oggi. L’ostacolo più grande? La paura. La cosa più facile? Sbagliarsi. L’errore più grande? Rinunciare. La radice di tutti i mali? L’egoismo. La distrazione migliore? Il lavoro. La sconfitta peggiore? Lo scoraggiamento. I migliori professionisti? I bambini. Il primo bisogno? Comunicare. La felicità più grande? Essere utili agli altri. Il mistero più grande? La morte. Il difetto peggiore? Il malumore. La persona più pericolosa? Quella che mente. Il sentimento più brutto? Il rancore. Il regalo più bello? Il perdono. Quello indispensabile? La famiglia. La rotta migliore? La via giusta. La sensazione più piacevole? La pace interiore. L’accoglienza migliore? Il sorriso. La miglior medicina? L’ottimismo. La soddisfazione più grande? Il dovere compiuto. La forza più grande? La fede. Le persone più necessarie? I sacerdoti. La cosa più bella del mondo? L’amore.

Madre Teresa (Dal volume Madre Teresa. Ricordo e messaggio E.P.)

Chi è Gesù per me Il Verbo fatto carne. Il pane di vita. La vittima che si offre sulla croce per i nostri peccati. Il sacrificio offerto nella santa messa per i peccati del mondo e miei personali. La parola che devo dire. Il cammino che devo seguire. La luce che devo accendere. La vita che devo vivere. L’amore che deve essere amato. La gioia che dobbiamo condividere. Il sacrificio che dobbiamo offrire. La pace che dobbiamo seminare. Il pane di vita che dobbiamo mangiare. L’affamato che dobbiamo sfamare. L’assetato che dobbiamo dissetare. Il nudo che dobbiamo vestire. Il senzatetto al quale dobbiamo offrire riparo. Il solitario al quale dobbiamo far compagnia. L’inatteso che dobbiamo accogliere. Il lebbroso le cui ferite dobbiamo lavare. Il mendicante che dobbiamo soccorrere. L’alcolizzato che dobbiamo ascoltare. Il disabile che dobbiamo aiutare. Il neonato che dobbiamo accogliere. Il cieco che dobbiamo guidare. Il muto a cui dobbiamo prestare la nostra voce. Lo storpio che dobbiamo aiutare a camminare. La prostituta che dobbiamo allontanare dal pericolo e colmare della nostra amicizia. Il detenuto che dobbiamo visitare. L’anziano che dobbiamo servire. Gesù è il mio Dio. Gesù è il mio sposo. Gesù è la mia vita. Gesù è il mio unico amore. Gesù è tutto per me. Gesù, per me, è l’unico.

Madre Teresa (Dal volume Madre Teresa. Ricordo e messaggio E.P.)

Angelo Comastri

http://www.novena.it

  • testo
  • articolo
  • Angelo Comastri
  • madre Teresa di Calcutta
  • educatori
  • giovani
  • adulti
  • animatori


Ispettoria Salesiana San Marco // Via dei Salesiani, 15 - 30174 Venezia Mestre – VE
C. F. 
80007770268 - P. I. 02360500264 // Codice Registro Regionale Organizzazioni di Volontariato "VE0230"
 Made with love by   /  Powered by 

PRIVACY





Ispettoria Salesiana San Marco // Via dei Salesiani, 15 - 30174 Venezia Mestre – VE
C. F. 
80007770268 - P. I. 02360500264 // Codice Registro Regionale Organizzazioni di Volontariato "VE0230"
 Made with love by   /  Powered by 

PRIVACY